Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
piraf

Responsabilità solidale in locazione

In un contratto di locazione ad uso abitativo così formulato:

 

tra Sig....denominato parte locatrice o locatore e

soggetto A..... ; qui di seguito denominato il "Conduttore o "Parte Conduttrice,

soggetto B.... ; qui di seguito denominato il "Conduttore o "Parte Conduttrice,

soggetto C.... ; qui di seguito denominato il "Conduttore o "Parte Conduttrice,

soggetto D.... ; qui di seguito denominato il "Conduttore o "Parte Conduttrice

si conviene e stipula....

 

Canone e cauzione sono indicati senza suddivisione fra A, B, C, D ma come totale.

 

Come recesso anticipato è scritto "La Conduttrice ha facoltà di recedere..."

 

Ora essendo stata attribuita la qualifica di "Parte Conduttrice" a ciascuno dei 4 invece di far seguire l'elenco delle persone dalla frase "di seguito denominati conduttore" si deve considerare mancante la responsabilità in solido ? Quindi se uno dei quattro vuole dare disdetta, gli altri non sono tenuti al pagamento della sua quota di affitto ?

 

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E' l'esatto contrario di quello che tu ritieni.

A B C D sono responsabili in solido, sia perchè sono citati nel contratto in forma collettiva (Conduttore o Parte Conduttrice), sia e soprattutto perché non riferisci di alcun paragrafo del contratto che specificatamente indica la non sussistenza della solidarietà fra i 4 coinquilini.

 

Se uno dei quattro vuole dare disdetta, questa va comunicata anche agli altri tre, oltre che al proprietario. La disdetta del singolo inquilino sarà efficace se tutte le persone interessate la accetteranno.

E' facoltà degli altri tre coinquilini accodarsi alla disdetta del quarto coinquilino, ciò per evitare l'obbligo a coprire l'intero affitto solo in tre.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
E' l'esatto contrario di quello che tu ritieni.

A B C D sono responsabili in solido, sia perchè sono citati nel contratto in forma collettiva (Conduttore o Parte Conduttrice), sia e soprattutto perché non riferisci di alcun paragrafo del contratto che specificatamente indica la non sussistenza della solidarietà fra i 4 coinquilini.

 

Se uno dei quattro vuole dare disdetta, questa va comunicata anche agli altri tre, oltre che al proprietario. La disdetta del singolo inquilino sarà efficace se tutte le persone interessate la accetteranno.

E' facoltà degli altri tre coinquilini accodarsi alla disdetta del quarto coinquilino, ciò per evitare l'obbligo a coprire l'intero affitto solo in tre.

Ringrazio per la chiara risposta. Se è possibile vorrei sapere a quali norme posso fare riferimento per sostenere il diritto di chi rimane a non dover pagare la quota di affitto di chi se ne va senza chiedere e ottenere il consenso degli altri e senza trovare una sostituzione.

Se il proprietario dovesse accettare la disdetta e poi pretendere dagli altri il pagamento della quota mancante, non pagando ci possono essere problemi per chi rimane ?

Grazie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Se è possibile vorrei sapere a quali norme posso fare riferimento per sostenere il diritto di chi rimane a non dover pagare la quota di affitto di chi se ne va senza chiedere e ottenere il consenso degli altri e senza trovare una sostituzione.

Se il proprietario dovesse accettare la disdetta e poi pretendere dagli altri il pagamento della quota mancante, non pagando ci possono essere problemi per chi rimane ?

Grazie.

Siete responsabili in solido, ed al proprietario interessa incassare mensilmente l'affitto per intero come contrattualmente pattuito. Se in ipotesi l'affitto fosse di 400 €., al proprietario interessa incassare 400 €.; a lui non interessa se quei 400 €. provengano da A+B+C+D o da tre di loro o da uno solo... basta che lui incassi 400 €.

Come questi 400 €. escano fuori e da chi, è un problema che si devono risolvere fra di loro A B C e D.

 

Per non pagare la quota di chi se ne va ci sono solo tre possibilità.

a) La disdetta non è accettata da qualcuno (proprietario o coinquilino) per cui diventa inefficace; ovviamente la non accettazione dovrà esser motivata. In questa ipotesi chi se ne va non se ne va più, oppure se ne va continuando a pagare fino alla scadenza del contratto.

Ad esempio, la disdetta del quarto coinquilino senza informare e disporre del consenso degli altri tre coinquilini è già un motivo sufficiente per rigettare quella disdetta: i tre coinquilini devono esser preventivamente informati del rischio che la loro quota di affitto (e spese) nel breve aumenterà, così che possano consapevolmente scegliere se rimanere ancora nell'appartamento oppure oltre ad accettare la disdetta del quarto coinquilino decidere se accodarsi alla medesima.

b) I tre coinquilini si accodano al quarto disdettante: il contratto viene rescisso anticipatamente per disdetta della Parte Conduttrice. Prima dell'estinzione di questo contratto, i tre che vogliono rimanere ancora nell'appartamento avviano col proprietario una trattativa per stipulare una nuova locazione con nuovi patti, affitto compreso.

c) per quanto sia ipotesi già esclusa dalla domanda (sostituzione), l'ultima opzione disponibile è il subentro di una nuova persona al posto di chi se ne va.

 

Altre soluzioni legali non ce ne sono.

 

Se il proprietario dovesse accettare la disdetta e poi pretendere dagli altri il pagamento della quota mancante, non pagando ci possono essere problemi per chi rimane ?

I tre che restano, se non si suddividono la quarta quota, si espongono allo sfratto per morosità.

Il proprietario può avviare l'iter per richiedere lo sfratto di tutti quanti per morosità, quando lo scoperto è pari o superiore ad almeno il valore di una mensilità con ritardo sul pagamento superiore ai 20 giorni. Invece relativamente al recupero del credito, il proprietario può agire verso tutti ed in parti uguali, ma è sua liberalità agire anche a danno di una sola persona per l'intero credito esigibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

"La disdetta del singolo inquilino sarà efficace se tutte le persone interessate la accetteranno"

"oppure se ne va continuando a pagare fino alla scadenza del contratto"

 

Il contratto è un 4 + 4 con rinnovo automatico se non c'è disdetta.

Alla fine dei primi 4 anni, nell'ipotesi che uno solo invii la disdetta, è ancora valido il vincolo che la disdetta deve essere accettata da tutte le persone interessate ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

SI, il vincolo di solidarietà fra i 4 coinquilini permane e vale fino a che rimane in essere il contratto di locazione.

 

Un proprietario e 4 coinquilini (totale 5 persone): chiunque dia disdetta, la sua disdetta deve esser accettata dalle altre quattro persone, sempre per i motivi già illustrati in precedenza.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

molte grazie a albano59 per la pazienza e le chiare spiegazioni che mi ha fornito

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Prego 💪

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×