Vai al contenuto
Shaw

Ripartizione Spese condominiali - pretendere un amministratore

Buongiorno a tutti.

Innanzitutto vorrei precisare che sono nuovo del forum e se ho sbagliato ad aprire una nuova discussione perdonatemi ma la domanda essendo molto specifica credo non ricada in nessun altro post già aperto.

 

Scrivo qui dopo aver ricercato per molto tempo informazioni sul web ma mai precise sul mio caso.

Si tratta di un immobile di 6 appartamenti, 3 piani e 2 appartamenti a piano ma con 3 soli proprietari (un proprietario ha 4 case locate).

 

Può il proprietario di un solo appartamento (contro il parere degli altri 5 condomini) pretendere un amministratore?

Noi altri 5 sappiamo bene vi siano molte garanzie ad avere un amministratore ma non concepiamo questa ripicca (nata dalla sua lite con un altro condomine per futili motivi). Sono più di venti anni che ci gestiamo autonomamente ma ora il soggetto (che per 10 anni è stato in assoluto silenzio) per una querelle da poco "pretende l'amministratore".

Ho letto di una "facta concludentia". E' questo il caso?

Fin dove può spingersi con le pretese?

Vi ringrazio fin d'ora per la cortese attenzione.

Non dici esattamente quanti sono i condomini, ma dalla composizione del fabbricato che hai descritto, sicuramente non sono superiori ad otto, per cui un solo condomino non può pretendere la nomina di un amministratore (cc art. 1129)

Solo l'assemblea regolarmente convocata ed a maggioranza dell'art. 1136 cc comma due potrà nominarlo.

Non dici esattamente quanti sono i condomini, ma dalla composizione del fabbricato che hai descritto, sicuramente non sono superiori ad otto, per cui un solo condomino non può pretendere la nomina di un amministratore (cc art. 1129)

Solo l'assemblea regolarmente convocata ed a maggioranza dell'art. 1136 cc comma due potrà nominarlo.

Infatti.💪

Può il proprietario di un solo appartamento (contro il parere degli altri 5 condomini) pretendere un amministratore?

---------------------------------------------------------------------------

Si,ma deve andare in tribunale,se...

... ciascun partecipante può ricorrere all'autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglioe può anche nominare un amministratore.

 

http://www.brocardi.it/codice-civile/libro-terzo/titolo-vii/capo-i/art1105.html

Può il proprietario di un solo appartamento (contro il parere degli altri 5 condomini) pretendere un amministratore?

---------------------------------------------------------------------------

Si,ma deve andare in tribunale,se...

... ciascun partecipante può ricorrere all'autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglioe può anche nominare un amministratore.

 

/QUOTE]

Pare il caso, però, che il condominio in questione sia composto da un numero di partecipanti inferiore a nove....

...Si tratta di un immobile di 6 appartamenti, 3 piani e 2 appartamenti a piano ma con 3 soli proprietari (un proprietario ha 4 case locate).

 

Può il proprietario di un solo appartamento (contro il parere degli altri 5 condomini) pretendere un amministratore?

Noi altri 5 sappiamo bene vi siano molte garanzie ad avere un amministratore ma non concepiamo questa ripicca (nata dalla sua lite con un altro condomine per futili motivi). Sono più di venti anni che ci gestiamo autonomamente ma ora il soggetto (che per 10 anni è stato in assoluto silenzio) per una querelle da poco "pretende l'amministratore".

Ho letto di una "facta concludentia". E' questo il caso?

Fin dove può spingersi con le pretese?

Vi ringrazio fin d'ora per la cortese attenzione.

Se gli appartamenti sono 6 ma i proprietari sono 3 significa che i condòmini sono 3.

Perchè parli del parere di altri 5?

I locatari non sono condòmini ma inquilini e non hanno nessuna voce in capitolo ne diritto di voto.

Per nominare un amministratore occorre la doppia maggioranza di teste e millesimi.

Sicuramente il proprietario di 4 appartamenti su 6 avrà la maggioranza dei millesimi ma non ha la maggioranza delle teste perchè siete 2 proprietari contrari ed un proprietario favorevole all'amministratore (gli affittuari non contano).

 

Come specificato da Giglio 2 il proprietario dei 4 appartamenti potrebbe ricorrere in Tribunale avvalendosi dell'art. 1105

 

"...Se non si prendono i provvedimenti necessari per l'amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere all'autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e può anche nominare un amministratore."

ma non è detto che il Giudice nomini un amministratore perchè se riuscite ad amministrarvi quel "può anche" significa che il Giudice può anche NON NOMINARE un amministratore.

Innanzitutto grazie delle risposte. Vi spiego meglio la situazione:

1° proprietario = 1 appartamento (3° piano);

2° proprietario = 1 appartamento (2° piano);

3° proprietario = 4 appartamenti (2 al 1° piano/1 al 2° piano/1 al 3° piano) + 1 ulteriore "pertinenza al suo appartamento" (è un ulteriore ingresso sulla prima rampa di scale/un sottoscala)

Il proprietario del 2° piano pretende l'amministratore per una banale lite con quello del 3° piano.

Inoltre pretende la divisione in parti uguali per 7 e non più in parti uguali per 6 come fatto finora, cioè da 20 anni e più...

Volevo sapere quindi cosa può fare legalmente su amministratore e su ripartizione spese (sull'amministratore siete stati abbastanza chiari).

GRAZIE ANCORA

Innanzitutto grazie delle risposte. Vi spiego meglio la situazione:

1° proprietario = 1 appartamento (3° piano);

2° proprietario = 1 appartamento (2° piano);

3° proprietario = 4 appartamenti (2 al 1° piano/1 al 2° piano/1 al 3° piano) + 1 ulteriore "pertinenza al suo appartamento" (è un ulteriore ingresso sulla prima rampa di scale/un sottoscala)

Il proprietario del 2° piano pretende l'amministratore per una banale lite con quello del 3° piano.

Inoltre pretende la divisione in parti uguali per 7 e non più in parti uguali per 6 come fatto finora, cioè da 20 anni e più...

Volevo sapere quindi cosa può fare legalmente su amministratore e su ripartizione spese (sull'amministratore siete stati abbastanza chiari).

GRAZIE ANCORA

Per quanto riguarda il criterio quello legale è in proporzione al valore della proprietà ed in proporzione all'uso.

Questo significa che la maggior parte delle spese vanno pagate in base alla grandezza dell'appartamento mentre la spesa della pulizia scale va pagata in proporzione all'altezza (il primo piano paga 1, il secondo piano paga 2, il terzo piano paga 3).

 

Poichè dividete in 6 parti uguali da oltre 20 anni, questo riparto in deroga al criterio legale può assumere valore contrattuale per fatti concludenti ma la decisione spetta al Giudice.

L'unica cosa certa è che senza il consenso unanime di 1000 millesimi MAI potrete dividere in 7 parti uguali perchè una pertinenza non credo possa avere lo stesso valore di un appartamento.

 

L'unico ricorso al Giudice può essere fatto per far sentenziare o la conferma del riparto in 6 parti uguali oppure il riparto con criterio legale.

Chi ha interesse a mutare la situazione attuale deve però rivolgersi al Tribunale.

Dopo questa ennesima dimostraizone continuo a pensare che siete un blog di persone preparatissime!!!

 

Grazie e ditemi cosa posso fare per contribuire nel mio piccolo......

Puo essere revocato un amministratore che per 12 anni non a controllato il regolamento condominiale .

 

Grazie

Puo essere revocato un amministratore che per 12 anni non a controllato il regolamento condominiale .

 

Grazie

Cosa intendi per "controllare".

Un regolamento non scappa mica.

L'amministratore può essere revocato dall'assemblea, senza dover giustificare nulla, con la maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno la metà del valore dell'edificio.

Può invece essere revocato dal tribunale su ricorso di anche un solo condòmino in caso di gravi irregolarità.

Una grave irregolarità è quella di non curare l'osservanza del regolamento disposta dall'art. 1130 del codice civile ma senza la maggioranza occorre andare a dimostrare le proprie ragioni in Tribunale.

 

Art. 1130

L'amministratore, oltre a quanto previsto dall'articolo 1129 e dalle vigenti disposizioni di legge, deve:

1) eseguire le deliberazioni dell'assemblea, convocarla annualmente per l'approvazione del rendiconto condominiale di cui all'articolo 1130-bis e curare l'osservanza del regolamento di condominio;

Grazie ancora ma non credo sia il nostro caso poichè la gestione è molto semplice rappresentandosi in una divisione per 6 di ciascuna delle spese (pulizia, enel, ecc).

cosa intendi per "controllare".

Un regolamento non scappa mica.

L'amministratore può essere revocato dall'assemblea, senza dover giustificare nulla, con la maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno la metà del valore dell'edificio.

Può invece essere revocato dal tribunale su ricorso di anche un solo condòmino in caso di gravi irregolarità.

Una grave irregolarità è quella di non curare l'osservanza del regolamento disposta dall'art. 1130 del codice civile ma senza la maggioranza occorre andare a dimostrare le proprie ragioni in tribunale.

 

art. 1130

l'amministratore, oltre a quanto previsto dall'articolo 1129 e dalle vigenti disposizioni di legge, deve:

1) eseguire le deliberazioni dell'assemblea, convocarla annualmente per l'approvazione del rendiconto condominiale di cui all'articolo 1130-bis e curare l'osservanza del regolamento di condominio;

intendo che se condo me non la mai letto .perche lui inserisce tutto ai box . Questo condominio è unico condominio .ci sono dei negozzi e un garage . Le spese di manutenzione ordinarioa e straordinaria li ripartisce solo ai box .

Il regolamento condominiale specifica che l’impianto fognario deve essere ripartito per l’80% per il mercato e il 20% ai box mentre lui addebita tutto ai box.QUESTA è UNA DELLE COSE . CIAO E GRAZIE

 

- - - Aggiornato - - -

 

Il garage a rotazione non viene incluso nella ripartizione dei costi di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’ascensore (a rotazione) , non viene incluso nemmeno nella ripartizione dell’acqua sanitaria, acqua antincendio, e istintori????

Ma chi ha parlato di fogna, box, manutenzione??? Avrai sbagliato sezione mi sa....

Domenico ...ti sei insertio con una domanda non attinente nel Topic di Shaw...generando confusione.

 

La prossima volta apri un tuo Topic.

 

In merito alla tua domanda non concordo con Leonardo su un punto: Puoi sempre ricorrere ad un Giudice... ma il "DEVE curare l' osservanza del regolamento condominaile" non è motivo grave (in caso di mancato controllo) per chiederne revoca.

 

La revoca Giudiziaria è ben spiegata nell' Art. 1129...ad essa bisogna attenersi.

 

Per gli altri casi dovrà essere la maggioranza a decidere la revoca.

 

Domenico evita ulteriori domande e apri un tuo Topic

×