Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
primaclasse65

Richiesta lista movimenti contabili

Buongiorno e' da qualche mese che chiedo via mail all'amministratore la lista dei movimenti aggiornata (via mail) ma lo stesso si rifiuta adducendo delle scuse come: spetta solo ai consiglieri, oppure e' gia' stata inviata al consigliere ecc. ecc.e per ultima mail ricevuta mi ha chiesto 15 euro per poterle avere ai sensi dell'art. 1129 c.c. Mi chiedo se la mia richiesta riguarda la lista movimenti (e non copia dell'e/c) puo' inviarle in un file pdf tranquillamente cosi come si visualizzano dalla banca on line? Tutto cio' potrebbe portare ad una revoca dello stesso?

Ringrazio

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ciao, con la legge di riforma delle norme che disciplinano il Condominio, è stato introdotto nel nostro ordinamento l’obbligo di apertura di un conto corrente, bancario o postale, per ogni Condominio nel quale far confluire tutte le entrate ed al quale addebitare ogni spesa che si riferisca alla gestione condominiale.

 

Quindi, poiché, la gestione di questo conto spetta esclusivamente all'amministratore, questi, su richiesta di ogni condòmino deve presentare copia dell'estratto conto o dei movimenti bancari ogni volta che gli viene richiesto, previo pagamento, da parte del condòmino richiedente, delle copie, ovviamente.

 

Se l'amministratore non ottempera a tale richiesta, il condòmino che si sente danneggiato da tale rifiuto può agire in giudizio contro l'amministratore il quale verrebbe condannato alla presentazione di tale documento.

 

Quindi lo deve fare senza se e senza ma.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Rinnovagli la richiesta inoltrandola a mezzo fax facendo riferimento alle pregresse richieste , citagli la norma evidenziando in " grassetto" tutto ciò. Rammentagli che i consiglieri da lui menzionati sono considerati al pari di ogni condomino e non rientrano nella sfera personale. Nella lettera indicherai un periodo massimo per es. 10 GG dal ricevimento se non otterrai risposta potrai agire nei suoi confronti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno e' da qualche mese che chiedo via mail all'amministratore la lista dei movimenti aggiornata (via mail) ma lo stesso si rifiuta adducendo delle scuse come: spetta solo ai consiglieri, oppure e' gia' stata inviata al consigliere ecc. ecc.e per ultima mail ricevuta mi ha chiesto 15 euro per poterle avere ai sensi dell'art. 1129 c.c. Mi chiedo se la mia richiesta riguarda la lista movimenti (e non copia dell'e/c) puo' inviarle in un file pdf tranquillamente cosi come si visualizzano dalla banca on line? Tutto cio' potrebbe portare ad una revoca dello stesso?

Ringrazio

L'amministratore può non rispondere per e.mail, perciò è meglio che richiedi un appuntamento come previsto dall'art 1129 cc meglio con corrispondenza tracciabile, (raccomandata, fax, Pec o consegna a mano con firma per ricevuta)

 

- Contestualmente all'accettazione della nomina e ad ogni rinnovo dell'incarico, l'amministratore comunica i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, o, se si tratta di società, anche la sede legale e la denominazione, il locale ove si trovano i registri di cui ai numeri 6) e 7) dell'articolo 1130, nonché i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta all'amministratore, può prenderne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia da lui firmata.

Ottenuto l'appuntamento chiederai la visione (che è gratuita) dei registri contabili e dell'estratto conto, non potrà negati e se lo farà è passibile di revoca per gravi irregolarità (art. 1129 cc);

 

- 7) l'inottemperanza agli obblighi di cui all'articolo 1130, numeri 6), 7) e 9);

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

In merito ai movimenti bancari c’è proprio uno specifico comma dell’art. 1129 cc che dispone nel merito, il 7:

 

L’amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per il tramite dell’amministratore, può chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica.

 

Quindi l’amministratore non può sottrarsi all’obbligo di fornire la documentazione richiesta salvo far pagare “il tempo e le copie” prodotte, di cui potrai prendere visione fissando un appuntamento presso lo studio. Non ottemperando a tale obbligo sarà opportuno procurarsi prove della richiesta (raccomandate) cui fare riferimento nel caso si rendesse necessaria una richiesta di revoca anche giudiziale, preceduta sempre da un tentativo di revoca assembleare.

 

Tieni conto che in base all’art. 71 ter, peraltro poco utilizzato, l’assemblea potrebbe imporre all’amministratore di mettere la documentazione a disposizione dei condòmini su apposito portale internet, stabilendo la tipologia dei documenti da pubblicare e regolamentandone le tempistiche.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno e' da qualche mese che chiedo via mail all'amministratore la lista dei movimenti aggiornata (via mail) ma lo stesso si rifiuta adducendo delle scuse come: spetta solo ai consiglieri, oppure e' gia' stata inviata al consigliere ecc. ecc.e per ultima mail ricevuta mi ha chiesto 15 euro per poterle avere ai sensi dell'art. 1129 c.c. Mi chiedo se la mia richiesta riguarda la lista movimenti (e non copia dell'e/c) puo' inviarle in un file pdf tranquillamente cosi come si visualizzano dalla banca on line? Tutto cio' potrebbe portare ad una revoca dello stesso?

Ringrazio

Cominciamo con il dire che se la tua richiesta non riguarda l'estratto del conto corrente bancario ma riguarda la "lista movimenti" aggiornata, evidentemente ti riferisci al registro di contabilità in cui "sono annotati in ordine cronologico, entro trenta giorni da quello dell'effettuazione, i singoli movimenti in entrata ed in uscita" (ART. 1130 C.C.).

Non è un obbligo dell'amministratore inviarti copia del registro di contabilità (lista movimenti) ma è un tuo diritto chiedere un appuntamento per visionarlo gratuitamente presso il locale indicato dall'amministratore oppure chiederne copia a tue spese.

Qualsiasi sia il tipo di vettore utilizzato (posta elettronica, poste italiane, poste private...) l'invio della copia ha comunque sempre un costo perchè anche estrapolare un registro di contabilità dal proprio gestionale, produrlo in formato PDF e spedire una e-mail porta via del tempo e, come ben sai, non tutti lavorano gratuitamente.

 

Detto questo, serve sapere se la tua è una richiesta costante oppure una tantum perchè se ti sono stati chiesti 15 euro per estrarre copia del registro di contabilità, forse c'è dell'altro nel rapporto personale tra te ed il tuo amministratore.

Se, invece, il problema di incompatibilità con l'amministratore è generale, non ti sarà difficile convincere la maggioranza dei condòmini ed almeno 500 millesimi e revocarlo in assemblea (in ogni tempo) senza ricorrere al Tribunale spendendo soldi certi per un esito incerto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Concordo pienamente con Leonardo. Evidentemente non avevo letto bene il post iniziale nel quale si specificava che non ci si riferiva all’e/c bancario. A onor del vero conviene ricordare che mentre il registro di contabilità riporta il dettaglio delle entrate e uscite “dichiarate dall’amministratore”, l’estratto conto bancario o postale è l’unico documento ufficiale sul quale basarsi per cominciare a ricostruire un qualsiasi bilancio e a cui necessariamente un registro di contabilità deve, perlomeno in parte, corrispondere. Certamente non riporta le entrate e le uscite della cassa contanti ma fornisce un’idea precisa su tutti gli incassi e pagamenti tracciati.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Cominciamo con il dire che se la tua richiesta non riguarda l'estratto del conto corrente bancario ma riguarda la "lista movimenti" aggiornata, evidentemente ti riferisci al registro di contabilità in cui "sono annotati in ordine cronologico, entro trenta giorni da quello dell'effettuazione, i singoli movimenti in entrata ed in uscita" (ART. 1130 C.C.).

Non è un obbligo dell'amministratore inviarti copia del registro di contabilità (lista movimenti) ma è un tuo diritto chiedere un appuntamento per visionarlo gratuitamente presso il locale indicato dall'amministratore oppure chiederne copia a tue spese.

Qualsiasi sia il tipo di vettore utilizzato (posta elettronica, poste italiane, poste private...) l'invio della copia ha comunque sempre un costo perchè anche estrapolare un registro di contabilità dal proprio gestionale, produrlo in formato PDF e spedire una e-mail porta via del tempo e, come ben sai, non tutti lavorano gratuitamente.

 

Detto questo, serve sapere se la tua è una richiesta costante oppure una tantum perchè se ti sono stati chiesti 15 euro per estrarre copia del registro di contabilità, forse c'è dell'altro nel rapporto personale tra te ed il tuo amministratore.

Se, invece, il problema di incompatibilità con l'amministratore è generale, non ti sarà difficile convincere la maggioranza dei condòmini ed almeno 500 millesimi e revocarlo in assemblea (in ogni tempo) senza ricorrere al Tribunale spendendo soldi certi per un esito incerto.

Ciao Leonardo, premesso che sono completamente d'accordo con quanto hai scritto (l'ho scritto anche io quindi mi trovi in sintesi) però, nel caso estremo che il condòmino portasse in Tribunale l'amministratore per tale mancanza, attenzione mi riferisco all'eventuale rifiuto anche della lista movimenti, credo che l'esito sarebbe quasi sicuramente favorevole al condòmino, anche se senz'altro dovrà spendere dei soldi per iniziare una causa, sicuramente estrema ma, secondo me, dall'esito invece, quasi sicuro di vittoria.

Ovvio, secondo me.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ciao Leonardo, premesso che sono completamente d'accordo con quanto hai scritto (l'ho scritto anche io quindi mi trovi in sintesi) però, nel caso estremo che il condòmino portasse in Tribunale l'amministratore per tale mancanza, attenzione mi riferisco all'eventuale rifiuto anche della lista movimenti, credo che l'esito sarebbe quasi sicuramente favorevole al condòmino, anche se senz'altro dovrà spendere dei soldi per iniziare una causa, sicuramente estrema ma, secondo me, dall'esito invece, quasi sicuro di vittoria.

Ovvio, secondo me.

Ciao

Ciao brico, premesso che sulla trasparenza con me sfondi una porta aperta tanto che nel sito del mio condominio che curo in prima persona, al massimo ogni 15 giorni, trovi tutto aggiornato (ogni cartaceo in mio possesso lo trovi in pdf) ed i condòmini hanno anche l'accesso consultivo on line al c/c condominiale, io mi metto nei panni di tutti e cerco di ragionare con la testa di tutti: il condòmino che vuole chiarimenti, il condòmino petulante, il condòmino in contrasto con l'amministratore, l'amministratore che ha da nascondere, l'amministratore esasperato dal fiato sul collo di un condòmino e trova il modo per poter respirare....

 

Nel post iniziale si chiede espressamente l'invio del documento tramite e-mail (per risparmiare?) ma ciò a cui primaclasse ha diritto è solo la visione gratuita presso lo studio o la produzione delle copie a pagamento.

 

L'amministratore, vuoi perchè furbo, vuoi perchè scocciato, vuoi per altri motivi che sfuggono... si è cautelato perchè non si è rifiutato di estrarre copia della documentazione richiesta ma ha solo specificato che costa 15 euro anche se inviata tramite e-mail.

 

Primaclasse non ha detto se si accontenta di visionare il registro di contabilità gratuitamente nell'ufficio dell'amministratore ma senza ostacolare lo svolgimenti del lavoro quotidiano.

Primaclasse non ha detto quante volte al mese/trimestre/anno vuole controllare questi documenti.

 

Da quel che ho potuto leggere tra le righe, primaclasse pretende che gli siano inviati GRATUITAMENTE i movimenti via e-mail ma questo non è possibile perchè

1) l'amministratore potrebbe anche non usare affatto l'e-mail ed inviare tutto tramite raccomandata.

2) L'amministratore può pretendere il pagamento per ogni copia da lui prodotta.

Se i rapporti (come mi pare di capire) sono "incrinati" e si vuole giungere alla revoca giudiziale se devono raccogliere prove per cui

- richiesta appuntamento per visione gratuita inviata con raccomandata

- richiesta copie a proprie spese inviata con raccomandata

 

a questo punto, se l'amministratore non risponderà con raccomandata, si potrà cominciare a pensare alle gravi irregolarità passibili di revoca giudiziale.

 

Per quanto riguarda la consegna delle copie, inoltre, l'art. 1129 del codice civile recita:

 

...Contestualmente all'accettazione della nomina e ad ogni rinnovo dell'incarico, l'amministratore comunica i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, o, se si tratta di società, anche la sede legale e la denominazione, il locale ove si trovano i registri di cui ai numeri 6) e 7) dell'articolo 1130, nonché i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta all'amministratore, può prenderne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia da lui firmata...

La mia "personalissima" interpretazione di questo articolo è che, sia che si tratti di visionare, sia che si tratti di "ottenere" copia, il luogo di visione/consegna resta sempre lo stesso e cioè la sede comunicata all'atto della nomina/conferma.

Del resto, anche a garanzia di chi richiede la copia, come accertarsi che la copia sia realmente firmata dall'amministratore se non con firma messa in presenza dell'interessato?

Come si potrebbe inviare una copia firmata con valore legale, tramite una semplice e-mail senza tutte le procedure sulla firma digitale?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
...Contestualmente all'accettazione della nomina ...

 

La mia "personalissima" interpretazione di questo articolo è che, sia che si tratti di visionare, sia che si tratti di "ottenere" copia, il luogo di visione/consegna resta sempre lo stesso e cioè la sede comunicata all'atto della nomina/conferma.

Su questo siamo perfettamente d'accordo, tanto è vero che ho citato lo stesso comma dell'art 1129 cc nella mia risposta #4, aggiungendo, perchè richiesto dallo stesso primaclasse65 che se non otterrà risposta l'amministratore sarà revocabile per gravi irregolarità.

 

Per cui se il condomino chiede, come suo diritto, deve innanzitutto richiedere come previsto dalle norme e non con semplice e.mail a cui l'amministratore non è tenuto ad ottemperare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno e' da qualche mese che chiedo via mail all'amministratore la lista dei movimenti aggiornata (via mail) ma lo stesso si rifiuta adducendo delle scuse come: spetta solo ai consiglieri, oppure e' gia' stata inviata al consigliere ecc. ecc.e per ultima mail ricevuta mi ha chiesto 15 euro per poterle avere ai sensi dell'art. 1129 c.c. Mi chiedo se la mia richiesta riguarda la lista movimenti (e non copia dell'e/c) puo' inviarle in un file pdf tranquillamente cosi come si visualizzano dalla banca on line? Tutto cio' potrebbe portare ad una revoca dello stesso?

Ringrazio

Bando alle ciance.

Questo è il primo sintomo che qualcosa non va.

A mio giudizio è il primo campanello d'allarme per informare la compagine condominiale ed organizzare la revoca.

Perdona la drasticità ma non ci si nasconde dietro un dito, se un collega racconta frottole è da inchiodare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ciao brico, premesso che sulla trasparenza con me sfondi una porta aperta tanto che nel sito del mio condominio che curo in prima persona, al massimo ogni 15 giorni, trovi tutto aggiornato (ogni cartaceo in mio possesso lo trovi in pdf) ed i condòmini hanno anche l'accesso consultivo on line al c/c condominiale, io mi metto nei panni di tutti e cerco di ragionare con la testa di tutti: il condòmino che vuole chiarimenti, il condòmino petulante, il condòmino in contrasto con l'amministratore, l'amministratore che ha da nascondere, l'amministratore esasperato dal fiato sul collo di un condòmino e trova il modo per poter respirare....

 

Nel post iniziale si chiede espressamente l'invio del documento tramite e-mail (per risparmiare?) ma ciò a cui primaclasse ha diritto è solo la visione gratuita presso lo studio o la produzione delle copie a pagamento.

 

L'amministratore, vuoi perchè furbo, vuoi perchè scocciato, vuoi per altri motivi che sfuggono... si è cautelato perchè non si è rifiutato di estrarre copia della documentazione richiesta ma ha solo specificato che costa 15 euro anche se inviata tramite e-mail.

 

Primaclasse non ha detto se si accontenta di visionare il registro di contabilità gratuitamente nell'ufficio dell'amministratore ma senza ostacolare lo svolgimenti del lavoro quotidiano.

Primaclasse non ha detto quante volte al mese/trimestre/anno vuole controllare questi documenti.

 

Da quel che ho potuto leggere tra le righe, primaclasse pretende che gli siano inviati GRATUITAMENTE i movimenti via e-mail ma questo non è possibile perchè

1) l'amministratore potrebbe anche non usare affatto l'e-mail ed inviare tutto tramite raccomandata.

2) L'amministratore può pretendere il pagamento per ogni copia da lui prodotta.

Se i rapporti (come mi pare di capire) sono "incrinati" e si vuole giungere alla revoca giudiziale se devono raccogliere prove per cui

- richiesta appuntamento per visione gratuita inviata con raccomandata

- richiesta copie a proprie spese inviata con raccomandata

 

a questo punto, se l'amministratore non risponderà con raccomandata, si potrà cominciare a pensare alle gravi irregolarità passibili di revoca giudiziale.

 

Per quanto riguarda la consegna delle copie, inoltre, l'art. 1129 del codice civile recita:

 

...Contestualmente all'accettazione della nomina e ad ogni rinnovo dell'incarico, l'amministratore comunica i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, o, se si tratta di società, anche la sede legale e la denominazione, il locale ove si trovano i registri di cui ai numeri 6) e 7) dell'articolo 1130, nonché i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta all'amministratore, può prenderne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia da lui firmata...

La mia "personalissima" interpretazione di questo articolo è che, sia che si tratti di visionare, sia che si tratti di "ottenere" copia, il luogo di visione/consegna resta sempre lo stesso e cioè la sede comunicata all'atto della nomina/conferma.

Del resto, anche a garanzia di chi richiede la copia, come accertarsi che la copia sia realmente firmata dall'amministratore se non con firma messa in presenza dell'interessato?

Come si potrebbe inviare una copia firmata con valore legale, tramite una semplice e-mail senza tutte le procedure sulla firma digitale?

Ciao, hai fatto un quadro della situazione perfettamente condivisibile con le mie idee e con i miei modi di far pur non essendo una amministratrice di Condomini.

 

Condivido per filo e per segno ciò che hai scritto.

 

Nelle mie, personali, osservazioni mi riferivo solo alla eventualità di soccombenza da parte dell'amministratore nel caso in cui andasse in giudizio per l'art. 1129 c.c. che la vedrei come certezza, per il resto condivido tutto.

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
A mio giudizio è il primo campanello d'allarme per informare la compagine condominiale ed organizzare la revoca...

Estratto dal post n. 6

... Se, invece, il problema di incompatibilità con l'amministratore è generale, non ti sarà difficile convincere la maggioranza dei condòmini ed almeno 500 millesimi e revocarlo in assemblea (in ogni tempo) senza ricorrere al Tribunale spendendo soldi certi per un esito incerto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Estratto dal post n. 6

Il problema serio e grave è che i condòmini si soffermano più sui 15€ richiesti che non sul ritardo rifiuto palesemente illegittimo...

Che il 2018 risvegli dal torpore!

 

Dimenticavo un amministratore non può rifiutarsi di dare l'e/c in copia, non può disincentivare chiedendo costi palesemente esagerati, non può minare la credibilità della categoria, non se lo può permettere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
In merito ai movimenti bancari c’è proprio uno specifico comma dell’art. 1129 cc che dispone nel merito, il 7:

 

L’amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per il tramite dell’amministratore, può chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica.

 

Quindi l’amministratore non può sottrarsi all’obbligo di fornire la documentazione richiesta salvo far pagare “il tempo e le copie” prodotte, di cui potrai prendere visione fissando un appuntamento presso lo studio. Non ottemperando a tale obbligo sarà opportuno procurarsi prove della richiesta (raccomandate) cui fare riferimento nel caso si rendesse necessaria una richiesta di revoca anche giudiziale, preceduta sempre da un tentativo di revoca assembleare.

 

Tieni conto che in base all’art. 71 ter, peraltro poco utilizzato, l’assemblea potrebbe imporre all’amministratore di mettere la documentazione a disposizione dei condòmini su apposito portale internet, stabilendo la tipologia dei documenti da pubblicare e regolamentandone le tempistiche.

Buondì, e vero che su delibera assembleare potrebbe metterla on-line , ma si assiste che l'amministratore faccia richiesta di denaro per poterlo fare. Siamo sicuri che siano originali i dati pubblicati?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Dimenticavo un amministratore non può rifiutarsi di dare l'e/c in copia, non può disincentivare chiedendo costi palesemente esagerati, non può minare la credibilità della categoria, non se lo può permettere.

Purtroppo (e sai bene che io l'ho provato sulla mia pelle) ci sono amministratori che si permettono tutto quello che i condòmini gli consentono di fare.

Il problema vero è la formazione dei condòmini che sono sempre più indaffarati e disinteressati.

 

Lo hanno ben compreso organizzazioni che pensano di sostituire gli amministratori di condominio (che devono rendere conto all'assemblea per ogni cosa straordinaria) con i "manager immobiliari" ai quali il condominio dovrebbe dare ampi poteri. Se non sbaglio è già nata anche un'associazione di manager immoboliari (AMI) i quali manager vorrebbero amministrare i condominii come se si trattasse di grossi complessi immobiliari facenti capo ad un unico proprietario.

L'articolo pubblicato su condominioweb dall'avvocato Orefice (al link di seguito) da un quadro della situazione.

https://www.condominioweb.com/manager-immobiliare.14390#ixzz50YwLqwXL

 

Dimenticavo, tanto per non farci mancare niente, oltre alla figura del revisore condominiale (ci sono già dei corsi specifici che "attestano" questa qualifica), sta nascendo anche un'altra categoria che vorrebbe girare intorno al condominio. La nuova figura è il "Consulente condominiale" che dovrebbe controllare l'amministratore, la fiscalità e le criticità condominiali.

Ecco il link a questa nuova figura:

https://educazionecondominiale.com/consulente-condominiale/

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ciao, e vero l'ho constatato anch'io. Ma tutto ha un costo, anche per chi lo vuole, presenziare in assemblea.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Purtroppo (e sai bene che io l'ho provato sulla mia pelle) ci sono amministratori che si permettono tutto quello che i condòmini gli consentono di fare.

Il problema vero è la formazione dei condòmini che sono sempre più indaffarati e disinteressati.

 

Lo hanno ben compreso organizzazioni che pensano di sostituire gli amministratori di condominio (che devono rendere conto all'assemblea per ogni cosa straordinaria) con i "manager immobiliari" ai quali il condominio dovrebbe dare ampi poteri. Se non sbaglio è già nata anche un'associazione di manager immoboliari (AMI) i quali manager vorrebbero amministrare i condominii come se si trattasse di grossi complessi immobiliari facenti capo ad un unico proprietario.

L'articolo pubblicato su condominioweb dall'avvocato Orefice (al link di seguito) da un quadro della situazione.

https://www.condominioweb.com/manager-immobiliare.14390#ixzz50YwLqwXL

 

Dimenticavo, tanto per non farci mancare niente, oltre alla figura del revisore condominiale (ci sono già dei corsi specifici che "attestano" questa qualifica), sta nascendo anche un'altra categoria che vorrebbe girare intorno al condominio. La nuova figura è il "Consulente condominiale" che dovrebbe controllare l'amministratore, la fiscalità e le criticità condominiali.

Ecco il link a questa nuova figura:

https://educazionecondominiale.com/consulente-condominiale/

Ciao, può darsi pure che un giorno si arrivi ad avere queste figure "professionali" però, sono sicura, che alla fine torneranno, i condòmini, a voler essere amministrati da......un semplice amministratore vedrai, vedrai.....!!!!!

 

Perché?

Semplice!

Perché alla fine della fiera, chi comanda in assoluto in un Condominio è e sarà sempre, la maggioranza dei condòmini.

 

Manager, revisori, consulente immobiliare, consulente condominiale, il controllore dell'amministratore, ecc...ecc......per me è tutto un blà, blà, blà che porterà alla vera valorizzazione del pur sempre, antico, valoroso e semplice amministratore

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buongiorno e' da qualche mese che chiedo via mail all'amministratore la lista dei movimenti aggiornata (via mail) ma lo stesso si rifiuta adducendo delle scuse come: spetta solo ai consiglieri, oppure e' gia' stata inviata al consigliere ecc. ecc.e per ultima mail ricevuta mi ha chiesto 15 euro per poterle avere ai sensi dell'art. 1129 c.c. Mi chiedo se la mia richiesta riguarda la lista movimenti (e non copia dell'e/c) puo' inviarle in un file pdf tranquillamente cosi come si visualizzano dalla banca on line? Tutto cio' potrebbe portare ad una revoca dello stesso?

Ringrazio

L'amministratore non ha l'obbligo di inviarti la documentazione su l'email eventualmente solo solo sulla pec. ad ogni buon fine come segnalato da Tullio ti consiglio di inviare una rrr dove chiedi di visionare la documentazione condominiale compresa quella riguardante il c/c condominiale. Come previsto dal codice civile per avere copia (anche in pdf) devi retribuire l'amministratore, onestamente € 15,00 mi sembrano eccessivi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buondì, e vero che su delibera assembleare potrebbe metterla on-line , ma si assiste che l'amministratore faccia richiesta di denaro per poterlo fare. Siamo sicuri che siano originali i dati pubblicati?

Nessuno ti vieta di fissare un appuntamento presso lo studio e verificare di persona la rispondenza degli originali con quelli posti on line. Se dovessi operare la professione intervenendo truffadinamente sui documenti messi on line dovrei tenere sempre pronta una valigia per un viaggio a “Regina Coeli” e certamente non dormirei la notte. Ho già tanti grattacapi a gestire le persone, figuriamoci se dovessi preoccuparmi dei documenti che metto on line.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Nessuno ti vieta di fissare un appuntamento presso lo studio e verificare di persona la rispondenza degli originali con quelli posti on line. Se dovessi operare la professione intervenendo truffadinamente sui documenti messi on line dovrei tenere sempre pronta una valigia per un viaggio a “Regina Coeli” e certamente non dormirei la notte. Ho già tanti grattacapi a gestire le persone, figuriamoci se dovessi preoccuparmi dei documenti che metto on line.

ok concordo, meglio sarebbe fissare un appuntamento anche accompagnato da qualcun'altro e magari più volte l'anno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
..... Ho già tanti grattacapi a gestire le persone, figuriamoci se dovessi preoccuparmi dei documenti che metto on line.

Ciao, lo credo bene!!!!🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ciao, lo credo bene!!!!🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Anche a te “brichetto” 🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

e poi se esci fuori che conti non sono corretti che responsabilita ha amministratore

fatto che lo cambiano e poi soldi devi cmq ridare al condominio?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×