Vai al contenuto
ciccio71

Ripartizione spese per rifacimento parte impianto idrico condominiale

L’impianto idrico del condominio in cui abito è cosi formato: da una chiave di arresto principale si dirama in due condutture (a) e (b); la conduttura (a) va ad alimentare nr. 4 appartamenti mentre la conduttura (b), dopo aver attraversato in orizzontale i locali garages, arriva in un intercapedine di uso comune a tutti i condomini. La conduttura (b) all’interno dell’intercapedine si suddivide ulteriormente in altre due condutture © e (d); la conduttura ©, dopo circa 4 metri in orizzontale, risale, e va ad alimentare nr. 3 appartamenti; la conduttura (d), dopo circa 15 metri in orizzontale, risale, e va ad alimentare altri nr. 3 appartamenti. La conduttura da sostituire è la porzione orizzontale della (d), dal punto di diramazione dalla condotta (b) fino al punto in cui, ad angolo retto, risale verso gli appartamenti che alimenta (gli ultime tre). Come vanno ripartite le spese per la sostituzione di tale conduttura: in base ai millesimi, in parti uguali o vanno addebitate ai soli condomini ai quali il tratto di conduttura serve l’acqua? Ringrazio anticipatamente tutti.

E' un classico caso di condominio parziale cc art. 1117 punto 3) e art. 1123 3° c., per cui la riparazione sarà dovuta da chi ne usufruisce, salvo accordi o convenzioni o titoli diversi.

cc Art. 1117. Parti comuni dell'edificio.

Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole unità immobiliari dell'edificio, anche se aventi diritto a godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo:

3) le opere, le installazioni, i manufatti di qualunque genere destinati all'uso comune, come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli impianti idrici e fognari, i sistemi centralizzati di distribuzione e di trasmissione per il gas, per l'energia elettrica, per il riscaldamento ed il condizionamento dell'aria, per la ricezione radiotelevisiva e per l'accesso a qualunque altro genere di flusso informativo, anche da satellite o via cavo, e i relativi collegamenti fino al punto di diramazione ai locali di proprietà individuale dei singoli condomini, ovvero, in caso di impianti unitari, fino al punto di utenza, salvo quanto disposto dalle normative di settore in materia di reti pubbliche.

cc Art. 1123. Ripartizione delle spese.

Qualora un edificio abbia più scale, cortili, lastrici solari, opere o impianti destinati a servire una parte dell'intero fabbricato, le spese relative alla loro manutenzione sono a carico del gruppo di condòmini che ne trae utilità.

Grazie per la chiarissima risposta.

Quindi le spese andranno ripartite tra i 3 condomini che vengono serviti dal tratto di conduttura da sostituire e in base alle tabelle millesimali (tabella A) calcolando le dovute proporzioni?

Ringrazio anticipatamente

La spesa sarà a carico dei condomini che usufruiscono del tratto da sostituire, e divisa in modo proporzionale al valore delle loro proprietà.

Salve, abito in un condominio orizzontale con rete idrica condominiale e contatori a discarica. 2 anni fà staccatomi dalla rete idrica condominiale ho richiesto alla società di distribuzione con regolare contratto l'installazione di un contatore individuale con rete idrica propria. Desidero sapere se, pur consapevole di dover sostenere le spese relative alle opere straordinarie e conservazione della cosa comune devo anche partecipare alle spese relative alle eccedenze tra il l'effettivo consumo del contatore condominiale e la somma dei singoli contatori in uso agli altri condomini. Grazie

×