Vai al contenuto
eGisTiSSiMo

Ripartizione spese elettricità comuni

Salve,

ho da poco redatto le tabelle millesimali di un condominio composto da 7 piani fuori terra.

al piano terra non ci sono appartamenti. dal 1^ al 5^ piano ci sono tre appartamenti per piano.

al piano 6^ ci sono dei sottotetti adibiti a deposito.

la corsa dell'ascensore va dal piano terra al piano 5^. al sesto piano si accede tramite scale condominiali.

ho redatto la tabella dei millesimi generali, tabella scale ed ascensore, e oggi mi hanno chiesto in che modo vanno ripartite le spese di elettricitá relativa ad ascensore e luce scale.

mi dicono che le spese attualmente sono divise per millesimi di proprietá e che l'amministratore é in combutta con un paio di condomini. considerando che non sono presenti dei sottocontatori (di cui avevo consigliato l'installazione in modo da conoscere precisamente la quota di elettricitá dovuta alle scale ed all'ascensore) le mie domande sono:

1) come bisogna ripartire precisamente le spese? esempio: di una ipotetica bolletta di 100€ quanto é dovuto all'ascensore e quanto alle scale?

2) una volta capita la quota ascensore e la quota luce scale, queste come si dividono? bisogna far riferimento alla tabella scale o in base ai millesimi di proprietá?

preciso, comunque, che il calcolo della tabella scale ed ascensore è stato condotto utilizzando il metodo convenzionale di metà tabella relativa all'altezza di piano e metà relativa al valore di piano.

grazie a tutti quelli che vorranno dedicare tempo per una risposta.

Hai un unico contatore? Oltre all'ascensore e luce scale c'è l'autoclave /citofono / C.le termica ?

Certamente l'installazione dei contatori di sotto lettura è un'ottima soluzione.

Darti un'idea di come ripartire non è semplice..

Ti posso suggerire di ripartire 70% ascensore e 30% luce scale.

Ciao

Hai un unico contatore? Oltre all'ascensore e luce scale c'è l'autoclave /citofono / C.le termica ?

Certamente l'installazione dei contatori di sotto lettura è un'ottima soluzione.

Darti un'idea di come ripartire non è semplice..

Ti posso suggerire di ripartire 70% ascensore e 30% luce scale.

Ciao

Innanzitutto grazie per la risposta.

Le % da te indicate sono simili a quelle che avevo in mente. Ad ogni modo non vi sono altre spese comuni se non quelle relative a scale (pulizia ed illuminazione) ed ascensore.

Mi resta però il dubbio su come vanno ripartite tra i diversi condòmini.

La mia idea è che le spese di illuminazione comune vadano ripartite secondo la tabella scale (calcolata come descritto nel primo post), mentre quelle per l'ascensore secondo la tabella ascensore. Sono nel torto o la mia idea si basa su qualche fondamento?

Grazie a chi vorrà rispondermi.

Le spese per l'energia elettrica per l'uso dell'ascensore, quella per l'illuminazione delle scale e pulizia delle scale vanno ripartite in maniera proporzionale all'altezza del piano, ovvero se il 1° piano paga 100 il 2° pagherà 200 il 3° 300 e così via, ed ogni piano poi ripartirà la sua parte tra le u.i. del piano in maniera proporzionale al valore.

 

esempio, stabile con 5 piani

1+2+3+4+5 = 15 (spesa 1500,00 €)

1° p. 1500 : 15 x 1 = 100,00 €

2° p. 1500 : 15 x 2 = 200,00 €

3° p. 1500 : 15 x 3 = 300,00 €

4° p. 1500 : 15 x 4 = 400,00 €

5° p. 1500 : 15 x 5 = 500,00 €

 

In tema di condominio negli edifici, la ripartizione della spesa per la pulizia delle scale va effettuata in base al criterio proporzionale dell'altezza dal suolo di ciascun piano o porzione di piano a cui esse servono, in applicazione analogica,"in parte qua", dell'art. 1124 cod.civ., il quale segue, con riferimento al suddetto criterio, il principio generale posto dall'art. 1123, II comma, c.c., della ripartizione della spesa in proporzione all'uso del bene e trova la propria ratio nella considerazione di fatto che i proprietari dei piani alti logorano le scale in misura maggiore rispetto ai proprietari dei piani bassi. Deve farsi riferimento, pertanto, per la ripartizione delle spese in questione, in via analogica, alla regola posta dall'articolo 1124,I comma, c.c.. Di tale precetto, peraltro, può applicarsi, con riguardo alle pulizia e illuminazione delle scale, solo la sua seconda parte - che prevede la ripartizione del relativo onere in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo - mentre è inapplicabile la prima (che prevede che metà delle spese sia ripartita in ragione del valore dei singoli piani o porzioni di piani).

Cass civ., Sez. II, 12 gennaio 2007, n. 432

×