Vai al contenuto
casalva

Ripartizione proprietaria quota spese condomìno deceduto

Buonasera,

amministro gratuitamente il condominio nel quale possiedo un appartamento. Uno dei condomini è deceduto un anno e mezzo fa e a tutt'oggi al catasto l'immobile risulta ancora a lui intestato. In attesa di avere un erede come interlocutore per il recupero delle quote arretrate, come posso dividerle provvisoriamente fra gli altri condomini? Secondo i millesimi o in parti uguali?

Grazie.

Buongiorno

al catasto non trovi nulla di variato forse perché gli eredi non hanno aggiornato la posizione presso l'Agenzia del territorio (catasto) ma sicuramente, visto il termine di un anno, avranno fatto denuncia di successione presentandola all'Agenzia delle Entrate. Fai uno stato di famiglia o altro certificato per conoscere i suoi eredi. Ciao

Buonasera,

amministro gratuitamente il condominio nel quale possiedo un appartamento. Uno dei condomini è deceduto un anno e mezzo fa e a tutt'oggi al catasto l'immobile risulta ancora a lui intestato. In attesa di avere un erede come interlocutore per il recupero delle quote arretrate, come posso dividerle provvisoriamente fra gli altri condomini? Secondo i millesimi o in parti uguali?

Grazie.

Puoi ripartirle se e come vuole l'assemblea e solo tra chi volontariamente decide di partecipare alla creazione di questo fondo ad hoc, salvo il rischio di pregiudizi al condominio.

Poichè sei obbligato alla riscossione forzosa entro 6 mesi dalla chiusura dell'esercizio ti servirà anche la dispensa dell'assemblea altrimenti a nulla rileverà il fatto che il proprietario è defunto perchè hai comunque la possibilità di agire pur in mancanza di eredi.

Innanzitutto devi sapere che il chiamato all'eredità diventa erede per accettazione espressa oppure di fatto se entra in possesso del bene.

In mancanza di eredi conosciuti la prima cosa da fare è contattare, se conosciuti, i chiamati all'eredità ed avvisarli che se si disinteressano procederai innanzitutto a verificare se c'è stata successione tramite il registro delle successioni e successivamente, in qualità di creditore (persona interessata), ti rivolgerai al Tribunale per far nominare un curatore dell'eredità che potrà locare o anche vendere l'immobile per pagare i debiti.

 

Art. 528 c.c.

Quando il chiamato non ha accettato l' eredità e non è nel possesso di beni ereditari, il tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, su istanza delle persone interessate o anche d' ufficio, nomina un curatore dell' eredità.

Il decreto di nomina del curatore, a cura del cancelliere, è pubblicato per estratto nel foglio degli annunzi legali della provincia e iscritto nel registro delle successioni.

×