Vai al contenuto
Aromaiki

Ripartizione acqua fredda

Buongiorno a tutti, ho letto varie discussioni ma non sono riuscito a venire a capo del mio "problema".

Abito in un complesso costituito da alcune palazzine, ciascuna composta da 10 appartamenti, 2 per piano, e risiedo al piano terra.

Attualmente l'acqua fredda viene ripartita su base millesimale e, nonostante le ripetute richieste dei residenti al piano terra, non vi è stato modo di passare ad un riparto più equo sulla base degli effettivi consumi, ovviamente perchè poi si troverebbero tutti a dover pagare di più di quanto non facciano ora dal momento che, per sommi capi, l'acqua viene pagata per il 50% dai 2 appartamenti al piano terra, per il 25% dai 2 appartamenti dell'ultimo piano e il restante 25% dagli altri 6 appartamenti.

La scusa normalmente utilizzata per evitare il riparto su consumo è che chi ha il giardino (circa 700mq) consuma più acqua e deve quindi pagare di più ma nessuno prende in considerazione il fatto che il giardino viene innaffiato per un paio di mesi all'anno e nemmeno sempre (negli ultimi 3 anni ad esempio l'avrò innaffiato a dir tanto 10 volte visto il meteo che abbiamo avuto), non considerano nemmeno attuabile l'installazione di contatori individuali perchè, a detta di alcuni, impossibile.

Tralasciamo ora il fatto che io mi trovi a pagare 500€ di acqua fredda e 140€ di acqua calda quando chi sta sopra di me paga 80€ di acqua fredda e 350€ di acqua calda (l'acqua calda è pagata a consumo e, se tanto mi da tanto, non ho bisogno di sentire il suo rubinetto aperto 12h al giorno per immaginare che usi molta più acqua fredda di me, ma qui si entrerebbe nelle solite beghe condominiali) io ho deciso di far installare dei contatori di acqua fredda nel mio appartamento nel seguente modo:

 

- 1 contatore al rubinetto principale (vitone) nel bagno 1 che controlla l'acqua fredda di metà appartamento

- 1 contatore al secondo rubinetto principale nel bagno 2 che controlla l'acqua fredda dell'altra metà di appartamento

 

Così facendo ho appurato che avrei un'idea esatta dei consumi in quanto chiudendo i singoli rubinetti andrei a chiudere l'acqua di tutta la metà interessata dell'appartamento, giardino compreso, e quindi avrei un riscontro preciso del mio consumo e, con questo dato, potrei pagare esclusivamente per il mio consumo effettivo.

 

Va da sè che informerei subito l'amministratore della cosa, ne richiederei la presenza all'installazione dei contatori e della relativa posa dei sigilli in modo da fugare dubbi su eventuali manomissioni e che, qualora continuassero ad addebitare i consumi su base millesimale, provvederei in maniera autonoma a pagare esclusivamente per quanto realmente consumato, il tutto basandomi anche sulle normative in merito al risparmio energetico contro lo spreco di risorse idriche.

 

Secondo voi, agendo in questo modo, posso star tranquillo anche di fronte alle sicure rimostranze degli altri condomini?

Mi auguro comunque che anche gli altri residenti dei piani terra facciano come me anche se ho forti dubbi in merito (anni fa abbiamo fatto un'assemblea proprio per questo e alcuni erano contrari perchè non volevano spendere 100/200€ per montare i contatori...roba da matti).

L'idea è che dovete installare i contatori individuali.

 

Estratto del D.P.C.M.

 

8.2.8. Misurazione.

 

La misurazione dei volumi consegnati all'utente si effettua, di regola, al punto di consegna, mediante contatori, rispondenti ai requisiti fissati dal decreto del Presidente della Repubblica 23 agosto 1982, n. 854, recepente la direttiva comunitaria n. 75/33. Là dove esistono consegne a bocca tarata o contatori non rispondenti, deve essere programmata l'installazione di contatori a norma.

 

In relazione a quanto disposto dall'articolo 5, comma 1, lettera c), della legge *5 gennaio 1994, n. 36, dove attualmente la consegna e la misurazione sono effettuate per utenze raggruppate, la ripartizione interna dei consumi deve essere organizzata, a cura e spese dell'utente, tramite l'installazione di singoli contatori per ciascuna unità abitativa.

La lettura dei contatori dovete affidarla in appalto e la relativa spesa da dividere in parti uguali,corrispondenti al numero dei contatori, tra i condomini.Ovviamente ad ogni condomino farà carico la quota dell'impegnativo,nonché l'eccedenza risultante dal contatore divisionale dell'appartamento o del locale di sua proprietà.

Ciao

Nicola.L

Ottimo, grazie mille, cerco subito la norma completa così da stamparla e consegnarla all'amministratore onde evitare problemi e procedo nell'operazione. Già che ci sono informo anche gli altri proprietari dei piani terra così che possano fare la stessa cosa se interessati, quello che più conta però è che finalmente potrò pagare il giusto e non più cifre folli di acqua fredda, grazie ancora.

×