Vai al contenuto
lorena67

Ricezione verbale

Mio marito amministra il condominio in cui abitiamo che consta di 5 condomini, ha inviato la convocazione ad uno di questi indirizzandola solo alla moglie anche se sono comproprietari. Nessuno dei due era presente all'assemblea, e si rifiutano di ricevere la copia del verbale. Chiedo: se si fa la raccomandata ed anche questa viene rifutata quanto tempo deve passare affinché siano esecutive le delibere? Grazie

Come hai inviato il deliberato, con lettera raccomandata, Pec, Fax, consegna a mano?

Se non l'ha ritirata in questi termini, la scadenza per la sua eventuale impugnazione sarà di trenta giorni dal ricevimento, anche se non l'ha ritirata, poi non avrà nessun motivo per ricorrere e dovrà corrispondere quanto l'assemblea ha deliberato regolarmente.

 

p.s. era meglio aprire un topic specifico al tuo caso 🙂

Prima si è tentato di consegnarlo a mano ma ha rifiutato, dopo è stata mandata una raccomandata. Adesso chiedo: ci sono trenta giorni per ritirare la raccomandata.Poi viene rimandata indietro. I trenta giorni per rendere esecutiva la delibera quando cominciano?

I trenta giorni per l'eventuale impugnazione iniziano dal momento del recapito, ovvero alla data in cui il postino l'ha recapitata, e se non ha trovato nessuno ha lasciato l'avviso per il ritiro.

Grazie per la disponibilità. Sempre gli stessi condomini contestano la costituzione stessa del condominio in quanto dicono che non è necessario. Dopo averne firmato la costituzione possono tirarsi indietro?

Essendo presente una pluralità di proprietari (condòmini), il condominio è già costituito "ipso iure".

Esso, infatti, "nasce" con la vendita della prima u.i. da parte del costruttore.

 

Estratto:

il regime del condominio negli edifici - inteso come diritto e come organizzazione - si instaura per legge nel fabbricato, nel quale esistono più piani o porzioni di piano, che appartengono in proprietà esclusiva a persone diverse, ai quali dalla relazione di accessorietà è legato un certo numero di cose, impianti e servizi comuni. Il condominio si costituisce (ex lege) non appena, per qualsivoglia fatto traslativo, i piani o le porzioni di piano del fabbricato vengono ad appartenere a soggetti differenti (Trib. Varese ord. n. 1273/11)

×