Vai al contenuto
Wisdom74

Ripartizione spese lavori straordinari - condomino costruttore

Salve a tutti.

 

Non so se si tratta di un argomento complesso, ma provo a spiegare.

 

Il condominio nel quale abito ha presentato da tempo difetti strutturali di vario genere, ma, recentemente, si è dovuti intervenire in modo drastico sull'impianto fognario, il quale non poteva più essere gestito senza lavori massicci.

I lavori sono stati effettuati e il condominio si è costituito parte in causa contro il costruttore, il quale, allo stesso tempo, detiene buona parte dei millessimi el condominio stesso.

L'amministratore ha ripartito le spese per i lavori secondo i millesimi da ciascuno posseduti, escludendo però il costruttore da ogni forma di pagamento delle spese stesse.

Sia la causa che i lavori sono stati ovviamente approvati a maggioranza (per i lavori penso ci fose anche un'ingiunzione comunale a procedere).

La domanda è la seguente: è una procedura corretta?

E' chiaro che la legge è legge, ma non sarebbe più logico far pagare anche lui e, nel caso di sua condana a pagare un risarcimento, detrargli quanto già avrà pagato per i lavori di ristrutturazione? In caso contrario, qualora sia giudicato non responsabile o, come si teme, la causa vada in prescrizione, sarebbe l'unico condomino a non aver versato un centesimo per i lavori, comunque necessari e inderogabili.

Vi ringrazio in anticipo per l'attenzione e attendo qualche chiarimento da chi ne è in grado.

Saluti,

 

Pietro Meloni

ciao

 

se i lavori fognari interessavano anche le proprietà del costruttore venditore, non vedo quale giustificazione possa aver addotta l'amministratore per non attribuirgli spese, anche in presenza di regolamento contrattuale con esonero spese dello stesso.

Da quanto poi ho capito, si tratterebbe di vizi gravi. Sono stati regolarmente contestati e quando e come e da chi ?

Avete fatto i lavori ma siete in causa. La stessa è ex post lavori o ex ante ?

Grazie per la risposta.

 

La causa è ex ante lavori e i vizi sono stati contestati a seguito di costituzione in causa del condominio (con l'ovvia esclusione del costruttore/condomino) già da tempo.

Rettifico.

 

La causa contro il costruttore/condomino è ex ante lavori ma più complessa la situazione pregressa.

 

Un condomino fece causa al condominio in seguito all'infiltrazione di liquami nei propri locali (si tratta di un'attività commerciale) e vinse la causa. A seguito di ingiunzione del giudice ad effettuare lavori di riparazione (a carico del condominio, parte soccombente), il condominio stesso, prima dell'inizio degli stessi e a seguito della causa sopra citata, ha citato in giudizio il costruttore.

ciao

 

mi auguro che siano stati rispettati i tempi e che il tutto non sia prescritto.

×