Vai al contenuto
ValentinaA

Rescissione anticipata contratto di natura transitoria per studenti

Buonasera!

Al momento io ho un contratto di natura transitoria per studenti universitari, regolarmente registrato della durata di 12 mesi rinnovabile alla scadenza con cedolare secca, insieme ad altre 2 persone.

Premetto che rispetta tutti i parametri di locazione, quindi canone per superficie, zona e qualità dell'immobile, ecc, Che non ho mai avuto alcun tipo di problema con i locatori, anzi, nel tempo si è creato anche un rapporto di stima e fiducia reciproca.

Abito in questo appartamento da oltre 4 anni, per cui ci conosciamo molto bene. Ad ogni scadenza dei 24 mesi, il contratto è stato regolarmente riscritto e nuovamente registrato. Nel corso degli anni, molti conduttori sono cambiati.

Il primo rinnovo del nuovo contratto in essere, è stato regolarmente fatto, con subentro di 2 nuovi conduttori.

Nel contratto è così riportato:

Il conduttore ha facoltà di recedere dal contratto per gravi motivi, previo avviso da recapitarsi mediante lettera raccomandata almeno tre mesi prima dalla scadenza, che sarebbe fissata al 31/09/2016.

Per motivi di incompatibilità con i due nuovi inquilini, io vorrei lasciare l'appartamento, ma senza aspettare la scadenza di settembre 2016.

Potrei, secondo voi, dare disdetta di 3 mesi prima della data in cui vorrei effettivamente lasciare l'appartamento o devo aspettare i 3 mesi prima della scadenza?

Il conduttore ha facoltà di recedere dal contratto per gravi motivi, previo avviso da recapitarsi mediante lettera raccomandata almeno tre mesi prima dalla scadenza, che sarebbe fissata al 31/09/2016

Salve,

immagino che il testo scritto del contratto si fermi con la parola "scadenza"

e che la parte dopo la virgola sia un tuo commento, per illustrarci a noi la situazione.

Penso ci sia un equivoco di fondo,

nel Articolo 1 (Durata) quando ci si riferisce alla prima scadenza, lì effettivamente ci si riferisce alla scadenza prevista del contratto.

Nel articolo 9 (Recesso del conduttore) invece, quando usa la parola scadenza, si riferisce invece alla scadenza dei 3 mesi di preavviso.

Cioè tu puoi scegliere un mese qualunque per andare via, preavvisando con tre mesi (pieni e completi) di anticipo.

esempio, mettiamo che la raccomandata arrivi domani giovedì 28 gennaio, i tuoi vincoli decadono il 30 di Aprile)

In verità ci sarebbe da considerare il vincolo di motivi definiti "gravi",

ma se il Locatore non è convinto della gravità dei motivi, a ben vedere in fondo nelle esperienze pratiche, difficilmente spenderà soldi in avvocati per portarti davanti un Tribunale per questo riconoscimento...

Salve,

immagino che il testo scritto del contratto si fermi con la parola "scadenza"

e che la parte dopo la virgola sia un tuo commento, per illustrarci a noi la situazione.

Penso ci sia un equivoco di fondo,

nel Articolo 1 (Durata) quando ci si riferisce alla prima scadenza, lì effettivamente ci si riferisce alla scadenza prevista del contratto.

Nel articolo 9 (Recesso del conduttore) invece, quando usa la parola scadenza, si riferisce invece alla scadenza dei 3 mesi di preavviso.

Cioè tu puoi scegliere un mese qualunque per andare via, preavvisando con tre mesi (pieni e completi) di anticipo.

esempio, mettiamo che la raccomandata arrivi domani giovedì 28 gennaio, i tuoi vincoli decadono il 30 di Aprile)

In verità ci sarebbe da considerare il vincolo di motivi definiti "gravi",

ma se il Locatore non è convinto della gravità dei motivi, a ben vedere in fondo nelle esperienze pratiche, difficilmente spenderà soldi in avvocati per portarti davanti un Tribunale per questo riconoscimento...

Si, il testo finisce alla parola "scadenza", il resto è un mio commento.

Quindi, se io trovassi una nuova sistemazione da Maggio, potrei inviare la mia comunicazione domani tramite raccomandata a/r e non avere più vincoli legali con questo contratto? Sempre considerando eventuali bollette che arriveranno successivamente o rimborsi dei canoni condominiali, ma per quello dovrebbe bastare il deposito cauzionale. Giusto?

Mi sono dimenticata di dire, che il contratto è solidale con altre 2 persone.

Mi sono dimenticata di dire, che il contratto è solidale con altre 2 persone.

Dimenticanza non da poco. In questo caso, in assenza di liberatoria firmata da locatore (e su questo presumo non ci siano problemi) ma anche dei coinquilini (e qui magari la vedo un po' più dura se, come dici, non andate molto daccordo), tu continueresti ad essere responsabile degli oneri inerenti la locazione (pagamento del canone in primis) così come chi resta.

In pratica se le altre parti del contratto (locatore e coinquilini) non ti liberano esplicitamente dei tuoi obblighi contrattuali poi possono rivalersi (anche) su di te per eventuali inadempienze.

 

Alla tua fuoriuscita fai firmare un documento in cui tutti siete daccordo sulla tua disdetta e che a far data dal giorno x tu sei libera da ogni impegno contrattuale.

, in assenza di liberatoria firmata da locatore (e su questo presumo non ci siano problemi) ma anche dei coinquilini (e qui magari la vedo un po' più dura se, come dici, non andate molto daccordo), tu continueresti ad essere responsabile degli oneri inerenti la locazione (pagamento del canone in primis)
Trattandosi di un regolare contratto articolo 5, comma 2, Registrato e redatto secondo il modello apposito,

dovrebbe essere automaticamente assicurata la Liberatoria, dato che lo stesso articolo 9 del contratto la prevede.

Articolo 9 (Recesso del conduttore) ...

Tale facoltà è consentita anche ad uno o più dei conduttori firmatari

ed in tal caso, dal mese dell'intervenuto recesso, la locazione prosegue nei confronti degli altri,

Articolo 9 (Recesso del conduttore) ...

Tale facoltà è consentita anche ad uno o più dei conduttori firmatari

ed in tal caso, dal mese dell'intervenuto recesso, la locazione prosegue nei confronti degli altri,

Il fatto che la locazione continui nei confronti degli altri non esclude automaticamente che la resposabilità sia solidale tra tutti i firmatari originari.

Nessuno ha mai detto che il contratto non prosegue, anzi.

Buonasera!

Al momento io ho un contratto di natura transitoria per studenti universitari, regolarmente registrato della durata di 12 mesi rinnovabile alla scadenza con cedolare secca, insieme ad altre 2 persone.

Premetto che rispetta tutti i parametri di locazione, quindi canone per superficie, zona e qualità dell'immobile, ecc, Che non ho mai avuto alcun tipo di problema con i locatori, anzi, nel tempo si è creato anche un rapporto di stima e fiducia reciproca.

Abito in questo appartamento da oltre 4 anni, per cui ci conosciamo molto bene. Ad ogni scadenza dei 24 mesi, il contratto è stato regolarmente riscritto e nuovamente registrato. Nel corso degli anni, molti conduttori sono cambiati.

Il primo rinnovo del nuovo contratto in essere, è stato regolarmente fatto, con subentro di 2 nuovi conduttori.

Nel contratto è così riportato:

Il conduttore ha facoltà di recedere dal contratto per gravi motivi, previo avviso da recapitarsi mediante lettera raccomandata almeno tre mesi prima dalla scadenza, che sarebbe fissata al 31/09/2016.

Per motivi di incompatibilità con i due nuovi inquilini, io vorrei lasciare l'appartamento, ma senza aspettare la scadenza di settembre 2016.

Potrei, secondo voi, dare disdetta di 3 mesi prima della data in cui vorrei effettivamente lasciare l'appartamento o devo aspettare i 3 mesi prima della scadenza?

C'è scritto "ALMENO", quindi puoi inviare la raccomandata anche oggi!!!

-

Dimenticanza non da poco. In questo caso, in assenza di liberatoria firmata da locatore (e su questo presumo non ci siano problemi) ma anche dei coinquilini (e qui magari la vedo un po' più dura se, come dici, non andate molto daccordo), tu continueresti ad essere responsabile degli oneri inerenti la locazione (pagamento del canone in primis) così come chi resta.

In pratica se le altre parti del contratto (locatore e coinquilini) non ti liberano esplicitamente dei tuoi obblighi contrattuali poi possono rivalersi (anche) su di te per eventuali inadempienze.

 

Alla tua fuoriuscita fai firmare un documento in cui tutti siete daccordo sulla tua disdetta e che a far data dal giorno x tu sei libera da ogni impegno contrattuale.

Più che andare d'accordo, il problema è ignorarsi totalmente, mancanza di dialogo, che secondo me sta alla base di un rapporto di convivenza. Ti ringrazio per il suggerimento, perché credo che male non faccia fargli firmare un documento.

Non credo che ci siano problemi da parte del locatore e comunque nel caso in cui dovessi trovare una sostituta, non vedo perché non dovrei aiutarli. Potrebbe non andar bene a loro, perché verrebbe scelta da me, ma a quel punto è un problema loro.

Grazie per il suggerimento

 

- - - Aggiornato - - -

 

C'è scritto "ALMENO", quindi puoi inviare la raccomandata anche oggi!!!

-

Si, ma non ho ancora trovato un'altra sistemazione, quindi mi sembra prematuro

Si, ma non ho ancora trovato un'altra sistemazione, quindi mi sembra prematuro

Certo, ma io ho risposto alla tua domanda: non devi per forza aspettare i 3 mesi prima della scadenza (giugno)!

Nel caso trovassi qualcuno che subentra nel contratto al posto tuo, dalla data del subentro saresti libera da qualsiasi obbligazione contrattuale. Resteresti responsabile solo per le spese regresse.

×