Vai al contenuto
Celio

Rifacimento pavimentazione terrazzo/lastrico solare in condominio

Buon giorno a tutti,chiedo un parere a Voi che siete esperti in materia: il condominio ha deliberato il rifacimento dell'isolamento e della nuova pavimentazione del lastrico solare di mia proprietà senza rimuovere la vecchia pavimentazione.

Oggi,a termine della posa della nuova pavimentazione,si evidenzia che il piano del nuovo pavimento supera le tre soglie di ingresso all'appartamento che pertanto dovranno essere ricoperte da nuove soglie. La spesa di queste nuove soglie supera € 200,00 e l'amministratore del condominio afferma essere una mia spesa personale;come ovvio io ho già pagato un terzo dell'intera spesa per il materiale e la posa del pavimento.

Queste nuove soglie si rendono necessarie a causa del lavoro di ripavimentazione deliberato dall'assemblea.E'veramente una spesa personale? Grazie a chi mi risponderà.

Celio

E' una tua spesa personane si....ma in condizioni normali.

Mi spiego meglio

Le modalita esecutive corrette del rifacimento dell'isolamento e della nuova pavimentazione avrebbero dovuto sequie la preliminare rimozione degli strati vecchi, cosi facendo il livello del lastrico non sarebbe stato superiore a quello delle soglie.

E' ovvio che chi ha deciso in questo modo, sovrapporre e non rimozione, lo ha fatto per ovvi motivi di risparmio economico, risparmio di manodoper per la rimozione e per lo smaltimento del vecchio materiale.

Ora la situazione che si èvenuta a creare indubbiamente non dipende dalla tua volontà e doveva essere prevista in anticipo prevedendone nei costi anche la sua soluzione.

 

In conclusione, a mio avviso, il costo delle soglie ora dovrebbe essere ripartito seguendo lo stesso criterio di ripartizione che si è attuato per i lavori gia eseguiti.

Sperando che non dovrai anche tagliare la porta o creare un gradino in salita in uscita sul lastrico.

Non è stata una buona idea fare il lavoro in quel modo, o meglio, l'idea è stata buona per gli altri che hanno risparmiato senza dover sopportare alcun disagio... tu invece....

Sperando che non dovrai anche tagliare la porta ..

Qia anche questo "piccolo" dettaglio si potrebbe palesare

Buon giorno a tutti,chiedo un parere a Voi che siete esperti in materia: il condominio ha deliberato il rifacimento dell'isolamento e della nuova pavimentazione del lastrico solare di mia proprietà senza rimuovere la vecchia pavimentazione.

Oggi,a termine della posa della nuova pavimentazione,si evidenzia che il piano del nuovo pavimento supera le tre soglie di ingresso all'appartamento che pertanto dovranno essere ricoperte da nuove soglie. La spesa di queste nuove soglie supera € 200,00 e l'amministratore del condominio afferma essere una mia spesa personale;come ovvio io ho già pagato un terzo dell'intera spesa per il materiale e la posa del pavimento.

Queste nuove soglie si rendono necessarie a causa del lavoro di ripavimentazione deliberato dall'assemblea.E'veramente una spesa personale? Grazie a chi mi risponderà.

Celio

Non è stato sicuramente un buon lavoro il rifacimento dell'isolamento e della nuova pavimentazione del lastrico solare senza rimuovere la vecchia pavimentazione e, comunque, le spese per istallare le nuove soglie, visto che sono la conseguenza del lavoro deciso dal condominio, non può certo essere una tua spesa personale.

io direi anche di più.....

Qualora si dovesse palesare anche l'ipotesi avanzata da Leo ci sarebbero, anche, tutti i presupposti per chiedere un risarcimento danni

La ringrazio molto per la Sua risposta,purtroppo per convincere l'amministratore ci vorrebbe qualcosa di più di un parere,ad esempio una Norma di Legge,una sentenza,ecc. forse chiedo troppo ma proverò ugualmente, forte dell Suo parere.

Ma la porta si riesce ad aprire facendo la soglia più alta, o devi tagliare pure la porta?

Grazie per il Suo interessamento,in effetti a causa della ripavimentazione ho dovuto togliere e buttare le porte esterne della camera (era una soluzione alternativa ai doppi vetri),ma l'amministratore continua a dire che si tratta di spesa personale amenochè non gli presenti una Norma di Legge o una sentenza che

chiarisca questo concetto.

Si tratta comunque di un lavoro non eseguito a regola d'arte.

Solitamente, ma anche nella logica esecutiva, una pavimentazione del lastrico solare / terrazzo deve essere di poco più basso delle soglie delle aperture che aprono su di esso, ciò per impedire eventuali infiltrazioni di acqua in caso di forti acquazzoni.

Si immagini se il terrazzo diventa una piccola piscina, durante una pioggia, e le soglie sono sullo stesso livello del pavimento.....immagini cosa succede......

 

E di sicuro il pavimente del lastrico solare / terrazzo non deve essere più alto delle soglie.

Non servono norme o sentenze è una palese cattiva esecuzione

come gia ti dicevoci sono i presupposti per una richiesta di risarcimento danni......è ovvio che l'amministratore ti replichi come fa.

Non sono spese personali ma spese indotte per porre rimedio ad un palese errore non dipendente dalla tua volontà

Io al tuo posto comincerei a contattare un avvocato

Per la questione taglio porte cosa dici ?

Ha detto che:

"a causa della ripavimentazione ho dovuto togliere e buttare le porte esterne della camera"

... e l'amministratore vuole la Norma di Legge...

... è un lavoro fatto a regola d'arte quello che non consente più di aprire le porte?

Roba da matti

Leo si. Quella frase / domanda l'avevo scirtta senza aver letto la sua replica, poi dopo averla letta la ho eliminata...ho corretto.

 

Non è solo un lavoro eseguito male, ma ha anche portato con se altri danni collaterali.

Ma io mi chiedo la ditta che ha eseguito i lavori, prima di inizziare non si è resa conto che poi alla fine il livelo del pavilento era superiore alle soglie esistenti.....maaaa!!!!!!!

a parte la ditta che ha eseguito i lavori, io me la prenderei con chi ha deciso questo tipo di intervento, sperando peraltro che la vecchia pavimentazione sia ben attaccata al solaio, altrimenti tra non molto bisognerà intervenire di nuovo rimuovendo il tutto.

×