Vai al contenuto
PinoElle

Revoca immediata amministratore - togliendogli anche la prosecutio imperii?

Il nostro amministratore per più volte ci ha mandato ditte per lavori vari senza avvertirci per tempo né comunicarci data e ora in cui sarebbe stato svolto il lavoro.

 

Oltretutto le ditte scelte dall'amministratore sono sempre risultate molto care come abbiamo potuto constatare con una rapida indagine di mercato.

 

Abbiamo provato a "contestare" alcune fatture ma ce le siamo ritrovate addebitate sul conto del condominio mentre ancora aspettavamo una risposta...

 

Più volte e con vari mezzi (telefonate, mail, verbale riunione di condominio...) abbiamo provato a cambiare queste "abitudini" senza ottenere risultato.

 

L'ultimo episodio risale a pochi giorni fa (lavoro per controllo del passo carraio) quando non ha persino risposto a diverse nostre mail di richiesta chiarimenti e al telefono ... diciamo che cadeva sempre la linea...

 

Per cortesia vorremmo sapere:

1- Qual è il modo più corretto e sicuro per revocare immediatamente l'incarico, togliendogli anche la prosecutio imperii? (siamo solo 4 condomini e non vogliamo più un amministratore...): andrebbe bene anche una raccomandata firmata da tutti i condomini? (per evitare un confronto diretto con una persona che con noi ha avuto un comportamento maleducato e scorretto)

2- vorremmo contestualmente bloccare il conto corrente del condominio per evitare altre sue "incursioni" non autorizzate: possiamo intanto farlo lasciando solo autorizzati i pagamenti RID delle utenze?

3- come facciamo a farci consegnare la documentazione relativa alla sua amministrazione?

4- se decidiamo di non avere più un amministratore gli è sempre dovuta una somma per la consegna a noi dei documenti? (Il nostro amministratore prevede 200€ per il "passaggio di consegne").

 

Sicuro che comprendiate la necessità "urgente" di risolvere la cosa, vi ringrazio anticipatamente della vostra cortese sollecita risposta.

 

Cordiali Saluti

Per sostituire questo amministratore è consigliabile seguire la prassi dell'art. 66 Dacc, (almeno 2 condomini rappresentanti almeno 1/6 del valore del condominio pari o superiore a 166.66p mlm) richiedendo all'amministratore in carica un'assemblea straordinaria (meglio con lettera RR) con all'OdG “nomina amm.re” e quant'altro desiderate deliberare, se lui non stabilisce una data per questa assemblea entro 10 gg (dalla ricezione) gli stessi richiedenti potranno convocarla con lo stesso OdG richiesto, inviando una lettera RR, o fax, o Pec, oppure lettera consegnata a mano a tutti i proprietari invitandoli all’assemblea che si terrà in data “gg.mm.aa.” comunicando anche la 2° convocazione che si terrà almeno un giorno dopo e non oltre 10 gg dalla prima, specificando anche luoghi e ore e OdG (lo stesso richiesto), la comunicazione deve giungere almeno 5 gg prima della 1° riunione. Cercate per tempo un bravo amministratore e assicuratevi di ottenere in assemblea la maggioranza del 2°c. Art. 1136. cc 1° e 2° convocazione - maggioranza delle teste dei partecipanti all'assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dell'edificio (500 mlm)

Fatto questo dal giorno della nuova nomina il neo amministratore avrà pieni poteri e potrà sostituire il nominativo sul CF e sul conto corrente, richiedendo al più presto possibile tutti i documenti originali e cassa all'ex.

Il nostro amministratore per più volte ci ha mandato ditte per lavori vari senza avvertirci per tempo né comunicarci data e ora in cui sarebbe stato svolto il lavoro.

 

Oltretutto le ditte scelte dall'amministratore sono sempre risultate molto care come abbiamo potuto constatare con una rapida indagine di mercato.

 

Abbiamo provato a "contestare" alcune fatture ma ce le siamo ritrovate addebitate sul conto del condominio mentre ancora aspettavamo una risposta...

 

Più volte e con vari mezzi (telefonate, mail, verbale riunione di condominio...) abbiamo provato a cambiare queste "abitudini" senza ottenere risultato.

 

L'ultimo episodio risale a pochi giorni fa (lavoro per controllo del passo carraio) quando non ha persino risposto a diverse nostre mail di richiesta chiarimenti e al telefono ... diciamo che cadeva sempre la linea...

 

Per cortesia vorremmo sapere:

1- Qual è il modo più corretto e sicuro per revocare immediatamente l'incarico, togliendogli anche la prosecutio imperii? (siamo solo 4 condomini e non vogliamo più un amministratore...): andrebbe bene anche una raccomandata firmata da tutti i condomini? (per evitare un confronto diretto con una persona che con noi ha avuto un comportamento maleducato e scorretto)

2- vorremmo contestualmente bloccare il conto corrente del condominio per evitare altre sue "incursioni" non autorizzate: possiamo intanto farlo lasciando solo autorizzati i pagamenti RID delle utenze?

3- come facciamo a farci consegnare la documentazione relativa alla sua amministrazione?

4- se decidiamo di non avere più un amministratore gli è sempre dovuta una somma per la consegna a noi dei documenti? (Il nostro amministratore prevede 200€ per il "passaggio di consegne").

 

Sicuro che comprendiate la necessità "urgente" di risolvere la cosa, vi ringrazio anticipatamente della vostra cortese sollecita risposta.

 

Cordiali Saluti

4) se decidete di non avere più l'amministratore la consegna andrà fatta alla persona che custodirà i documenti stessi e dovrà essere menzionata nel verbale di revoca dell'attuale amministratore, a meno che egli non si sia fatto approvare un preventivo in cui chiedeva i 200 euro per il "passaggio di consegne" nulla gli è dovuto (è una incombenza che rientra nelle normali attività di amministrazione). Per il resto sono valide le altre osservazioni di Tullio

Vi ringrazio per le risposte rapide e competenti. Alcuni miei amici mi avevano parlato bene di questo forum e devo dire che avevano proprio ragione.

 

...Se invece decidessimo di tenerlo (abbiamo cercato altri amministratori, ma dire che qualcuno ci ha ispirato...) nella prossima assemblea pensavano di approvare a maggioranza (tra noi condomini andiamo d'accordo) alcune "regole".

Per esempio:

-Essere avvertiti 7-10 giorni prima dell'esecuzione di un lavoro

-Avere negli stessi tempi un'idea della spesa

-Permettere l'addebito in conto solo se c'è la nostra approvazione bloccando ad es. i movimenti online

-Stabilire una penale economica se queste regole non venissero osservate.

 

Se le approviamo a maggioranza (che sarà l'unanimità) l'amministratore non può opporsi, vero?

Se poi decide di non accettare queste regole stabilite dall'assemblea... allora dovrà essere lui a declinare l'incarico ... perdendo ogni diritto: giusto?

 

Un cordiale saluto

Vi ringrazio per le risposte rapide e competenti. Alcuni miei amici mi avevano parlato bene di questo forum e devo dire che avevano proprio ragione.

 

...Se invece decidessimo di tenerlo (abbiamo cercato altri amministratori, ma dire che qualcuno ci ha ispirato...) nella prossima assemblea pensavano di approvare a maggioranza (tra noi condomini andiamo d'accordo) alcune "regole".

Per esempio:

-Essere avvertiti 7-10 giorni prima dell'esecuzione di un lavoro

-Avere negli stessi tempi un'idea della spesa

-Permettere l'addebito in conto solo se c'è la nostra approvazione bloccando ad es. i movimenti online

-Stabilire una penale economica se queste regole non venissero osservate.

 

Se le approviamo a maggioranza (che sarà l'unanimità) l'amministratore non può opporsi, vero?

Se poi decide di non accettare queste regole stabilite dall'assemblea... allora dovrà essere lui a declinare l'incarico ... perdendo ogni diritto: giusto?

 

Un cordiale saluto

Il primo pensiero che mi sorge è:

Ma può andare avanti un amministratore condominio in mancanza di fiducia dei condomini?

Per il resto rispondo essere avertiti 10 gg prima mi sembra rientri nella norma e con la legge entrata in vigore giugno 2013 diventa obbligo di costituire un fondo ad ok per i lavori.

Questo vuol dire in sostanza che per fare il fondo ad ok per i lavori se ne è parlato prima in assemblea e sopratutto con preventivo alla mano per decidere il fondo. e qua ho risposto alla seconda domanda.

la terza domanda non è possibile controllare o impedire i movimenti bancari essedo lui il rappresentante legale e amministrativo.

Sanzioni all'Amministratore non è attualmente leggiferato in materia quindi rimangono solo i provvedimenti per i fatti + gravi errori colpa o negligenza.

Buona giornata.

×