Vai al contenuto
specchio

Riparazione impianto elettrico lampione condominiale: come ripartire le spese

Buongiorno, nel mio condominio ( un complessso residenziale costituito da tre palazzine, A, B, C con 335,33-- millesimi ognuna ) è stato riparato l'impanto elettrico, per un importo di quasi due mila euro, di uno dei 9 lampioni situati lungo i viali condominial. A quanto mi risulta, i lampioni ( 3 per ogni palazzina ) sono collegati ai rispettivi contatori. Ora a parte il regolare consumo da addebitare ad ogni singola palazzina, qualora si tratti di lavori eccezionali di riparazione di un impianto elettrico che fornisce l'illuminazione ai viali di cui ovviamente usufruiscono TUTTI i CONDOMINI del complesso, le spese vanno ripartite fra TUTTE E TRE le palazzine che a loro volta le suddivideranno fra tutti i proprietarI? Ringrazio anticipatamente quanti vorranno risponderei

Verifica cosa dice il regolamento condominiale, salvo titolo contrario, i corpi illuminanti delle parti comuni sono da intendersi, appunto, di proprietà comune e la loro manutenzione è da suddividere secondo la tabella generale millesimale di tutte le unità immobiliari del condominio.

 

Per cui la spesa non va suddivisa per le tre palazzine ed a sua volta suddivisa per le tabelle millesimali delle singole scale, ma dovreste avere una tabella con indicate tutte le unità immobiliari ed il rispettivo valore millesimale.

Intanto ti ringrazio, Mauro. Scusa, forse mi sono spiegato male, ma avevo scritto che - come da regolamento - ognuna delle tre palazzine del complesso ha il 333,3 ( per un totale di mille ) dei milessimi delle parti comuni, quindi anche dei lampioni e del relativo impianto. Tu però prima scrivi che "..la manutenzione ( delle parti comuni) è da suddivedire secondo la tabella generale millesimale di tutte le unità immobiliari del condominio " e poi concludi che "... la spesa non va suddivisa per le tre palazzine, ecc.". . Il punto in sintesi è questo: va bene che il consumo debba essere pagato, quasi per ragioni fisiologiche, dalla palazzina alla quale è collegato il contatore, ma se si tratta di un lavoro di manutenzione eccezionale ( quasi due mila euro ) a mio parere, le relative spese dovrebbe essere accollate a tutte e tre le unità immobilari, in quanto tutti i rispettivi condomini usufruiscono dell'impianto elettrico comune, situato in una parte comune.

La spesa va imputata alle parti comuni. Quindi i 200 euro vanno divisi con tabella delle parti comuni ai tre edifici.

La spesa va imputata alle parti comuni. Quindi i 2000 euro vanno divisi con tabella delle parti comuni ai tre edifici.

No, non ti sei spiegato male, mi ha tratto in inganno il passaggio in cui hai scritto

 

le spese vanno ripartite fra TUTTE E TRE le palazzine che a loro volta le suddivideranno fra tutti i proprietari

 

La tabella generale condominiale è proprio quella che raggruppa tutte le unità immobiliari del condominio.

×