Vai al contenuto
MichelaA

Revoca giudiziale amministratore e dimissioni

Salve.

Un amministratore di condominio riceve la notifica di un ricorso per revoca giudiziale per gravissime irregolarità.

In attesa dell'udienza si dimette e convoca l'assemblea per la nomina del nuovo amministratore.

Il ricorso per revoca verrà rigettato o comunque può essere disposta lo stesso la revoca per le irregolarità comunque commesse?

Grazie

Salve.

Un amministratore di condominio riceve la notifica di un ricorso per revoca giudiziale per gravissime irregolarità.

In attesa dell'udienza si dimette e convoca l'assemblea per la nomina del nuovo amministratore.

Il ricorso per revoca verrà rigettato o comunque può essere disposta lo stesso la revoca per le irregolarità comunque commesse?

Grazie

Se l'amministratore si dimette e sarà sostituito da un altro in assemblea, all'udienza il Giudice non farà altro che archiviare e dichiarare che mancando il motivo del contendere cessa il contenzioso.

grazie per la risposta. Se cosi è allora è un modo per raggirare la legge. perchè l'amministartore cosi evota le gravi conseguenze della revoca giudiziale e allo stesoo tempo potrevbbe riproporsi come amministartore anche a distanza di anni!! assurdo

Purtroppo il giudice non puo' certo revocare giudizialmente un amministratore che non e' piu' amministratore (visto che la revoca e' già stata fatta dall' assemblea mediante nomina di un nuovo amministratore)

grazie per la risposta. Se cosi è allora è un modo per raggirare la legge. perchè l'amministartore cosi evota le gravi conseguenze della revoca giudiziale e allo stesoo tempo potrevbbe riproporsi come amministartore anche a distanza di anni!! assurdo
In caso si revoca giudiziale oltre la revoca non ci sono conseguenze per l'amministratore, l'unica cosa che non si potrà, sarà quella che l'assemblea non potrà più nominarlo, ma solo in quel condominio, mentre potrà amministrare e proporsi in altri condominii

Per cui starà a voi condomini non nominarlo se lui si proporrà nuovamente.

ma ovviamente lui ha convocato la nuova assemblea per la nomina del nuovo amministratore dopo l'udienza per la revoca.

 

Quindi potrà ben ripresentarsi.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Infatti l'amministratore vuole evitare proprio questo..di non poter essere più nominato da questo condominio ( tieni conto che gestisce solo questo condominio!!)

 

E' proprio vero...fatta la legge trovato l'inganno!!

E ti posso dire che succede spesso.

Si stenterà a crederlo ma ho sentito di diversi casi di amministratori rinominati magari dopo solo 1 o 2 anni in un condominio in cui stavano per essere revocati dal giudice.

 

Il motivo è semplice. La revoca giudiziaria può essere richiesta anche dal singolo condomino per un qualsiasi mancato adempimento anche se l'amministratore di fatto gode del supporto della maggioranza. Esempio: non convoco l'assemblea entro 180 giorni....magari la salto di un anno, magari amministro comunque "bene". E' chiaramente motivo di revoca, ma se l'amministratore gode del favour dell'assemblea basta che si dimetta, evita il provvedimento del giudice, e dopo 1 anno o massimo 2 si ripresenta.....

Fare il discorso "trovato l'inganno" lascia il tempo che trova...allo stato attuale si dovrebbe mofificare tutta la normativa sulle revoche.

Perchè può pure succedere che 1 condomino ce l'abbia a morte con un amministratore e cerchi con astuzia di coglierlo "in fallo".

Dal momento che tutti possono sbagaliare mentre si lavora....potrebbe capitare a chiunque.

ma ovviamente lui ha convocato la nuova assemblea per la nomina del nuovo amministratore dopo l'udienza per la revoca.

 

Quindi potrà ben ripresentarsi.

 

- - - Aggiornato - - -

 

Infatti l'amministratore vuole evitare proprio questo..di non poter essere più nominato da questo condominio ( tieni conto che gestisce solo questo condominio!!)

 

E' proprio vero...fatta la legge trovato l'inganno!!

Se l'amministratore non vuol essere più nominato, non si presenti come candidato, addirittura potrebbe non presentasi nemmeno in assemblea, e/o non accetti la nomina se voi condomini lo riconfermate.

Tullio. Posso chiederti a chi sarebbero attribuite le spese giudiziarie : avevo citato l'amministratore per la revoca che temeva seriamente che il ricorso sarebbe stato accolto, di fronte di tutti le contestazioni che gli attribuivo, che oltre ad altri iregolarità più o meno gravi, vi erano quelli due principali: essere recidivo nelle mancati convocazioni e cumulo pluriannuali dei rendconti ( ogni due tre anni ) ed per un perdurante rifiuto di dare accesso alla documentazione contabile. Lui mi ha chiesto di rinunciare alla causa prima della pubblicazone del eventuale provvedimento di revoca all'udinza già avvenuta. In cambio promettendo introdurre alcuni condizioni economiche a me favorevoli alla controversia che avevo verso il condominio. Poco prima alla pubblicazione del decreto ha rinunicato a preseguire la transazione, con una scusa futile, proprio perché io gli avevo precisato che le spese del mio avvocato doveva accollare lui, oltre quello suo. Molto probabilemente ha riuscito in anticipo a conoscere l'esito che è stato poi stranamente a lui favorevole. Secondo il giudice era molto più considerveole che l'assemblea gli confermava lo stesso gli incarichi per prossimo anno anche di fronte di mancati convocazioni e che il diniego non è stato mai dichairato per istritto ( Ho saputo che il suo legale si recava spesso dal giudice formalmente di sollecitare la pubblicazione del decreto che mancava da sette mesi. ( Collegio deve pronunciarsi entro 60 gg dall'udena ). In caso io avessi rinunciato alla causa dopo che l'udienza è già stata tenuta e in attesa del decreto, a che avrebbero stati attribuiti le spese giudiziarie. Credo a me, logicamente?

Tullio. Posso chiederti a chi sarebbero attribuite le spese giudiziarie : avevo citato l'amministratore per la revoca che temeva seriamente che il ricorso sarebbe stato accolto, di fronte di tutti le contestazioni che gli attribuivo, che oltre ad altri iregolarità più o meno gravi, vi erano quelli due principali: essere recidivo nelle mancati convocazioni e cumulo pluriannuali dei rendconti ( ogni due tre anni ) ed per un perdurante rifiuto di dare accesso alla documentazione contabile. Lui mi ha chiesto di rinunciare alla causa prima della pubblicazone del eventuale provvedimento di revoca all'udinza già avvenuta. In cambio promettendo introdurre alcuni condizioni economiche a me favorevoli alla controversia che avevo verso il condominio. Poco prima alla pubblicazione del decreto ha rinunicato a preseguire la transazione, con una scusa futile, proprio perché io gli avevo precisato che le spese del mio avvocato doveva accollare lui, oltre quello suo. Molto probabilemente ha riuscito in anticipo a conoscere l'esito che è stato poi stranamente a lui favorevole. Secondo il giudice era molto più considerveole che l'assemblea gli confermava lo stesso gli incarichi per prossimo anno anche di fronte di mancati convocazioni e che il diniego non è stato mai dichairato per istritto ( Ho saputo che il suo legale si recava spesso dal giudice formalmente di sollecitare la pubblicazione del decreto che mancava da sette mesi. ( Collegio deve pronunciarsi entro 60 gg dall'udena ). In caso io avessi rinunciato alla causa dopo che l'udienza è già stata tenuta e in attesa del decreto, a che avrebbero stati attribuiti le spese giudiziarie. Credo a me, logicamente?
Le spese di giudizio le decide il Giudice a chi attribuirle, di solito logica vorrebbe che vanno addebitate a chi perde, ma molte volte il Giudice compensa le spese ovvero ognuno si paga le proprie.

In pratica non posso dirti come poteva andare a finire la Sentenza

Vale la pena di ricordare che la procedura per la revoca giudiziaria dell'amministratore si "potrebbe" fare col rito della "volontaria giurisdizione", con procedura snella, economica e con costi minimi (senza la necessità dell'avvocato).

 

Recentemente però ci sono stati pronunciamenti diversi, dipende dal tribunale cui ci si rivolge.

 

Trovi i riferimenti al "solito" link, dove tutti dovrebbero collegarsi, prima di intraprendere iniziative di un certo rilievo (economico):

 

http://www.condomini.altervista.org/AmministratNominaRevoca.htm

×