Vai al contenuto
vitopennelli

Ripartizione spese portone e vano scala

Buongiorno

ultimamente abbiamo realizzato la tinteggiatura dell'androne del portone e vano scala,inoltre abbiamo fatto lavori di restyling del portone.

La palazzina in oggetto e' composta da:

1 - Locali commerciali a piano terra .(questi hanno accesso nel portone condominiale attraverso due porte, oltre all'accesso principale dalla strada)

2 - Appartamento a piano rialzato con regolare accesso dal portone condominiale.

3 - 2 appartamenti al piano primo '' ''

4 - 2 appartamenti al piano secondo '' ''

5 - 2 appartamenti (mansarde) al piano terzo. '' ''

Desidero sapere i locali commerciali partecipano per una o due quote nella ripartizione delle spese su citate ?

In attesa di una vostra chiara risposta vi saluto e ringrazio anticipatamente

VITO

Non esistono una o due quote, ma esistono i millesimi di proprietà, per cui la spesa, fatto salvo altri accodi unanimi o convenzioni diverse si dovranno ripartite per mlm di proprietà di ciascun condomino proprietario del portone, dell'androne e vano scala.

Come da me accennato ,le tabelle millesimali non esistono :Fino a oggi la gestione e' stata condotta in maniera bonaria anche perche' in mancanza di ascensore le spese sostenute erano acqua e luce condominiale che erano divise in parti uguali.Per questo motivo parlavo di quote .

Come da me accennato ,le tabelle millesimali non esistono :Fino a oggi la gestione e' stata condotta in maniera bonaria anche perche' in mancanza di ascensore le spese sostenute erano acqua e luce condominiale che erano divise in parti uguali.Per questo motivo parlavo di quote .
Potete approvare una tabella millesimale provvisoria sulla base dei metri quadrati, o sul valore catastale o qualsiasi altra maniera, col beneficio del conguaglio quando saranno approvate le tabelle definitive;

 

In tema di ripartizione delle spese di condominio, la mancanza di tabelle millesimali applicabili in relazione alle spese effettuate consente all'assemblea condominiale di adottare, a titolo di acconto e salvo conguaglio, tabelle provvisorie. (Pertanto la deliberazione assembleare maggioritaria, con la quale si sia proceduto alla ripartizione temporanea e provvisoria delle spese in base a una tabella non adottata con il consenso di tutti i condomini, è legittima.) - (Cass. civ., sez. II, 21 novembre 2006, n. 24670)

×