Vai al contenuto
mirandola76

Riparazione colonna di scarico WC

Buongiorno .

 

Sono un nuovo iscritto, anche se da tempo seguo le problematiche trattate in codesto forum e da sempre ho apprezzato la conoscenza e la competenza in ordine ai problemi condominiali sia dello staff che di coloro che intervengono

Il problema che vengo ad esporre è il seguente:

 

- abito al secondo piano di una palazzina a due piani e giorni fa sono dovuto intervenire sull’impianto di scarico del mio wc perché al piano sottostante, sul soffitto, in corrispondenza del passaggio della colonna di scarico, era presente una lieve macchia di umidità.

Ho dovuto quindi procedere alla rimozione sia del bidet che della tazza wc per poter demolire il pavimento ed accedere alla braga posta sulla colonna di scarico e che raccorda, detta braga, gli scarichi dei miei sanitari con la richiamata colonna di scarico,

Ciò realizzato, ho potuto constatare che il problema era proprio sulla braga richiamata e precisamente che la stessa, seppure murata, si era lesionata orizzontalmente il ché era la causa del trasudamento sul soffitto sottostante.

Il problema che però voglio rappresentare è che proprio sulla braga incriminata è collocata la tubazione di aspirazione della colonna di scarico, colonna di aspirazione che sfocia sul tetto, e che è necessaria al funzionamento dello scarico sia del mio bagno che del bagno sottostante.

In altri termini la braga funge anche da prolungamento della colonna di scarico poiché l’aria di aspirazione necessaria per lo scarico dei liquami , aspirata sul tetto, vi transita al suo interno fino alla fossa biologica.

Domanda:

- visto che la braga rotta funge da supporto e raccordo della tubazione di aspirazione al servizio della colonna di scarico comune ad entrambi i piani, l’intervento che ho dovuto realizzare per la sostituzione della braga( demolizioni e rifacimenti vari) è da ritenersi tutto a mio carico oppure deve essere ripartito tra i due utenti secondo le rispettive quote millesimali?

Grazie a quanti mi vorranno riservare la cortesia di rispondere e di darmi indicazioni su come è corretto procedere nel rispetto delle leggi condominiali.

Non ho ben presente il "prolungamente" della braga.

Comunque ti lancio la sent. a te spetta tirare le conclusioni.

----------------------------------------------------------------------

A "BRAGA DI INNESTO DEGLI SCARICHI" È BENE DI PROPRIETÀ ESCLUSIVA ED IL CONDOMINIO NE È CUSTODE EX 2051 Cassazione, Sez. II, 3 settembre 2010, n. 19045.

 

Infiltrazioni d’acqua provenienti dalla rottura della “braga” della colonna di scarico

CASSAZIONE,17marzo2005,n.5792

Ai sensi dell’art. 1117 n° 3 c.c. , i canali di scarico sono oggetto di proprietà comune solo fino al punto di diramazione degli impianti ai locali di proprietà esclusiva, e poiché la braga, quale elemento di raccordo fra la tubatura orizzontale di pertinenza del singolo appartamento e la tubatura verticale, di pertinenza condominiale, è strutturalmente posta nella diramazione, essa non può rientrare nella proprietà comune condominiale, che è tale perché serve all’uso (ed al godimento) di tutti i condomini; e, nella specie la braga qualunque sia il punto di rottura della stessa, serve soltanto a convogliare gli scarichi di pertinenza del singolo appartamento, a differenza della colonna verticale che, raccogliendo gli scarichi di tutti gli appartamenti, serve all’uso di tutti i condomini.

Costituendo la “braga” per quanto sopra detto, parte dell’impianto di scarico di proprietà esclusiva, i danni conseguenti alla rottura della stessa, non possono che essere posti a carico del condomino o proprietario dell'impianto.

L’ho denominata” prolungamento della colonna di scarico” in quanto notoriamente e per principio fisico, la colonna di scarico svolge la sua funzione e dunque scarica, solo se all’interno della stessa colonna, quando avviene l’immissione dei liquami (sia liquidi che solidi) da scaricare vi è una equivalente immissione naturale di aria.

Se così non fosse( se non vi fosse immissione di aria prelevata dall’esterno) non potrebbe scaricare in quanto vi si determinerebbe all’interno una depressione( risucchio).che bloccherebbe lo scarico dei liquami.

 

È come quando si svuota una bottiglia piena di acqua; la bottiglia si svuota perché al suo interno penetra tanta aria quanta acqua esce.

 

Ora , poiché sulla braga rotta è anche applicata la tubazione che serve a prelevare l’aria dall’esterno per consentire lo scarico dei liquami, ecco che, a mio parere, la braga non serve solo a me per quanto puntualizzato nella sentenza che mi hai postato, ma serve anche al mio sottostante in quanto funge da appoggio ed attacco,la braga, per la tubazione di aspirazione dell’aria che è comune ad entrambi.

 

E dunque se la tubazione di aspirazione dell’aria è comune, a mio avviso, dovrebbe essere anche comune la braga su cui detta tubazione di aspirazione aria appoggia .

 

E da questo fatto è nata la mia domanda, perché se la braga avesse solo la funzione di raccordare i miei scarichi interni alla colonna di scarico( con precisato nella sentenza) e nulla di più, non ci sarebbero stati problemi di sorta..

 

Non so se sono stato sufficientemente chiaro a rappresentare il mio quesito

 

Grazie per la/le cortesi risposte..

 

×