Vai al contenuto
massimoet

Rifacimento tetto - chi spetta pagare le spese per il rifacimento del tetto del mio appartamento?

Buongiorno mi chiamo Rosa e abito all'ultimo piano di un palazzo del 1965 in cui l'impermeabilizzazione del tetto del palazzo non e' mai stata rifatta. Da circa quattro anni ho cominciato ad avere infiltrazioni . Nel corridoio e' piovuto in casa , in altre stanze la soletta si e' alleggerita ( non conosco il termine tecnico esatto ,ma dal rumore che si sente battendo con un bastone si comprende che non ha piu' una struttura robusta) . A chi spetta pagare le spese per il rifacimento del tetto del mio appartamento?

L'art. 1117 c.c. indica il tetto come parte comune, salvo titolo contrario. Nella prima ipotesi, alla sua manutenzione concorrono tutti i condòmini.

La spesa va ripartita per millesimi di proprietà.

Grazie G. Inga , il nuovo amministratore mi aveva detto che se la causa del deterioramento della soletta fosse stato accertato da un tecnico ,era da imputare all'infiltrazione d'acqua dal tetto del palazzo allora la spesa sarebbe stata a carico del condominio ,se invece era da imputare all'usura per "vecchiaia" le spese sarebbero state a mio carico.

Mi dispiace contraddire quanto detto dal tuo amministratore ma le cose stanno diversamente.

Mi confermi che il tetto sia condominiale oppure non sia, per caso, un lastrico di uso esclusivo?

Scusi ma il lavoro mi ha costretta ad interrompere la conversazione di ieri, comunque il tetto e' condominiale mentre io sono proprietaria esclusiva di uno dei due appartamenti sottostanti il tetto.

Interessante come teoria di ripartizione della spesa. Non posso che ribadire quanto detto.

Io chiederei all'amministratore di dimostrare quanto dice mediante qualche sentenza, ad esempio.

scusate se mi intrometto. sono convinto che la spesa relativa al rifacimento o lavori su tetto condominiale sia da ripartire in base ai millesimi di proprietà. il mio amministratore dice che i lavori vengono effettuati solo se decisi dalla maggioranza della assemblea. vi sembra corretto? grazie in anticipo. saluti

L' ho appena fatto e ancora nessuna risposta. Spero non si tratti di un amministratore ignorante o ancor peggio presuntuoso e ignorante. Anche perché per un altro problema che ho nella mia terrazza , il cattivo odore che esce dalla colonna di scarico attraverso uno sfiatatoio posto in essa, mi aveva suggerito di tapparlo. Io non credo di potere decidere il da farsi trattandosi di qualcosa che riguarda la colonna di scarico delle acque bianche di tutti i condomini sottostanti e per me rappresenta lo scarico delle acque piovane o no?

Interessante questa discussione... il nostro tetto, vecchissimo e come un colabrodo, nessuno lo vuole cambiare perchè costa, (ma va???) così si provvede ogni tanto a far tappare i buchi che si aprono in continuazione, comunque sempre DOPO che l'acqua ha provocato vistosi danni, e purtroppo sempre nella nostra proprietà... Possibile che non si possa fare nulla??? Possibile che si debba insistere insistere insistere con l'amministratore affinchè provveda a chiamare il lattoniere per sistemare le rotture? Molte volte lo chiamiamo noi personalmente, visti i tempi biblici del suddetto amministratore...

Mitico questo sito... grazie!

Buona sera, sono pienamente d'accordo con G.Inga: il tetto è parte comune pertanto tutti devono concorrere in base ai millesimi di proprietà. VOBA39

Salve volevo intromettermi nella discussione...chiedevo..

1 i lavori devono essere deliberati unanimità? O maggioranza?

2) se non c è unanimità, i restanti che esprimono la non possibilità economica, come si procede?

3) un eventuale giudiziaria ( x i non aderenti economici) devono pagare anche se non hanno possibilità?

Grazie

Giuseppeslv62 dice:

Salve volevo intromettermi nella discussione...chiedevo..

1 i lavori devono essere deliberati unanimità? O maggioranza?

2) se non c è unanimità, i restanti che esprimono la non possibilità economica, come si procede?

3) un eventuale giudiziaria ( x i non aderenti economici) devono pagare anche se non hanno possibilità?

Grazie

Qualora non te ne fossi accorto, la discussione è del 2014.

Rispondendo alle tue domande:

1) I lavori vanno deliberati a maggioranza.. questa dipende dall'entità degli stessi.

2) come sopra

3) che intendi?

 

Intendevo dire..se si fa una causa..il giudice può sentenziare che il condomino che non ha disponibilità economica a dover pagare?

Grazie..non avevo fatto caso alla data

In questi casi, ci sono due strade:

1) si accorda una dilazione dei pagamenti al condòmino fermo restando che la sua quota và spalmata su tutti gli altri condòmini;

2) il condòmino fà un prestito bancario o si rivolge ad una finanziaria

 

Sutica53 dice:

Interessante questa discussione... il nostro tetto, vecchissimo e come un colabrodo, nessuno lo vuole cambiare perchè costa, (ma va???) così si provvede ogni tanto a far tappare i buchi che si aprono in continuazione, comunque sempre DOPO che l'acqua ha provocato vistosi danni, e purtroppo sempre nella nostra proprietà... Possibile che non si possa fare nulla??? Possibile che si debba insistere insistere insistere con l'amministratore affinchè provveda a chiamare il lattoniere per sistemare le rotture? Molte volte lo chiamiamo noi personalmente, visti i tempi biblici del suddetto amministratore...

Mitico questo sito... grazie!

Non è che l'amministratore può pagare personalmente i lavori come piacerebbe ai condomini. Se i condomini non sono disposti a mettere le mani in tasca e pagare i lavori l'unica cosa che può fare è provare a metterci una pezza che purtroppo si sa già che non tiene.

Ma ovviamente ai condomini, tolti quelli dell'ultimo piano, non interessa generalmente nulla del tetto.

Davidino... vedi che sutica non c’entra niente... questo capita quando si riaprono vecchie discussioni.

Se vuoi, puoi rispondere a Giuseppe.

 

×