Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
tatina

Richiesta informazioni sulla figura di amministratore condominiale:nuovo inizio professione

Salve,

sono nuova nel forum e anche al rischio di sembrare 'ignorante'mi permetto di chiedervi dei consigli,spero di avere scelto la discussione giusta.

Mi sono informata circa un corso per amministratore di condomini che avrá inizio a Firenze inizio Novembre,della durata di 78 h per un costo complessivo di 450 euro,alla fine del quale verrá rilasciata una certificazione.Post corso é previsto un periodo di tutoring da parte della sinteg.

Premesso che sono disoccupata e che per me 450 euro sono un grosso investimento e che a inizio Gennaio 2014 ho chiuso la partita iva ( aperta sei mesi prima per vendita abbonamenti telefonia mobile) perché le spese erano troppe e non riuscivo a sostenerle....prima di imbarcarmi in questa nuova avventura volevo capire cosa esattamente comporta.

Allora i requisiti di legge per fare l'amministratore ce li ho...il corso lo posso tranquillamente sostenere...i miei dubbi sono per il dopo...

Che reale mercato c'é per questa attivitá?

É obbligatorio aprire la partita Iva?...io vista l'esperienza passata non vorrei doverla riaprire. Esistono delle societá o degli studi dove poter svolgere il lavoro come impiegata/dipendente?in questo caso che tipo di responsabilitá ha il dipendente e con che contratto e retribuzione viene assunto?

Grazie in anticipo a tutti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non conosco la situazione di Firenze e posso risponderti per la piazza di Roma. Il mercato è saturo e le possibilità di acquisire condomini è pressochè prossima allo zero anche per i professionisti iscritti alle più importanti associazioni di categoria, se fai il corso con la speranza di risolvere in breve tempo i tuoi problemi di lavoro mi sento di sconsigliarti di intraprendere questa attività che necessita della partita iva (il fatto che tu l'abbia chiusa è significativo e pienamente giustificato, prima di riaprirla dovresti avere lavoro sicuro, quello che manca), la frequenza al corso e conseguente attestato è chiaramente la parte più semplice, tieni presente che coloro che promuovono i corsi ti prospettano orizzonti rosa e "possibili" grossi guadagni: tutte bugie, mentono sapendo di mentire. La strada è lunga e tortuosa e darà i suoi frutti, se va bene tra 5 - 6 anni (esperienza vissuta) a condizione che la scelta del corso/associazione sia quello giusto, mi sento di dire che un corso che costa "appena" 450,00 euro a fronte degli 800,00/1000,00 delle maggiori (leggi più accreditate) associazioni di categoria (con tempi di gran lunga superiori), potrebbe non essere "adeguato" allo scopo prefisso. Se hai tempo e denari da perdere potresti cominciare a frequentare il corso, anche per cultura personale, ma sarebbe consigliabile che avessi nel contempo un'altra fonte di guadagno alternativa: parere personale

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Io invece rispondo per la piazza della Romagna e secondo me c'è posto per tutti.

Confermo che i guadagni non sono immediati, ma col tempo uno si può costruire un proprio futuro ed una professione.

Subito grandi guadagni... è impossibile: io inizialmente lo integravo con un altro lavoro.

Impiegata presso uno studio, direi, che è il sogno di tante persone: stipendio fisso e zero responsabilità.

Chiudo e suggerisco che per fare l'amministratore bisogna "investire" nel corso giusto.

In bocca al lupo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie dell'intervento Alfonso,il costo del corso di 450 euro credo dipenda del fatto Che é organizzato da un sindacato con cofinanziamenti europei e non da un'associazione di categoria.

Il mio pensiero infatti era di frequentarlo affiancandolo magari anche ad un'altra occupazione e vedere poi nel tempo come si evolve la situazione...se la cosa poi prende piede mi ci dedicherei al 100%.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie dell'intervento Geco06,anch'io non pensavo subito di avere grandi guadagni.Per quanto riguarda la parte di impiegata/dipendente lo so che é il sogno di molte persone...a me interessava solo capire se esistono degli studi dove si puó svolgere l'attivitá di amministratore come dipendente o se non esistono...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie dell'intervento Geco06,anch'io non pensavo subito di avere grandi guadagni.Per quanto riguarda la parte di impiegata/dipendente lo so che é il sogno di molte persone...a me interessava solo capire se esistono degli studi dove si puó svolgere l'attivitá di amministratore come dipendente o se non esistono...

 

non sono tempi per assumere, non si guadagna abbastanza per sostenerne i costi ... meglio delegare varie cose all'esterno, io per esempio stò valutando di dare la contabilità all'esterno (14€ ad u.i.) e diminuire le ore dell'impiegata etc...

confermo che il costo è buono per via dei finanziamenti del sindacato e la parte pratica curata da Sinteg sarà importante

lo spazio c'è, la concorrenza "barbara" ci stà massacrando, ... per riuscire ad iniziare, devi avere persone che si fidano di te, tanto da "battersi" per te, per portarti nel loro condominio, se riesci ad iniziare, poi saranno i tuoi clienti e fornitori a portarti altro lavoro. Il difficile è prendere i primi 3/4 condomini

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

tatina.

la prima cosa che non devi mai fare è quella di delegare la contabilità a nessuno. mai.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
tatina.

la prima cosa che non devi mai fare è quella di delegare la contabilità a nessuno. mai.

alla segretaria si, al ced no ????

ma per favore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Comunque se vi interessa la formazione e capire come si stà muovendo il mercato, vi invito

- 7 novembre a Rimini alla fiera EcoCondominio la mattina incontro Sinteg, il pomeriggio Manager Immobiliare e il giorno dopo Confamministrare illustra la contabilizzazione

- 28 novembre a milano, corso di aggiornamento amministratori come da nuove norme, con il Politecnico (info Sinteg)

- 12 dicembre a tORINO corso di aggiornamento amministratore come da nuove norme con la St. john info presso sinteg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Mi inserisco in questa discussione, sperando di non sbagliare, per un chiarimento.

Una persona che ha seguito il corso di Amministratore condominiale presso associazione di categoria due o tre anni fa, superandone l'esame finale ed ottenendone l'attestato, MA che non si è MAI iscritto ad alcuna associazione e non ha MAI, finora, esercitato né effettuato formazione periodica, ora richiesta, ... può iniziare, da domani (esempio) ad esercitare? Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Mi inserisco in questa discussione, sperando di non sbagliare, per un chiarimento.

Una persona che ha seguito il corso di Amministratore condominiale presso associazione di categoria due o tre anni fa, superandone l'esame finale ed ottenendone l'attestato, MA che non si è MAI iscritto ad alcuna associazione e non ha MAI, finora, esercitato né effettuato formazione periodica, ora richiesta, ... può iniziare, da domani (esempio) ad esercitare? Grazie.

no, se non ha mai amministrato un fabbricato per due anni precedenti alla riforma

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Grazie, prociotta, per la risposta. Però mi viene da chiedere .. .cosa dovrebbe fare, allora, per iniziare ad esercitare, visto che ha già seguito un corso con tanto di rilascio di certificato? Grazie ancora.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie, prociotta, per la risposta. Però mi viene da chiedere .. .cosa dovrebbe fare, allora, per iniziare ad esercitare, visto che ha già seguito un corso con tanto di rilascio di certificato? Grazie ancora.

il tuo corso è precedente alla riforma oltre che precedente al regolamento su come devono essere i corsi

il tuo corso risale a quando non era obbligatorio nemmeno saper leggere e scrivere o meglio era scontato perchè in quanto cittadini italiani abbiamo la scuola dell'obbligo

come i miei del resto (ne ho fatti diversi dopo il primo, non si finisce mai d'imparare), ma io in questi oltre 20 anni ho anche esercitato la professione

 

per iniziare la professione ora devi seguire un corso come prevede la nuova normativa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie, prociotta, per la risposta. Però mi viene da chiedere .. .cosa dovrebbe fare, allora, per iniziare ad esercitare, visto che ha già seguito un corso con tanto di rilascio di certificato? Grazie ancora.

Il rilascio di un "certificato" di un'associazione in quanto tale non certifica nulla se non rispetta quanto disposto dalla Legge.

Per amministrare devi avere i requisiti professionali richiesti dall'art. 71 bis.

Se non hai amministrato almeno un anno nei tre precedenti la riforma, tra le altre cose ti serve aver frequentato un corso iniziale comunicato al Ministero di Giustizia i cui responsabili scientifici e formatori stessi abbiano i requisiti richiesti ed i cui nominativi siano stati comunicati al Ministero.

A questo link il decreto Legge che regolamenta quanto indicato nell'art. 71 bis

http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/Online/_Oggetti_Correlati/Documenti/Norme%20e%20Tributi/2014/09/Reg-formaz-condominio-18-luglio-2014.pdf?uuid=ABYf3MwB

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Preciso che non si tratta di me. Io avrei voluto frequentare un corso in via di svolgimento attualmente, ma per problemi vari non mi è stato possibile. La persona per cui mi informo ha seguito un corso anaci e all'epoca collaborava (non risultando) con un amm.re condominiale. Ora gli è stato chiesto di amministrare un condominio e ci stavamo chiedendo se possa farlo o meno alla luce della nuova riforma. Voi avete chiarito il mio dubbio, ma allo stesso tempo mi chiedo ... ritornando all'anaci (e iscrivendovisi, questa sarebbe la sua volontà) ... farebbero seguire il corso ex novo, per intero? Mi sembra un pò assurdo, scusate. Non basterebbe fare un aggiornamento sulla nuova riforma, magari certificandolo e pretendere, poi, la formazione continua e/o aggiornamenti vari? Sempre grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Preciso che non si tratta di me. Io avrei voluto frequentare un corso in via di svolgimento attualmente, ma per problemi vari non mi è stato possibile. La persona per cui mi informo ha seguito un corso anaci e all'epoca collaborava (non risultando) con un amm.re condominiale. Ora gli è stato chiesto di amministrare un condominio e ci stavamo chiedendo se possa farlo o meno alla luce della nuova riforma. Voi avete chiarito il mio dubbio, ma allo stesso tempo mi chiedo ... ritornando all'anaci (e iscrivendovisi, questa sarebbe la sua volontà) ... farebbero seguire il corso ex novo, per intero? Mi sembra un pò assurdo, scusate. Non basterebbe fare un aggiornamento sulla nuova riforma, magari certificandolo e pretendere, poi, la formazione continua e/o aggiornamenti vari? Sempre grazie

premesso che non lo troverei assurdo rifare il corso, considera che per gli iscritti dell'emilia romagna lo scorso hanno per aggiornamento sono state fatte una quindicina di pomeriggi a bologna, riprendendo tutto il codice

non sò se hanno previsto corsi smart, chiedi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Preciso che non si tratta di me. Io avrei voluto frequentare un corso in via di svolgimento attualmente, ma per problemi vari non mi è stato possibile. La persona per cui mi informo ha seguito un corso anaci e all'epoca collaborava (non risultando) con un amm.re condominiale. Ora gli è stato chiesto di amministrare un condominio e ci stavamo chiedendo se possa farlo o meno alla luce della nuova riforma. Voi avete chiarito il mio dubbio, ma allo stesso tempo mi chiedo ... ritornando all'anaci (e iscrivendovisi, questa sarebbe la sua volontà) ... farebbero seguire il corso ex novo, per intero? Mi sembra un pò assurdo, scusate. Non basterebbe fare un aggiornamento sulla nuova riforma, magari certificandolo e pretendere, poi, la formazione continua e/o aggiornamenti vari? Sempre grazie

Il fatto che abbia conseguito l'attestato di partecipazione con ANACI (la più nota ed accreditata insieme ad ANAMMI) con conseguente superamento dell'esame finale è già di per se più che sufficiente a promuoverlo come amministratore HA GIA' i requisiti, anche perché se fosse vero che da oggi all'eternità fosse indispensabile seguire EX NOVO i corsi "riformati" TUTTI (Indistintamente) gli amministratori esistenti (per esempio gli amministratori che hanno gestito fino a 4 anni fa decinaia e decinaia di condomini e per qualche motivo sono stati "fermi" e senza condomini negli ultimi 4 anni) sarebbero illegali e passibili di revoca. Appoggio le tue giuste osservazioni: sarebbe assurdo. Se la sua intenzione è quella di aggiornarsi ed iscriversi ad ANACI.......andate tranquilli, nessuno potrà avere nulla da obiettare, a prescindere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Il fatto che abbia conseguito l'attestato di partecipazione con ANACI (la più nota ed accreditata insieme ad ANAMMI) con conseguente superamento dell'esame finale è già di per se più che sufficiente a promuoverlo come amministratore HA GIA' i requisiti, anche perché se fosse vero che da oggi all'eternità fosse indispensabile seguire EX NOVO i corsi "riformati" TUTTI (Indistintamente) gli amministratori esistenti (per esempio gli amministratori che hanno gestito fino a 4 anni fa decinaia e decinaia di condomini e per qualche motivo sono stati "fermi" e senza condomini negli ultimi 4 anni) sarebbero illegali e passibili di revoca. Appoggio le tue giuste osservazioni: sarebbe assurdo. Se la sua intenzione è quella di aggiornarsi ed iscriversi ad ANACI.......andate tranquilli, nessuno potrà avere nulla da obiettare, a prescindere.

Concordo su tutta la linea...per chi vuole iniziare auguri...in ogni modo senza altra attività e partendo da zero si rischia di prendere batoste economiche (che in questo periodo meglio evitare)...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Il fatto che abbia conseguito l'attestato di partecipazione con ANACI (la più nota ed accreditata insieme ad ANAMMI) con conseguente superamento dell'esame finale è già di per se più che sufficiente a promuoverlo come amministratore HA GIA' i requisiti, anche perché se fosse vero che da oggi all'eternità fosse indispensabile seguire EX NOVO i corsi "riformati" TUTTI (Indistintamente) gli amministratori esistenti (per esempio gli amministratori che hanno gestito fino a 4 anni fa decinaia e decinaia di condomini e per qualche motivo sono stati "fermi" e senza condomini negli ultimi 4 anni) sarebbero illegali e passibili di revoca. Appoggio le tue giuste osservazioni: sarebbe assurdo. Se la sua intenzione è quella di aggiornarsi ed iscriversi ad ANACI.......andate tranquilli, nessuno potrà avere nulla da obiettare, a prescindere.

lo ha fatto prima della riforma, quei corsi non hanno nessun valore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
lo ha fatto prima della riforma, quei corsi non hanno nessun valore

Opinione personale ma per me totalmente errata, sarebbe come dire che chi si è laureato prima della "eventuale" "nuova" riforma con "nuovi programmi" deve restituire la laurea a suo tempo costata 4 o più anni e centinaia di migliaia di vecchie lire, e chi ha investito quasi mille euro per conseguire un attestato della maggiore associazione di categoria, tra l'altro UFFICIALMENTE inserita con autorevolezza negli elenchi statali prima di tutte le sigle più o meno sconosciute e che non figurano da nessuna parte, l'associazione in oggetto ha contribuito attivamente nel proporre emendamenti e proposte di modifica della recente legge di riforma, ospita ai congressi e seminari di aggiornamento (e da sempre, cioè prima che fosse obbligatorio aggiornarsi) a cui partecipano giudici al più alto livello (leggi: presidenti ed ex presidenti della corte di cassazione), mi sembra un po' riduttivo sminuire o addirittura negare validità ai corsi che generalmente durano, o sono durati, tra i 5 e i sei mesi (da sempre, beninteso), in quella che più da vicino si avvicina ad una sorta di "ordine professionale", riconosciuta ufficialmente, ripeto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

direi che la cosa e' un po differente ,per la laurea anche se cambiano le regole per ottenerla comunque le vecchie sono state rilasciate secondo legge .

per i corsi solo ora e' uscita la regolamentazione ,quindi teoricamente quelli vecchi non sono corsi regolamentati . e direi che il fatto che l'associazione era inserita in un elenco ministeriale non credo che corsi eventualmente tenuti da detta associazione possano essere considerati regolamentari .

 

direi che i corsi preregolamentazione o sono tutti validi (sia quelli fatti dalle associazioni inserite nell'elenco, sia quelli delle associazioni non inserite ,sia di quelli di qualsiasi altro soggetto che abbia fatto corsi )o sono tutti non validi .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

direi che i corsi preregolamentazione o sono tutti validi (sia quelli fatti dalle associazioni inserite nell'elenco, sia quelli delle associazioni non inserite ,sia di quelli di qualsiasi altro soggetto che abbia fatto corsi )o sono tutti non validi .

 

 

Per me, la prima che hai detto, a prescindere

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

secondo me non valgono .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
direi che i corsi preregolamentazione o sono tutti validi (sia quelli fatti dalle associazioni inserite nell'elenco, sia quelli delle associazioni non inserite ,sia di quelli di qualsiasi altro soggetto che abbia fatto corsi )o sono tutti non validi .

 

 

Per me, la prima che hai detto, a prescindere

non valevano nulla prima, non valgono nulla ora

erano volontari, c'è chi li faceva e chi no e poteva cmq fare l'amministratore

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
non valevano nulla prima, non valgono nulla ora

erano volontari, c'è chi li faceva e chi no e poteva cmq fare l'amministratore

Io premetto sempre dire "per me" non essendo giudice incontrastato, cioè "è una mia opinione", i condomini potrebbero pensarla come me oppure no, qualcuno potrebbe pensare di fare ricorso ma bisognerebbe che abbia una conoscenza approfondita e conosca a menadito la legge (l'ultima versione, ovviamente) sempre che la teoria della invalidità sia quella giusta, nella realtà avviene spesso che alcuni amministratori "marpioni" riescano ad abbindolare con facilità i loro clienti riuscendo a far credere loro qualsiasi castroneria confidando proprio nella dominante ignoranza (figuriamoci se capiscono la sottigliezza del "corso accreditato" post riforma e del "corso che non vale niente"), in ultima analisi sono sempre e solo i condomini a decidere, nessuno verrà da fuori a controllare i "pezzi di carta" (corsi validi)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×