Vai al contenuto
maxis

Ripartizione spese luce e pulizia scale in diverse zone

Salve, 

    Nel nostro condominio abbiamo un contatore unico per la luce scale e la luce nella zona box.

Esiste una tabella millesimale per zona box e una per la luce scale e pulizie.

Il nostro amministratore senza fare nessuna riunione ha fatto una ripartizione per cui la luce totale viene ripartita al 70% per scale e ascensore e 30% zona box. Per le pulizia scale 80% scale 20% zona box. 

Vorrei sapere se è corretta una cosa del genere e come fa a stabilire lui. Non si sarebbe dovuto stabilire in un assemblea quali siano le varie percentuali? Non tutti hanno il box alcuni solo posto auto e la zona box non è molto frequentata non siamo molti condomini quindi non capisco queste percentuali.

Mi date una mano a capire qual'è la cosa giusta da fare?

Tra l'altro l'amministratore ha fatto il calcolo delle quote senza nessuna riunione per approvare un bilancio preventivo.

 

Modificato da maxis
maxis dice:

Salve, 

    Nel nostro condominio abbiamo un contatore unico per la luce scale e la luce nella zona box.

Esiste una tabella millesimale per zona box e una per la luce scale e pulizie.

Il nostro amministratore senza fare nessuna riunione ha fatto una ripartizione per cui la luce totale viene ripartita al 70% per scale e ascensore e 30% zona box. Per le pulizia scale 80% scale 20% zona box. 

Vorrei sapere se è corretta una cosa del genere e come fa a stabilire lui. Non si sarebbe dovuto stabilire in un assemblea quali siano le varie percentuali? Non tutti hanno il box alcuni solo posto auto e la zona box non è molto frequentata non siamo molti condomini quindi non capisco queste percentuali.

Mi date una mano a capire qual'è la cosa giusta da fare?

Tra l'altro l'amministratore ha fatto il calcolo delle quote senza nessuna riunione per approvare un bilancio preventivo.

 

In mancanza di contatori di sotto lettura (ne basterebbe uno) è possibile che la ripartizione proposta sia il risultato di una stima della potenza complessiva in Kw delle lampade che illuminano la scala e di quella delle lampade che illuminano la zona box.

La percentuale adottata per la pulizia scala è possibile che sia ottenuta in base alla differenzazoine dei relativi costi forniti dalla ditta su richiesta dall’amministratore.

In ogni caso l’assemblea potrà modificare le percentuali adottate dall’amministratore ed eventualmente deliberare la messa in opera di contatori di sotto lettura per il calcolo effettivo dei consumi di energia elettrica della scala e dell’autorimessa, da ripartire secondo le tabelle allegate al condominio o, in mancanza di tabelle, secondo i criteri di legge.

  • Mi piace 1
maxis dice:

Tra l'altro l'amministratore ha fatto il calcolo delle quote senza nessuna riunione per approvare un bilancio preventivo.

 

se il bilancio preventivo è stato approvato con queste quote, mi sembra tutto regolare.

In ogni caso confermo quanto detto da G.Ago.

G.Ago dice:

In mancanza di contatori di sotto lettura (ne basterebbe uno) è possibile che la ripartizione proposta sia il risultato di una stima della potenza complessiva in Kw delle lampade che illuminano la scala e di quella delle lampade che illuminano la zona box.

La percentuale adottata per la pulizia scala è possibile che sia ottenuta in base alla differenzazoine dei relativi costi forniti dalla ditta su richiesta dall’amministratore.

In ogni caso l’assemblea potrà modificare le percentuali adottate dall’amministratore ed eventualmente deliberare la messa in opera di contatori di sotto lettura per il calcolo effettivo dei consumi di energia elettrica della scala e dell’autorimessa, da ripartire secondo le tabelle allegate al condominio o, in mancanza di tabelle, secondo i criteri di legge.

Nella zona box ci sono 4 lampade che si accendono solo al passaggio delle persone ci sta un rilevatore di movimento e un sensore crepuscolare. Per uscire dalla zona box ci sta un cancelletto  automatico ma teoricamente non dovrebbe far parte della zona di manovra box, tra l'altro un condomino ha un box esterno alla zona garage e quindi non usufruisce della luce della zona di manovra ma comunque utilizza il cancello per uscire. Quindi il 30% per 4 lampade mi pare eccessivo o no? Inoltre per il condomino che ha box esterno ovviamente nella tabella millesimale della zona di manovra non compare ma come dicevo pero usa il cancello che credo consumi di piu no?

JOSEFAT dice:

se il bilancio preventivo è stato approvato con queste quote, mi sembra tutto regolare.

In ogni caso confermo quanto detto da G.Ago.

Non è stato approvato nessun bilancio e non è stata fatta nessuna riunione in merito alle quote.

Questo è regolare?

Modificato da maxis
maxis dice:

Non è stato approvato nessun bilancio e non è stata fatta nessuna riunione in merito alle quote.

Questo è regolare?

certo che no, senza un preventivo approvato l'amministratore non potrebbe richiedere il pagamento delle quote di spesa. 

Mi chiedo nel regolamento ci sta una tabella millesimale per la manutenzione ascensore e scale.

Un altra per manutenzione zona box.

Vorrei sapere per legge se ci sta una tabella millesimale zona box si deve usare anche questa?

O basta usare la tabella che è stata predisposta per ascensore e scale?

Grazie

 

maxis dice:

Mi chiedo nel regolamento ci sta una tabella millesimale per la manutenzione ascensore e scale.

Un altra per manutenzione zona box.

Vorrei sapere per legge se ci sta una tabella millesimale zona box si deve usare anche questa?

O basta usare la tabella che è stata predisposta per ascensore e scale?

Grazie

 

La tabella box è utilizzata per la ripartizione delle spese che riguardano le proprietà dei box, fra cui quella della pulizia e illuminazione oggetto del quesito iniziale.

La suddetta tabella è derivata da quella generale di proprietà, separando i box dalle altre unità immobiliari facenti parte del condominio.

L’utilizzo della suddetta tabella, che potrebbe anche non esistere, comporta la ripartizione della spesa relativa ai box in applicazione dell’articolo 1123 del c.c , comma 3 (condominio parziale).

maxis, ti spiego il mio caso. Per tanti anni l'amministratore ripartiva le spese luce e pulizia tutte sulla tabella scale. Nessuno si è mai lamentato per ignoranza dilagante. Solo io, all'ultimo piano, ho sempre fatto numerose rimostranze alle quali non ha mai fatto seguito un risultato positivo.

Poi sono diventato io amministratore. Ho chiesto alla ditta di pulizia, visto che non c'era neanche un contratto, di informarmi circa la loro ripartizione del lavoro tra scale e box. Dopodichè ho redatto un contratto con le relative percentuali di spesa. Quindi ho cominciato a ripartire le spese in percentuali.

Per quanto riguarda le luci, alla prima approvazione di bilancio, ho inserito un prospetto di funzionamento delle luci box, considerando un X di ore di accensione per numero X di lampade. Poi ho assegnato il costo del kWh per le ore totali. Da lì in poi, dalla bolletta luce, viene scorporata la quota box ed il resto viene addebitato alle scale.

 

Modificato da sonio
G.Ago dice:

La tabella box è utilizzata per la ripartizione delle spese che riguardano le proprietà dei box, fra cui quella della pulizia e illuminazione oggetto del quesito iniziale.

La suddetta tabella è derivata da quella generale di proprietà, separando i box dalle altre unità immobiliari facenti parte del condominio.

L’utilizzo della suddetta tabella, che potrebbe anche non esistere, comporta la ripartizione della spesa relativa ai box in applicazione dell’articolo 1123 del c.c , comma 3 (condominio parziale).

Capito ho chiesto a chi ha redatto i millesimi per la tabella box e non conisidera chi ha il posto auto e non i box e comunque accede alla zona di manovra garage. in questo caso?

sonio dice:

maxis, ti spiego il mio caso. Per tanti anni l'amministratore ripartiva le spese luce e pulizia tutte sulla tabella scale. Nessuno si è mai lamentato per ignoranza dilagante. Solo io, all'ultimo piano, ho sempre fatto numerose rimostranze alle quali non ha mai fatto seguito un risultato positivo.

Poi sono diventato io amministratore. Ho chiesto alla ditta di pulizia, visto che non c'era neanche un contratto, di informarmi circa la loro ripartizione del lavoro tra scale e box. Dopodichè ho redatto un contratto con le relative percentuali di spesa. Quindi ho cominciato a ripartire le spese in percentuali.

Per quanto riguarda le luci, alla prima approvazione di bilancio, ho inserito un prospetto di funzionamento delle luci box, considerando un X di ore di accensione per numero X di lampade. Poi ho assegnato il costo del kWh per le ore totali. Da lì in poi, dalla bolletta luce, viene scorporata la quota box ed il resto viene addebitato alle scale.

 

Grazie Sonio per la condivisione della tua esperienza credo che bisognerà fare come dici tu. 

A limite mettere un sottocontatore.

 

L’esperienza esposta da sonio coincide con quanto ipotizzato nel mio post #2 in risposta alle tue domande sull’operato dell’amministratore.

Presumibilmente il tuo amministratore ha agito come sonio, che oltre a chiedere all’impresa di pulizie la differenziazione dei costi relativi alla pulizia della scala e dell’autorimessa, ha stimato i consumi elettrici e non ha montato un sotto contatore.

 

Se i posti auto sono al coperto nella zona box con attribuzione di millesimi, anch’essi partecipano alle spese dell’autorimessa pro quota millesimale.

Se privi di millesimi, l’assemblea dovrà stabilire una percentuale di spesa da attribuire ai posti auto.

 

G.Ago dice:

L’esperienza esposta da sonio coincide con quanto ipotizzato nel mio post #2 in risposta alle tue domande sull’operato dell’amministratore.

Presumibilmente il tuo amministratore ha agito come sonio, che oltre a chiedere all’impresa di pulizie la differenziazione dei costi relativi alla pulizia della scala e dell’autorimessa, ha stimato i consumi elettrici e non ha montato un sotto contatore.

 

Se i posti auto sono al coperto nella zona box con attribuzione di millesimi, anch’essi partecipano alle spese dell’autorimessa pro quota millesimale.

Se privi di millesimi, l’assemblea dovrà stabilire una percentuale di spesa da attribuire ai posti auto.

Si avrà fatto stima esattamente come dicevi tu e Sonio. Per i posti auto sono scoperti e si trovano a fianco della zona manovra box. Una volta parcheggiata l'auto possono accedere tramite zona manovra al palazzo.

Modificato da maxis
Volevo aggiungere altre informazioni

scusate se mi intrometto in questa discussione , mi trovo negli ultimi a bollette enel sempre in aumento; la spesa di 300 euri annuali è composta al 75% dai fissi e il rimanente per la scala e la pompa della fogna; chiedevo un consiglio se posso dividere la quota fissa in 4 che sono gli inquilini e il resto per l'altezza ed a tal  proposito la palazzina è così formata piano terreno, primo, secondo , piano interrato e sotto questo le cantine e uscita a giardino ... giusto calcolare 1+2+3+2(interrato) ma per le cantine che faccio? tutti posso accedervi e quindi ??

Scusa, ma se sono in 4 (condòmini e non inquilini) perchè non si riuniscono e decidono sul da farsi? Possibile mai che hanno bisogno di una terza persona per suddividere le spese?

Cmq non devi suddividere parte fissa e variabile, suddividi direttamente il totale in base alle proporzioni che decidono loro. Capirai mai... 300 euro annui, 25 euro mensili, 6.25 euro cadauno mensili. Quanto può cambiare: 25/50 centesimi per piano?

Modificato da sonio

pardon , io sono l'inquilino del piano secondo e avendo pagato per 15 anni una percentuale alta ma su spesa di 100 eu lasciavo perdere , ora è triplicata e i centesimi si fanno sentire , cosa che succedeva anche per l'acqua che passata da 100 a 500 eu risolto con l'installazione dei contatori ; mi date suggerimento su "1+2+3+2(interrato) oppure 0(piano terra il + buio) +1+2+1"  grazie(Sonio) e altri per le risposte

×