Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Fragola1968

Ripartizione spese ascensore - le spese condominiali e quelle di manutenzione vanno ripartite in millesimi?

Buongiorno,

abito al piano terra di una palazzina di tre piani e otto enti. L'ascensore parte dal piano terra dove ci sono le cantine e i garage.

Praticamente non uso mai l'ascensore.

Le spese condominiali e quelle di manutenzione vanno ripartite in millesimi?

 

Abbiamo avuto la verifica dell'ente il quale ci ha segnalato alcuni lavori da fare. Posso rifiutarmi visto che abito al piano terra? Se non eseguiamo quei lavori cosa succede?

Domani 21 marzo ho la riunione e vorrei presentarmi preparata.

Ultima domanda: qual è il periodo della garanzia su dei lavori edili, approvati, saldati e che ora risultano scadenti? Sono passati due anni e sta cedendo tutto.

 

Attendo e ringrazio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Salvo diversa convenzione le spese si pagano in base all'uso potenziale e non a quello effettivo sulla base dei millesimi.

Lai verifica biennale è obbligatoria quindi a maggior ragione spesa non esentabile.

 

Garanzia lavori edili dipendente dal contratto stipulato.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Gentile Patrizia Ferrari, in merito ai lavori edili non abbiamo fatto nessun contratto. La scelta della ditta è avvenuta in sede di assemblea. Ad avanzamento lavori ho fatto presente all'amministratore che non venivano eseguiti a regola d'arte. L'amministratore si è recato a fare un sopraluogo in mia presenza e quella di altri due condomini, ma dopo insistenza della ditta ha saldato. Ad oggi le porte dei contatori dell'acqua, gas ed energia elettrica stanno cedendo e anche i muretti esterni. Pensavo che notato il vizio e non superati i due anni dall'esecuzione dei lavori, si potesse chiedere alla ditta il rifacimento.

 

Per quanto riguarda l'ascensore, considerato che io non lo uso non dovrei pagare nessuna spesa. Giusto? C'è qualche riferimento normativo?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Per quanto riguarda l'ascensore, considerato che io non lo uso non dovrei pagare nessuna spesa. Giusto? C'è qualche riferimento normativo?

Riguardo alle spese di manutenzione ascensore (tra cui la visita biennale), salvo diversa convenzione (unanimità di 1.000 millesimi), poichè tu sei al piano ZERO devi partcipare solo a metà della spesa in proporzione ai tuoi millesimi di proprietà.

Sarai esclusa dal partecipare a metà della spesa da attribuire in proporzione all'altezza, proprio perchè sei ad altezza ZERo dal suolo.

Il riferimento normativo è l'art. 1124 del codice civile:

 

art.1124 c.c.

Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari delle unità immobiliari a cui servono. La spesa relativa è ripartita tra essi, per metà in ragione del valore delle singole unità immobiliari e per l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Signor Leonardo53, grazie per le delucidazioni in merito alle spese relative alla manutenzione e visita biennale dell'ascensore. Questo significa che in questi anni avendo pagato di più posso chiedere la restituzione???

 

La cosa vale anche per le pulizie delle scale?

 

Non capisco come mai l'amministratore abbia sempre diviso tutte le spese in millesimi e non considerando chi abita al piano terra.

Avevo anche chiesto di essere esonerata dal pagamento visto che non utilizzo mai l'ascensore e mi è stato detto che fa parte della palazzina e lo devo pagare.

La palazzina è piccola e anche chi deve fare 20 scalini va in ascensore sapendo che le bollette dell'energia riguardanti l'ascensore sono altissime, ma tanto le paghiamo in millesimi.

Cosa che ripeto: mi è sempre sembrata molto strana.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Signor Leonardo53, grazie per le delucidazioni in merito alle spese relative alla manutenzione e visita biennale dell'ascensore. Questo significa che in questi anni avendo pagato di più posso chiedere la restituzione???

 

La cosa vale anche per le pulizie delle scale?

 

Non capisco come mai l'amministratore abbia sempre diviso tutte le spese in millesimi e non considerando chi abita al piano terra.

Avevo anche chiesto di essere esonerata dal pagamento visto che non utilizzo mai l'ascensore e mi è stato detto che fa parte della palazzina e lo devo pagare.

La palazzina è piccola e anche chi deve fare 20 scalini va in ascensore sapendo che le bollette dell'energia riguardanti l'ascensore sono altissime, ma tanto le paghiamo in millesimi.

Cosa che ripeto: mi è sempre sembrata molto strana.

Salvo che non ci sia un regolamento contrattuale che indica che si deve pagare TUTTO per millesimi di proprietà o TUTTO in parti uguali, tu devi pagare con il criterio che ho indicato.

Con quel criterio, in molti condominii viene fatta una tabella apposita per le scale e l'ascensore.

Nel tuo condominio avete più tabelle millesimali?

Se avete anche la tabella millesimale ascensore e l'amministratore ripartisce con i millesimi ascensore è tutto regolare.

La manutenzione scale va pagata come la manutenzione ascensore e cioè, con i millesimi scale e ascensore.

 

Per il passato, se i bilanci sono stati già approvati, quello che è stato è stato e non puoi chiedere niente.

Puoi chiedere solo da quest'anno in poi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Avevo anche chiesto di essere esonerata dal pagamento visto che non utilizzo mai l'ascensore e mi è stato detto che fa parte della palazzina e lo devo pagare.

Come ti ha risposto (giustamente) Patrizia Ferrari, l'ascensore lo paghi per l'uso potenziale e non per quello reale.

Se hai la possibilità di prendere l'ascensore LO DEVI PAGARE. Non è sufficiente dire "non lo pagop perchè non lo uso".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buongiorno signor Leonardo,

mi sono presentata alla riunione con le idee chiare per quello che riguarda la parte relativa all'ascensore e ho visto che l'amministratore calcola correttamente la rata che devo pagare.

le chiedo ancora una cosa: abbiamo fatto nel 2014 dei lavori, io non ero d'accordo nel saldare la fattura perché erano stati fatti malissimo.

L'amministratore ha scritto una mail alla ditta, hanno fatto dei ritocchi (tanto per farci stare zitti - dico io!) poi l'8 aprile 2015 la fattura nonostante tutto è stata saldata.

Ora le porte dei contatori stanno cedendo e la ditta ha detto che on risponde.

Nel preventivo non hanno specificato il periodo di garanzia.

Le chiedo: per legge i lavori devono essere garantiti due anni?

Se si due anni dal saldo fattura?

Ci sono riferimenti normativi?

Siccome gli eventuali due anni scadono tra poco e l'amministratore non si muove perché dice che non si può fare nulla, volevo un chiarimento.

Grazie mille

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
... abbiamo fatto nel 2014 dei lavori, io non ero d'accordo nel saldare la fattura perché erano stati fatti malissimo.

L'amministratore ha scritto una mail alla ditta, hanno fatto dei ritocchi (tanto per farci stare zitti - dico io!) poi l'8 aprile 2015 la fattura nonostante tutto è stata saldata...

Poichè il condominio è consumatore, in via generale la garanzia vale due anni dalla data di ultimazione lavori (ed eventualmente verbale di chiusura lavori).

Se i lavori sono stato ultimati nel 2014, è irrilevante che la fattura sia stata saldata nel 2015 o nel 2016.

Ormai è troppo tardi. Dovevate contestare ENERGICAMENTE il lavoro effettuato male tramite una perizia di parte quando sono stati fatti i ritocchi e pretendere il ripristino a regola d'arte.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buongiorno,

ho seguito le varie discussioni sul tema e mi sembra tutto chiaro

tranne una cosa

la metà della spesa che si ripartisce in base all'altezza del piano

in presenza di più appartamenti per piano

va divisa tra questi in parti uguali

o in base alle porzioni di piano?

Come motivate la vostra risposta?

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno,

ho seguito le varie discussioni sul tema e mi sembra tutto chiaro

tranne una cosa

la metà della spesa che si ripartisce in base all'altezza del piano

in presenza di più appartamenti per piano

va divisa tra questi in parti uguali

o in base alle porzioni di piano?

Come motivate la vostra risposta?

Grazie

Essendo le PORZIONI di piano sullo stesso piano, la quota relativa all'altezza del PIANO va ripartita per millesimi di proprietà tra le PORZIONI di piano in applicazione del 1° comma art. 1123 c.c.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Essendo le PORZIONI di piano sullo stesso piano, la quota relativa all'altezza del PIANO va ripartita per millesimi di proprietà tra le PORZIONI di piano in applicazione del 1° comma art. 1123 c.c.

La tua risposta è chiara

il dubbio mi è venuto perché il nuovo art. 1124 cc dice "l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo". Allora "esclusivamente" a cosa si riferisce?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
La tua risposta è chiara

il dubbio mi è venuto perché il nuovo art. 1124 cc dice "l'altra metà esclusivamente in misura proporzionale all'altezza di ciascun piano dal suolo". Allora "esclusivamente" a cosa si riferisce?

si riferisce al PIANO (tutto il piano specificato dall'art. 1124)

 

Se tutto il PIANO appartiene ad un solo proprietario, il problema non sussiste.

Se il PIANO appartiene a più persone, è evidente che si dovrà ripartire in proporzione alle quote di proprietà che insistono sul piano.

 

Se non fosse così e si ripartisse in parti uguali, immagina un piano in cui insistono 3 appartamenti ed ognuno paga 1/3 della spesa piano.

Se un proprietario acquistasse l'appartamento a fianco ed unificasse in unico appartamento avremmo solo due proprietari e quello che pagava 1/3 sarà costretto a pagare 1/2.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Chiarissimo.

ho un'altra domanda

in assenza di regolamento condominiale

ma in presenza di una tabella millesimale ascensore

che però non corrisponde ai criteri del nuovo art. 1124

le spese andranno ripartite in base al criterio attualmente indicato dal codice

o in base alla tabella esistente ma non più attuale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L’applicazione dei criteri di ripartizione indicati dall’art. 1124 del c.c. comporta che

i condomini del piano terreno e rialzato non partecipano alla spesa di ascensore poiché non lo utilizzano ,

il criterio di cui all’art. 1124 è unico e si applica a qualsiasi tipo di spesa.

Pertanto, i proprietari dl piano terreno, escludendo la partecipazione alla spesa per il possibile uso dell’ascensore per accedere al lastrico solare o alle soffitte o alle cantine, devono essere esclusi dalla ripartizione della spesa, anche dalla spesa ripartita per metà in millesimi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Chiarissimo.

ho un'altra domanda

in assenza di regolamento condominiale

ma in presenza di una tabella millesimale ascensore

che però non corrisponde ai criteri del nuovo art. 1124

le spese andranno ripartite in base al criterio attualmente indicato dal codice

o in base alla tabella esistente ma non più attuale?

Le spese saranno ripartite utilizzando la tabella esistente sino alla loro revisione, che sarà approvata a maggioranza o all’unanimità, in funzione del tipo di regolamento, assembleare o contrattuale.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×