Vai al contenuto
RICCARDO

Rifacimento marciapiede condominiale

Nel condominio dove abito che ha cinque ingressi per rispettivamente 5 palazzi, alcuni condomini vorrebbero rifare il marciapiede prospicente l'ingresso al loro palazzo che attualmente è a raso terra come il prosieguo dello stesso sia a dx a sx. poiché il loro portone è sopraelevato di 20 cm dal marciapiede attuale,la loro intenzione sarebbe di alzare il marciapiede di circa 10-15 cm che con una piccola pendenza sarebbe sopraelevato rispetto al piazzale e non avrebbero eventuali ristagni d'acqua. io mi oppongo poiché ritengo che sia una innovazione che necessita della unanimità dei condomini, ritengo che tale modifica vada a creare una barriera architettonica [/u]che ora non c'è e che pertanto rischierebbe di provocare cadute o inciampi ai condomini che utilizzano il marciapiede come percorso pedonale. se qualcuno dovesse inciampare, chi sarà responsabile??

cosa ne pensate??? possiamo opporci noi altri condomini che non entriamo in quel portone ma siamo comproprietari dell'area condominiale dove insiste il marciapiede????

riteniamo che oltre ad essere pericoloso, sarebbe anche antiestetico e andrebbe a turbare il decoro architettonico del condominio.... che ne pensate??? riusciremo ad evitarlo???? come possiamo fare???

ciao

 

se c'è ristagno d'acqua, si tratta di un intervento atto ad evitare danni maggiori e non certo una innovazione, in quanto quei 10 cm. non modificano quasi nulla, salvo evitare l'acqua stagnante. Il pericolo che qualcuno inciampi e solo una scusa, visto che si può inciampare dovunque, anche su una superficie piana. Chi cammina deve avere la normale attenzione. Che sia una barriera architettonica lo escluderei visto che viene fatto partendo da zero e salendo in pendenza come tu dici. Comunque si tratta di deduzione dal tuo post, in quanto sarebbe necessaria una miglior conoscenza della realtà.

Mi spiego meglio:

il marciapiede largo un metro, costeggia per tutta la sua lunghezza di 30 m il condominio ed è a raso terra.

In prossimità del loro portone, vi è un dente di circa 4 m che sporge di circa un metro rispetto a tutta la linearità del condominio. Poiché il pianerottolo interno, rispetto all'esterno è più alto di 20 cm. Loro vorrebbero portare all'esterno questa differenza di quota, alzando il marciapiede di circa 15-18 cm per arrivare con una piccola pendenza direttamente sotto il portone d'ingresso che è a una quota di + 20 cm.

Quindi per tutta la larghezza del marciapiede pari a circa un metro e per una lunghezza di 5 metri circa, andrebbero a realizzare un parallelepipedo che non si capisce l'utilità.

Il problema che l'acqua che si ferma "talvolta" quando piove molto e comunque, appena oltre il marciapiede, lo si risolverà presto con il rifacimento del piazzale antistante.

facendo il disegno mi spiegherei meglio. comunque camminando a piedi, magari di notte ed incontrare perpendicolarmente un gradino/marciapiede alto 15 cm non è una barriera architettonica che se ci fosse andrebbe tolta???? e noi che facciamo??? siccome non c'è la andiamo a fare???

mi sono spiegato ora??? riusciremo ad evitarne il realizzo?? che maggioranza occorre? (il marciapiede è condominiale no?) l ' area antistante il marciapiede è un piazzale condominiale adibito al transito e alla sosta dei veicoli nonché area per il gioco dei bimbi!!

Assolutamente non devi consentire la realizzazione di una barriera architettonica. rifare il marciapiedi perchè rovinato è un suo diritto e non ti puoi opporre. invece se i condomini ritengono di poter "alzare" il marciapiedi condominiale di 20 cm sbagliano e se tu non vuoi non lo possono fare perchè è una innovazione e come tale, non deve creare disagio a nessun condomino.ma gli altri condomini non dicono nulla??? ma in che condominio abiti????

auguri.

×