Vai al contenuto
Niewal

Revoca dell'amministratore - qual è la prassi da seguire per la revoca dell'amministratore?

Qual'è la prassi da seguire per la revoca dell'amministratore?

L'assemblea sarà tenuta il 24 c.m. ma noi condomini non sappiamo come procedere .

Grazie!

Sperando che all'OdG ci sia anche "nomina amministratore", sarà sufficiente nominare un altro con la maggioranza delle teste ed almeno 500 millesimi, al posto di quello ora in carica

SE anche non fosse contemplato nell' OdG la revoca o nomina ...potete comunque procedere con una votazione purchè vi sia una "offerta" di un professionista o di un condomino interno e una adeguata maggiroanza che vanifichi una impugnazione.

SE anche non fosse contemplato nell' OdG la revoca o nomina ...potete comunque procedere con una votazione purchè vi sia una "offerta" di un professionista o di un condomino interno e una adeguata maggiroanza che vanifichi una impugnazione.
Azzardata, perchè annullabile, su ricorso dall'amico e condomino di turno dell'amministratore in carica.

Non viene indicata la presenza di un "amico" del professionsita in carica.

 

Anche ammesso vorrei proprio vedere sulla base di cosa verrebbe annullata.

Come detto chi è contrario dovrebbe impugnare...nel frattempo il nuovo nominato sarebbe in carica e chi impugna dovrebbe dimostrare una mancanza di maggioranza adeguata.

 

Dubito che una persona "sana" di mente si avventurerebbe su una simile impugnazione...e contro i pazzi si può tranquillamente "resistere" così pagheranno il conto con gli interessi.

Anche ammesso vorrei proprio vedere sulla base di cosa verrebbe annullata.
Può essere richiesto con ricorso, l'annullamento di una delibera per il semplice fatto che non era inserita all'OdG, ovvero non tutti i condomini erano a conoscenza dell'argomento.

Precisiamo visto che sei pignolo.

 

Convocazione con OdG privo di voce specifica (nomina o revoca amministratore)...tutti presenti...Condomino Niewal chiede che venga discussa la nomina di un nuovo amministratore e presenta relativa offerta. La maggioranza approva. L' amico dell' amministratore contrario si attacca... al tram.

 

Non è presente tutta la compagine ma alcuni sono con delega e i deleganti erano al corrente (stessa coalizione) di una nuova nomina. Delibera valida.

 

Tutto sull' ipotesi che esita qualcuno "amico" dell' amministratore in carica e contrario ai cambiamenti.

 

E come detto vorrei proprio conoscere il "pirla" che impugna per far annullare una delibera presa a larga maggioranza.

Nel mentre che suddetto "pirla" trovi soddisfazione dai tempi biblici della nostra giustizia...la maggioranza fà in tempo a sanare riconvocando e rivotando nei precisi termini di legge.

 

Bisogna saper guardare oltre al proprio naso.

Precisiamo visto che sei pignolo.

 

Convocazione con OdG privo di voce specifica (nomina o revoca amministratore)...tutti presenti...Condomino Niewal chiede che venga discussa la nomina di un nuovo amministratore e presenta relativa offerta. La maggioranza approva. L' amico dell' amministratore contrario si attacca... al tram.

Non si attacca al tram perchè per far passare una delibera non all'OdG è necessario che tutti siano concordi (si è sempre affermato così in questo Forum), l'amico dell'amministratore e condomino ha tutte le ragioni per invocare la mancata messa all'OdG dell'argomento e lui non era d'accordo con il voto e neppure avvisato dell'argomento.

Se hai delle disposizioni diverse ti inviterei a postarle.

Non so cosa si sia affermato su questo forum...ma continui a fossilizzarti su posizioni "instabili".

 

Come detto l' amico dell' amministratore che anche voti contrario e poi impugni ...resterà insoddisfatto da una "sanatoria" delibera che ribadisca la votazione neil rispetto dei termini.

 

Pure il paventato "mancato inserimento" nell' OdG può essere superato se la convocazione è per assemblea ordinaria e coincidente con la canonica scadenza di mandato ...diventa indifendibile l' opzione "non ero a conoscenza".

 

Cosa diversa se invece di nomina/rinnovo mandato si deliberi su una spesa straordinaria o cosa assimilata.

Allora si vale quanto si è "sempre affermato" in questo Forum...anche perchè ben previsto da Leggi e Sentenze.

 

Buona serata...vado a magnà 🙂

Non so cosa si sia affermato su questo forum...ma continui a fossilizzarti su posizioni "instabili".

 

Come detto l' amico dell' amministratore che anche voti contrario e poi impugni ...resterà insoddisfatto da una "sanatoria" delibera che ribadisca la votazione neil rispetto dei termini.

Non era questa la mia obiezione, ma quella in cui nell'assemblea ove non è all'OdG l'argomento "nomina", questa se approvata a maggioranza è annullabile.

E' ovvio che in un'altra e successiva assemblea avvisando tutti i condomini in maniera regolare come previsto dall'art. 66 Dacc, la revoca e nomina del successore sarà regolare se ci sarà il quorum e/o nessuno impugnerà se questo non ci sarà, ma come avevi affermato e nominare direttamente un successore (post nr. 3) è azzardato, questo avevo sottolineato, null'altro.

Per cortesia Dimaraz, non continuiamo con questo ping pong, altrimenti lo Staff chiuderà l'ennesimo topic.

e se 11 proprietari che rappresentano 259 millesimi vogliono la revoca dell'amministratore ed il solo costruttore proprietario di 741 millesimo dice no che si fa? Lo teniamo vita natural durante?

a mio parere:

ART. 1136, 4 COMMA : Le deliberazioni che concernono la nomina e la revoca dell'amministratore .........omissis .. devono essere sempre approvate con la maggioranza stabilita dal secondo comma del presente articolo.( 1/2 teste+1 dei votanti, almeno 500 millesimi )

Non creandosi la prima condizione non rimane altro che procedere prima in conciliazione-mediazione (procedura stragiudiziale) , ed in caso di mancato accordo, adire il Giudice competente che in fatto vi riinvierà in conciliazione (giudiziale )

e se 11 proprietari che rappresentano 259 millesimi vogliono la revoca dell'amministratore ed il solo costruttore proprietario di 741 millesimo dice no che si fa? Lo teniamo vita natural durante?

Non bastano i millesimi, ci vogliono le teste!!!

REALEX ha esposto la procedura corretta.

 

Quando si crea una situazione di stallo ....non resta che rivolgersi ad una figura "super partes" accettandone le conseguenze.

 

Realistico pensare che in mancanza di irregolarità gravi ma con riscontri di "partigianeria" dell' amministratore verso il costruttore, il Giudice accolga la richiesta della maggioranza di teste (ma minoranza di millesimi) disponendo per un nuovo professionista.

×