Vai al contenuto
Silvang

Richiesta saldo lavori straordinari sui balconi di proprietà

Salve, espongo il mio problema.

Nel 2011, in uno stabile nel quale sono proprietaria di un appartamento,sono stati effettuati lavori straordinari condominiali sulle parti comuni e lavori straordinari sui balconi di proprietà individuale. Ho pagato tutto regolarmente ai fini della legge 449/97 ma dopo due anni l'amministratore dice di aver sbagliato i calcoli della spesa dei balconi e chiede un differenza da ancora da versare alla Ditta esecutrice. Come risolvere il problema? Silvang

Che calcoli ha sbagliato?

La ripartizione tra voi condomini?

Se è questo il problema, con il bilancio approvato, ormai è andata la rettifica.

chiedete di visionare la fattura della ditta.

...e chiede un differenza...

--------------------------------------------------------

Non si possono avanzare ulteriori richieste a vanvera.

Faccia il consuntivo e lo porti in assemblea.

Poi bisogna vedere se ha preso l'incentivo su una proprietà privata (balconi aggettanti privi di decoro,di cui non ha il diritto).

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Nulle le delibere condominiali che incidono su beni di proprietà esclusiva dei condomini.

Cassazione civile Sentenza, Sez. II, 31/10/2005, n. 21199 .

Non possono essere oggetto di deliberazioni impositive di spese (e dunque di relativa ripartizione) da parte dell'assemblea del condominio gli interventi di manutenzione relativi ai balconi, da considerarsi beni di proprietà esclusiva, in quanto costituenti appendici o prolungamenti delle unità immobiliari cui accedono e non assolventi, normalmente a funzioni strutturali riferibili all'edificio condominiale, salvo che per i rivestimenti esterni e le parti decorative frontali (che inserendosi nel prospetto dell'edificio contribuiscono all'estetica complessiva dello stesso).

Sono nulle - e pertanto sottratte ai termini di impugnativa di cui all'art. 1137, terzo comma per i casi di semplice annullabilità - le delibere condominiali che incidono sui diritti individuali sulle cose; la dichiarazione di impugnabilità, senza limiti di tempo,dell'atto presupposto inficiato da nullità si estende anche all'atto che ne costituisce esecuzione e che da quello dipende.

Nell'assemblea convocata per il 31/10/2013 ma non costituitasi per mancanza del numero legale l'amministratore ha solo detto di aver sbagliato lui il piano di riparto delle spese dei balconi senza fornire alcuna documentazione. La riunione è stata riconvocata per il 27/11/2013. Quali sono le prove formali da esibire?

Grazie, Silvang

×