Vai al contenuto
Francescoglielmo

Rendiconto da COMPETENZA a CASSA

buongiorno,

i condomini hanno deciso per quest anno e quelli successivi di redigere il consuntivo non più per competenza ma per cassa.

il problema è questo :

per esempio il consuntivo "per cassA" risulta con un attivo di € 3000,00 quando io materialmente in banca ho 1000,00 questo perchè nell'anno sono transitate sul conto anche spese relative alla gestione passata GIA CONSUNTIVATE precedentemente.

quindi in relazione a quanto detto il saldo come da consuntivo non è veritiero ed ho quindi difficolta anche nella situazione patrimoniale.

 

Qualcuno riesce ad aiutarmi?

si accettano consigli

buongiorno,

i condomini hanno deciso per quest anno e quelli successivi di redigere il consuntivo non più per competenza ma per cassa.

il problema è questo :

per esempio il consuntivo "per cassA" risulta con un attivo di € 3000,00 quando io materialmente in banca ho 1000,00 questo perchè nell'anno sono transitate sul conto anche spese relative alla gestione passata GIA CONSUNTIVATE precedentemente.

quindi in relazione a quanto detto il saldo come da consuntivo non è veritiero ed ho quindi difficolta anche nella situazione patrimoniale.

 

Qualcuno riesce ad aiutarmi?

si accettano consigli

Il rendiconto per cassa è la cosa più semplice da fare perchè è sufficiente stampare il registro di contabilità (entrate ed uscite).

Da tale registro so evince il saldo di cassa.

Non puoi avere un saldo cassa di 3mila euro se in cassa ne ha mille.

 

In condominio, però, secondo il nuovo art. 1130-bis, devi presentare un rendiconto misto:

- SITUAZIONE PATRIMONIALE (Stato Patrimoniale)

- REGISTRO DI CONTABILITA' (rendiconto per cassa)

- RIEPILOGO FINANZIARIO (saldo di tutta la liquidità disponibile risultante dal registro di contabilità)

- NOTA ESPLICATIVA DI GESTIONE (conto economico del costo di esercizio annuale)

 

Art. 1130-bis c.c.

Il rendiconto condominiale contiene le voci di entrata e di uscita ed ogni altro dato inerente alla situazione patrimoniale del condominio, ai fondi disponibili ed alle eventuali riserve, che devono essere espressi in modo da consentire l'immediata verifica. Si compone di un registro di contabilità, di un riepilogo finanziario, nonché di una nota sintetica esplicativa della gestione

Credo che parlare di rendiconto per cassa o per competenza sia ormai superato perchè tutti i software condominiali predispongono questo rendiconto misto da cui si evince sia il rendiconto per cassa che quello per competenza

  • Mi piace 1
  • Grazie 1

Grazie per la risposta.... questo l'ho capito.

però se stampo il registro contabilità mi esce un saldo (esempio 1000) però nel suddetto registro ci sono anche le uscite che io ho gia portato nel consuntivo precedente redatto per competenza.

quindi io dal registro contabile detraggo tutte le spese gia consuntivate e mi esce il consuntivo per cassa. non so se mi spiego

Grazie per la risposta.... questo l'ho capito.

però se stampo il registro contabilità mi esce un saldo (esempio 1000) però nel suddetto registro ci sono anche le uscite che io ho gia portato nel consuntivo precedente redatto per competenza.

quindi io dal registro contabile detraggo tutte le spese gia consuntivate e mi esce il consuntivo per cassa. non so se mi spiego

Il rendiconto per cassa non tiene conto di spese consuntivate ma solo di entrate ed uscite, a partire dalla prima entrata delle'anno che è il saldo precedente:

 

ESEMPIO:

01/01/2015 Saldo iniziale cassa

15/03/2015 Entrata quote condominiali

10/06/2015 Uscita per pagamenti

-----------

31/12/2015 Saldi finale di cassa (da riportare il 01/01/2016)

 

Fai conto di avere un portafoglio in cui ci sono X euro.

Parti da lì, segna ogni spesa ed ogni entrata ed in qualsiasi momento saprai quanto c'è nel portafoglio (bilancio per cassa).

La competenza non ha più ragione di esistere nel bilancio per cassa.

Per fortuna in condominio devono essere presentati entrambi.

però se faccio così i condomini pagheranno anche le spese gia pagate nel consuntivo dell'anno precedente.... capisci che intendo?

però se faccio così i condomini pagheranno anche le spese gia pagate nel consuntivo dell'anno precedente.... capisci che intendo?

non è così. dividi concettualmente il bilancio dal rendiconto. nel bilancio inserisci tutte le entrate e le uscite del periodo di riferimento (se lo vuoi per cassa). otterrai del saldi a debito o credito. Dopo preparerai un rendiconto dove inserirei le entrate e le uscite dell'anno (che posso essere di più gestioni). questo non genererà dei saldi ma serve solo per mettere a conoscenza i condomini della situazione patrimoniale del condominio ad una data. Se vuoi elaborare uno schema più completo, per ogni voce inserisci la gestione di riferimento

non è così. dividi concettualmente il bilancio dal rendiconto. nel bilancio inserisci tutte le entrate e le uscite del periodo di riferimento (se lo vuoi per cassa). otterrai del saldi a debito o credito. Dopo preparerai un rendiconto dove inserirei le entrate e le uscite dell'anno (che posso essere di più gestioni). questo non genererà dei saldi ma serve solo per mettere a conoscenza i condomini della situazione patrimoniale del condominio ad una data. Se vuoi elaborare uno schema più completo, per ogni voce inserisci la gestione di riferimento

Circa due anni fa partecipai a questa discussione

https://www.condominioweb.com/forum/quesito/rendiconto-come-redigerlo-per-evitare-anticipazioni-dell-amministratore-66855/

 

ed allegai questo rendiconto presente in quella stessa discussione:

5z1qf9.jpg

 

In questo rendiconto c'è tutto:

Il CONTO ECONOMICO rappresenta il conto per competenza dell'esercizio

I FLUSSI DI CASSA rappresentano il bilancio per cassa

La SITUAZIONE PATRIMONIALE rappresenta lo stato finale di tutti gli anni di esercizio, fin dalla nascita del condominio.

 

Presentando un simile rendiconto son tutti contenti; sia chi vuole il bilancio per cassa, sia chi lo vuole per competenza.

  • Mi piace 2

hanno ragione i condomini. il bilancio deve essere il più chiaro e immediato possibile,e i bilanci di competenza presuppongono, passatemi il gioco di parole,proprio competenza,e molto ma molto più tempo per essere verificati,cosa che non tutti hanno.

per il resto sempre chapeau a Leonardo, nulla da aggiungere.

Francescoglielmo dice:

Grazie per la risposta.... questo l'ho capito.

però se stampo il registro contabilità mi esce un saldo (esempio 1000) però nel suddetto registro ci sono anche le uscite che io ho gia portato nel consuntivo precedente redatto per competenza.

quindi io dal registro contabile detraggo tutte le spese gia consuntivate e mi esce il consuntivo per cassa. non so se mi spiego

Penso che tu debba scorporare, dal rendiconto per competenza, tutte le fatture che hai inserito ma pagate dal 1° gennaio nell'anno successivo all'anno di riferimento della gestione. 

enrico dimitri dice:

hanno ragione i condomini. il bilancio deve essere il più chiaro e immediato possibile,e i bilanci di competenza presuppongono, passatemi il gioco di parole,proprio competenza,e molto ma molto più tempo per essere verificati,cosa che non tutti hanno.

per il resto sempre chapeau a Leonardo, nulla da aggiungere.

Salve,

non importa cosa vogliono i condomini. La legge prevede proprio obblighi di rendicontazione. Se poi non li capiscono è un loro problema.

Pensi che presentare solo il conto economico sia sinonimo di trasparenza.

Sicuramente è semplice ma il bilancio non è completo.

Così come al pari non lo è se non presenti l'estratto conto ed altra documentazione.

I condomini non hanno voglia di verificare tutta questa documentazione??? È un loro problema.

Cioè allora tanto vale che presenti solo il saldo iniziale e finale e sono tutti contenti.

Bisogna mettersi in testa e chiarire ai condomini cosa significa "Rendicontazione".

Poi si stupisocno che l'amministratore scappa con la cassa. Loro per primi dovrebbero avere la necessità di controllare e verificare.

Quindi sarebbe bene che tu chiarissi che un bilancio solo di cassa non ha nessun valore e non da un quadrò generale degli elementi economici del condominio.

 

Cordiali saluti.

Francescoglielmo dice:

Grazie per la risposta.... questo l'ho capito.

però se stampo il registro contabilità mi esce un saldo (esempio 1000) però nel suddetto registro ci sono anche le uscite che io ho gia portato nel consuntivo precedente redatto per competenza.

quindi io dal registro contabile detraggo tutte le spese gia consuntivate e mi esce il consuntivo per cassa. non so se mi spiego

Come è stato già evidenziato da Leonardo53 il rendiconto di cassa coincide con il registro di contabilità in cui sono registrate tutte le entrate e le uscite che si sono manifestate durante la gestione corrente, oltre il saldo iniziale derivante dalla gestione precedente.

E’ naturale che nel passaggio fra una contabilità tenuta per competenza ad una contabilità per cassa, fra le operazioni annotate sul registro di contabilità compaiano spese già contabilizate nell’esercizio precedente e versamenti per saldi delle gestioni precedenti.

Pertanto, nel rendiconto sintetico, che in dettaglio è costituito dal registro di contabilità, dovrai differenziare le entrate della gestione corrente da quelle pregresse e alla stessa maniera le spese, in modo da evidenziare il saldo della gestione corrente inteso, come differenza fra le entrate preventivate effettivamente riscosse e le uscite per spese effettivamente pagate:

nel tuo caso € 3.000 è il saldo della gestione corrente, € 2.000 sono le uscite già contabilzzate manifestatesi nella gestione di passaggio fra i due metodi contabili, € 1.000 il saldo del registro di contabilità coincidente col saldo de conto corrente condominiale.

La situazione patrimoniale dovrebbe presentare in attivo alla voce c/c €1.000 e € 2.000 alla voce crediti verso condomini per esercizi pregressi e nel passivo € 3.000 alla voce debiti verso condomini per saldi dell’esercizio corrente.

Nota: se avessi riscosso tutti i saldi pregressi con cui pagare i debiti pregressi, il saldo di gestione coinciderebbe col saldo del registro di contabilità.


 

 

Concordo con Leonardo 53 sul rendiconto sia per cassa sia per competenza. Un rendiconto etichettato solo per uno dei due criteri, diventa confuso e incomprensibile.

Vedo che è il periodo dei criteri di rendicontazione 😊

 

👍

Danielabi dice:

Vedo che è il periodo dei criteri di rendicontazione

 

Caspita, da noi si usa l'espressione "quando il fatto è vero" 

 

E' dal 2014 ( poi ridetto in questa discussione del 2016) che vado dicendo che in condominio non è più ill caso di parlare di rendiconto per cassa o per competenza perchè li trovi entrambi.

Il rendiconto per competenza, indirettamente è obbligatorio perchè spese pagate anche anni dopo, sono di competenza dell'esercizio in cui viene attuata e siccome l'art. 63 prevede la solidarieta del nuovo acquirente per gli esercizi dell'anno in corso e quello precedente, non si può ignorare la competenza.

La rendicondazione per cassa è data dal registro di contabilità.

×