Vai al contenuto
ercolino

Rinnovo contratto concordato 3 + 2 con aumento adempimenti con cedolare secca ??

A dicembre scadono i 5 anni ( 3+2 ) del mio contratto d'affitto a canone concordato, il proprietario in regime di cedolare secca mi ha comunicato che vorrebbe aumentare il canone di 20 euro, a questo punto vorrei dissuaderlo ( essendo io ottimo inquilino pagatore ) illustrandogli le varie scocciature di cui vi chiedo conferma x non dire sciocchezze :

 

1) se cambiamo l'importo del canone anche di soli 20 euro è OBBLIGATORIO rifare il contratto e registrarlo nuovamente oppure basta che io gli dia i 20 euro in più e lasciamo lo stesso contratto ?

 

2) essendo il proprietario in regime di cedolare secca, se non cambiamo nulla, il rinnovo si perfeziona con la sola presentazione all'AGE del modulo di rinnovo? ed in che tempi ? oppure ci sono altri adempimenti ?

 

Grazie

Va obbligatoriamente rifatto e registrato un nuovo contratto. In regime di cedolare secca il canone non può essere modificato neanche in fase di rinnovo, neanche per una eventuale diminuzione.

Se ne è già parlato in altri messaggi.

Va obbligatoriamente rifatto e registrato un nuovo contratto. In regime di cedolare secca il canone non può essere modificato neanche in fase di rinnovo, neanche per una eventuale diminuzione.

Se ne è già parlato in altri messaggi.

L’opzione cedolare esclude l’aumento del canone, ma non la diminuzione. A questo scopo, il rinnovo al quinquiennio transiterà attraverso la presentazione del modello Rli e la diminuzione di canone, anch’essa a costo zero, attraverso il modello 69. Per una conferma: http://www.fiscooggi.it/posta/cedolare-secca-e-riduzione-canone

L’opzione cedolare esclude l’aumento del canone, ma non la diminuzione. A questo scopo, il rinnovo al quinquiennio transiterà attraverso la presentazione del modello Rli e la diminuzione di canone, anch’essa a costo zero, attraverso il modello 69. Per una conferma: http://www.fiscooggi.it/posta/cedolare-secca-e-riduzione-canone

La pensavo anche io così, ma evidentemente all'atto pratico (la registrazione dell'atto) quelli dell'agenzia delle entrate non la pensano così:

 

--link_rimosso--

Va obbligatoriamente rifatto e registrato un nuovo contratto. In regime di cedolare secca il canone non può essere modificato neanche in fase di rinnovo, neanche per una eventuale diminuzione.

Se ne è già parlato in altri messaggi.

Scusate ma vorrei avere capito bene applicando quanto risposto al mio caso:

 

se il proprietario in regime di cedolare secca mi ha inviato la comunicazione che è sua intenzione aumentarmi il canone di 20 euro alla scadenza del contratto , bisognerà obbligatoriamente rifare un nuovo contratto che andrà registrato e poi scelta nuovamente l'opzione della cedolare secca per il proprietario.

 

Non mi è chiaro " in regime di cedolare secca il canone non può essere modificato neanche in fase di rinnovo " sembrerebbe che il proprietario dopo la scelta della cedolare non possa chiedere mai più l'aumento sia in fase di proroga (+2) che in fase di rinnovo ( decorso interamente il 3+2) mi chiarite ...

 

Grazie

ciao

per tutta la durata del contratto a cedolare secca, non può fare aumenti. Finito il contratto lui può proporti un possibile rinnovo aumentando il canone, e quindi andrà registrato.

La pensavo anche io così, ma evidentemente all'atto pratico (la registrazione dell'atto) quelli dell'agenzia delle entrate non la pensano così:

 

--link_rimosso--

Quelli dell'Agenzia delle Entrate di Roma. Dall’Agenzia delle Entrate di Verona e di Bolzano, semaforo verde alla riduzione di canone cedolarizzato.

Quelli dell'Agenzia delle Entrate di Roma. Dall’Agenzia delle Entrate di Verona e di Bolzano, semaforo verde alla riduzione di canone cedolarizzato.

La stessa agenzia che invece all'utente ch357salva del post indicato gliel'ha rifiutata. Almeno questo è quello che riporta per esperienza diretta.

 

A questo punto, oltre all'elenco degli uffici che accettano la registrazione della riduzione del canone in un contratto sottoposto al regime di cedolare secca, bisognerebbe mettere anche il nome degli impiegati allo sportello.

camillo50 dice:

ciao

 

1) va rifatto o comunque integrato

2) va comunicato il rinnovo

Buongiorno, avrei una domanda. Può il proprietario di casa alzare l’affitto in un contratto 3+2 con cedolare secca, senza preavviso? Io inquilino ho provato a chiedere al proprietario 3 mesi fa cioè ad a ottobre (come da contratto), la scadenza è il 3 gennaio. Può chiedere un aumento del canone d’affitto anche se da contratto c’è scritto che il contratto si auto aggiorna per altri 2 anni? Grazie mille 

camillo50 dice:

ciao

per tutta la durata del contratto a cedolare secca, non può fare aumenti. Finito il contratto lui può proporti un possibile rinnovo aumentando il canone, e quindi andrà registrato.

Buongiorno, avrei una domanda. Può il proprietario di casa alzare l’affitto in un contratto 3+2 con cedolare secca, senza preavviso? Io inquilino ho provato a chiedere al proprietario 3 mesi fa cioè ad a ottobre (come da contratto), la scadenza è il 3 gennaio. Può chiedere un aumento del canone d’affitto anche se da contratto c’è scritto che il contratto si auto aggiorna per altri 2 anni? Grazie mille 

Buongiorno, avrei una domanda. Può il proprietario di casa alzare l’affitto in un contratto 3+2 con cedolare secca, senza preavviso? Io inquilino ho provato a chiedere al proprietario 3 mesi fa cioè ad a ottobre (come da contratto), la scadenza è il 3 gennaio. Può chiedere un aumento del canone d’affitto anche se da contratto c’è scritto che il contratto si auto aggiorna per altri 2 anni? Grazie mille 

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×