Vai al contenuto
girmi

Ripartizione spese per dissuasori

Con il consenso di 9 condomini e di 995,013 millesimi, abbiamo comperato e fatto mettere in opera, i dissuasori, solo un condomino, proprietario di un garage ma con abitazione esterna, non era presente all'assemblea. Per decisione della totalità dei presenti si è deciso di suddividere le spese per ogni condomino e non per millesimi. Ora il problema è che questo " condomino esterno" vuole che la spesa sia suddivisa per millesimi, noi riteniamo di aver fatto una giusta suddivisione e pertanto, non gli renderemo la quota che " l'esterno" ritiene illegale. ..... come dobbiamo comportarci ? .... Per scelta, di tutti i proprietari , non abbiamo l'amministratore.

Le spese condominiali, tranne rari casi, vanno ripartite applicando la tabella millesimale appropriata. Nel vostro caso, il condòmino ha ragione poiché per andare in deroga alla ripartizione legale è necessaria l'unanimità cioè 1000/1000.

Voi non l'avete conseguita..

Scusa, ma come si fa a raggiungere l'unanimità se quest'ultimo non è mai presente ? Come si possono prendere decisioni, se ogni volta che lo si invita, una volta all'anno, non manda neppure un delegato ! Questo si lamenta per tutto, abbiamo fatto un barbecu, non gli abbiamo chiesto nulla, anche se ne ha il beneficio dell'aumento di valore, visto che è divenuto parte integrante del condominio. Questo " signore", dovrebbe avere la dignità di presentarsi e confrontarsi, in una civile discussione, non credi ?

io certi dubbi li trovo inverosimili!

ma è possibile che a un proprietario di box,solo di box, possa essere soltanto pensato di addebitare la spesa per i dissuasori??

ha il balcone? ha delle finestre con davanzale sul parco?

E' lui il responsabile delle incursioni pennute sui davanzali o sui frontalini e delle tracce bianco scure lasciate in ricordo?

usufruisce in qualche modo di tale magico ritrovato?

la risposta è ovviamente no e allora pagasse chi ne ha bisogno.

E se si dovesse prendere a maggioranza una diversa decisione è ovvio che potrebbe essere impugnata.

E' sempre il rapporto della spesa con l'utilizzo che deve venir preso in considerazione.

Lo dice l'art. 1123,insomma,e una logica men che elementare..

Appunto. Ha offerto più del dovuto, dicendosi disposto a contribuire per millesimi, accontentatevi anche se si tratta di spicci.

Tra l'altro, ci sarebbe anche da vedere come assumete le vostre decisioni, visto che siete in dieci e l'amministratore è obbligatorio. Quello che gli chiedete potrebbe pure non darvelo affatto.

Se fin dall'inizio si avesse il quadro preciso dell'argomento da discutere, si eviterebbe di interpretare. Quando parli di dissuasori, potrebbe trattarsi anche dei dissuasori per evitare il il parcheggio in zone vietate, ad esempio.

Ritornando all'argomento in questione, concordo con efisio sia per l'amministratore che per la ripartizione in millesimi.

Tengo a precisare che, proprio il possessore del solo box, propose di non avere l'amministratore e che quindi i toni usati nei miei confronti, li ritengo assurdi.. Per quello che riguarda l'informazione richiesta, ribadisco che è tale, cioè un'informazione da un non esperto, anche in questo caso, ritengo assurda la presa di posizione... Sig Efisio, lei crede che io o gli altri condomini siamo contenti del metodo usato ? le assicuro di no, ed è proprio per questo che abbiamo chiesto all'interessato di documentarsi e di renderci edotti del metodo da usare .... Ribadisco che, se si fosse presentato ad un'assemblea, dopo quella iniziale del 1999, probabilmente, questa mia richiesta, non ci sarebbe stata ... quindi , moderare i termini di intervento, sarebbe augurabile, Sig Efisio !

Tengo a precisare che, proprio il possessore del solo box, propose di non avere l'amministratore e che quindi i toni usati nei miei confronti, li ritengo assurdi.. Per quello che riguarda l'informazione richiesta, ribadisco che è tale, cioè un'informazione da un non esperto, anche in questo caso, ritengo assurda la presa di posizione... Sig Efisio, lei crede che io o gli altri condomini siamo contenti del metodo usato ? le assicuro di no, ed è proprio per questo che abbiamo chiesto all'interessato di documentarsi e di renderci edotti del metodo da usare .... Ribadisco che, se si fosse presentato ad un'assemblea, dopo quella iniziale del 1999, probabilmente, questa mia richiesta, non ci sarebbe stata ... quindi , moderare i termini di intervento, sarebbe augurabile, Sig Efisio !

Mi scusi: moderare i termini de che?

Io ho scritto due post. Mi dica Lei, per favore, dove sarebbe la non-moderazione. Grazie

E' noto che io non sia esperto, altrimenti non avrei chiesto istruzioni e consigli, la sua " non moderazione" sta nel fatto di aver ribadito, il commento precedente il suo, non certamente istruttivo ma al limite offensivo, mentre, ritengo che da consigliere ed esperto, mi sarei aspettato come e cosa avrei dovuto esporre in assemblea condominiale, ecco cosa mi sarei aspettato, ribadire la mia ignoranza delle norme, altro non fa che aumentare l'intolleranza verso coloro non conoscono la materia. Spero di essere stato chiaro, circa la " non moderazione", che tutt'altra cosa del rispetto che ho verso chiunque, anche coloro che non conoscono le materie di cui mi occupo.

Partiamo da questa affermazione..

noi riteniamo di aver fatto una giusta suddivisione e pertanto, non gli renderemo la quota che " l'esterno" ritiene illegale.

Caro sig. girmi, Le è stato detto chiaramente che le spese in condominio si ripartono in base alle tabelle millesimali.. questo dice la legge. la legge dice, inoltre, che in alcuni casi, per talune fattispecie, è possibile derogare. La deroga, come è stato detto, al criterio legale di ripartizione deve essere adottata all'unanimità e voi non l'avete raggiunta. Il condòmino che chiede l'applicazione delle tabelle è nel suo diritto che vengano applicate. Il fatto che non si presenti e non dia delega ad alcuno se da un lato può essere censurato dall'altro è nella sua facoltà scegliere di non partecipare. Ciò non toglie che debba essere applicato ciò che dice la legge e non ritenendo di aver fatto una giusta divisione

Questo, tanto per inquadrare la questione.

Per sua informazione e per quella degli altri condòmini che la pensano come lei, le riporto ciò che prevede il codice civile:

Art. 1123 c.c. I comma

Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell’edificio, per la prestazione dei servizi nell’interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione.

P.s.

"l'esterno" è un condòmino con gli stessi vostri diritti

..... la sua " non moderazione" sta nel fatto di aver ribadito, il commento precedente il suo, non certamente istruttivo ma al limite offensivo, mentre, ritengo che da consigliere ed esperto, mi sarei aspettato come e cosa avrei dovuto esporre in assemblea condominiale, ecco cosa mi sarei aspettato, ribadire la mia ignoranza delle norme, altro non fa che aumentare l'intolleranza verso coloro non conoscono la materia.

Nel post 6 nessuno Le ha dato dell'ignorante in materia, nè mi pare l'abbia offesa.

Qualora Lei percepisca diversamente, oltre ad essere un Suo problema, a prescindere che questo è un forum e io ribadisco quello che mi pare, se Lei ha qualcosa in contrario con chi mi ha preceduto se la deve prendere con tutti quanti e non solamente col sottoscritto. Visto che tira in ballo l'educazione e gli annessi.

 

Ma forse è un pò lo stesso metro di giudizio della Sua questione condominiale.

×