Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Ospite airone46_

Responsabile della sicurezza - esiste l'obbligo di nominare annualmente un responsabile della sicurezza?

In un condominio con un solo dipendente (portiere), esiste l'obbligo di nominare annualmente un responsabile della sicurezza?

 

negli altri condomini in cui posseggo immobili, ciò non accade. Ho consultato l'amministratore (avvocato) di uno stabile in cui c'è il portiere, e mi ha detto che esiste l'obbligo UNA TANTUM di un responsabile della sicurezza che spieghi al dipendente i rischi, il comportamento, e le prassi usuali in caso di incidente! Ma non ogni anno!

 

Invece in un immobile l'amministratore nomina annualmente un ingegnere di sua fiducia quale "Responsabile della sicurezza", anche se non si svolge alcun altro lavoro, a parte il portierato!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Cosa intendi per "responsabile della sicurezza"?

 

Io lavoro per un azienda con 1000 dipendenti e siamo tutti responsabili della sicurezza .partendo dall' AD all' apprendista .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Con riferimento al condominio è chiaro che questo sarà equiparato ad un'azienda nel caso in cui adibisca del personale a svolgere attività lavorativa nel proprio ambito (ad esempio portiere, giardiniere, personale addetto alla pulizia o alla manutenzione, ecc.), e solo allora, assumendo l'amministratore condominiale la veste di datore di lavoro, andranno rispettate le disposizioni di cui al D.Lgs 81/2008 in tema di salute e sicurezza sul lavoro.

Si ricorda, peraltro, che lo stesso Ministero aveva chiarito, successivamente all'emanazione del D.Lgs 626/94, con la circolare 5 marzo 1997, n. 28, che il datore di lavoro nei condomìni, ai fini dell'applicazione degli obblighi di sicurezza, va individuato nella persona dell'amministratore condominiale protempore. Nei condomìni in cui non sia presente l'amministratore, non essendone obbligatoria la nomina per essere i condomini non più di quattro (Cfr. art. 1129 cod. civ.), gli stessi provvederanno a conferire ad un apposito soggetto le responsabilità previste all'art. 2, comma 1, lett. b), del D.Lgs. 81/08. (professionisti24.ilsole24ore.com)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il problema è se è normale/legale la nomina annuale di un "Responsabile della Sicurezza" per la sola portiera (cui tra l'altro ho chiesto se il responsabile aveva tenuto qualche corso/lezione, ma con risposta del tutto negativa!). Oppure si tratta del solito "COMPARAGGIO" tra amministratore ed ingegnere (dico solito riferendomi alla persona specifica e non all'intera classe degli amministratori/tecnici!).

€ 629,20 mi sembrano un pò tanti per spiegare ad una portiera di non bere i detersivi, o di lavarsi gli occhi e di recarsi in ospedale se le arriva uno spruzzo accidentale in viso! A questo punto credo sia più indicato che il corso sia tenuto da un Medico e non da un Ingegnere!

 

La "salubrità" dell'ambiente di lavoro va accertata all'inizio (per altro assentita dall'abitabilità dell'alloggio - la portiera usa come guardiola il vecchio alloggio del portiere-), quindi non necessita di un rinnovo annuo.

L'esposizione ai "rischi di sostanze chimiche" è molto limitata: nè più nè meno di una qualunque casalinga/massaia! E anche qui necessita di un corso di pochi minuti una tantum (molto "una" e pochissimo "tantum"!).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ma chi e' sto "responsabile della sicurezza "? Non esiste una figura denominata così .

In un luogo di lavoro sono tutti responsabili della sicurezza ( iniziando dal datore di lavoro all'ultimo degl'apprendisti ) visto che tutti in base alle proprie mansioni e attribuzioni partecipano alla sicurezza . Ovvero tutti hanno responsabilità in materia di sicurezza . Poi esistono figure ben definite (rspp aspp rls etc) ma nessuna figura e' denominata responsabile della sicurezza .

"Responsabile sicurezza" vuol dire tutto e non vuol dire nulla .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se il responsabile della sicurezza non viene nominato tale figura ricade sul committente qualsiasi esso sia (amministratore UNICO, socio accomandatario, amministratore di condominio), è facoltà del committente ricoprire direttamente la funzione come è sua facoltà ricoprire la carica di RSSP (Responsabile del Servizio Sicurezza e Prevenzione) che serve quando vi è anche un solo lavoratore (prima vi era un limite di 10 addetti), per essere RSSP bisogna fare un corso apposito, o per datore di lavoro (per es. amministratore di condominio) di 40 ore, oppure di 120 ore (per es. un professionista esterno che si prende le responsabilità). Non esiste alcun "comparaggio" nel demendare a persona competente una funzione di responsabilità OBBLIGATORIA e non "facoltativa" per legge

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ma chi e' sto "responsabile della sicurezza "? Non esiste una figura denominata così .

In un luogo di lavoro sono tutti responsabili della sicurezza ( iniziando dal datore di lavoro all'ultimo degl'apprendisti ) visto che tutti in base alle proprie mansioni e attribuzioni partecipano alla sicurezza . Ovvero tutti hanno responsabilità in materia di sicurezza . Poi esistono figure ben definite (rspp aspp rls etc) ma nessuna figura e' denominata responsabile della sicurezza .

"Responsabile sicurezza" vuol dire tutto e non vuol dire nulla .

 

E' questo il problema! CARNEADE, CHE ERA COSTUI? Ma se rispondere a tale domanda è molto semplice, rispondere a chi sia questo Responsabile della sicurezza è del tutto sibillino!

 

Se poi si aggiunge il fatto che si mette a pagamento spese del tipo "Orologio Teben € 250 circa" quando si tratta di un timer scale (costa 1/3 rispetto all'orologio: € 20, per un tempo massimo di intervento di minuti 15) credo che il quadro sia completo!

 

Mah! forse quest'amministratore avrà battezzato i figli di tutti i condomini, e quindi è diventato "CUMPARI" per tutto il condominio!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non esiste il "responsabile della sicurezza " , se vai su un luogo di lavoro nessuno saprà indicarlo .

 

Ossia indicano una qualsiasi persona .(apprendista,operaio,caposquadra,capo reparto,direttore, amministratore etc )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Come già detto la figura del "responsabile della sicurezza" non esiste e di conseguenza non esonera il datore di lavoro dai propri obblighi. C'è poi da considerare che l'81/08, al comma 9 art. 3, pone l'ambito dei condomini in un particolare campo di applicazione e precisamente

 

" [...] ai lavoratori che rientrano nel campo di applicazione del contratto collettivo dei proprietari di fabbricati trovano applicazione gli obblighi di informazione e formazione di cui agli articoli 36 e 37. Ad essi devono inoltre essere forniti i necessari dispositivi di protezione individuali in relazione alle effettive mansioni assegnate. Nell'ipotesi in cui il datore di lavoro fornisca attrezzature proprie, o per il tramite di terzi, tali attrezzature devono essere conformi alle disposizioni di cui al titolo III. "

 

Quindi ai lavoratori che rientrano in questa condizione vanno forniti i DPI idonei e idonea formazione, non ci sono obblighi come la redazione del DVR ecc...salvo appunto non siano presenti altri lavoratori dipendenti non rientranti in questa categoria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×