Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
clarampd74

Regolamento di condominio sottotetto non in essemblea

Con la presente volevo richiedere un chiarimento su una cosa che penso possa riguardare più amici del forum.

Il mio amministratore ha redatto una bozza di regolamento prima della riforma del condominio.

E non ne abbiamo mai parlato in assemblea

Io della sua bozza contestavo diverse cose e non lo approvavo

Ieri sera c'è stata l'assemblea condominiale dove nell'odg non c'era la discussione del regolamento.

Ha chiesto di sottoscrivere la sua bozza (non in assemblea) e che lui si faceva carico di farlo firmare al costruttore che risulta essere proprietario di alcuni appartamenti.

in detta bozza è indicato che:

1) l'amministratore dura in carica 1 anno e non 2 due come previsto dalla riforma

2) non viene indicato che l'amministratore non può avere deleghe

3) Dice che è vietato tenere in aree comuni o private, cani e gatti, od animali; ogni decisione in merito spetta comunque all’Assemblea.

Volevo sapere se questa operazione è regolare o posso contestarla?

grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Buon giorno,ora tu sei già proprietario hai già firmato il rogito? non c'era nessun regolamento prima? se si, credo che non essendoci un regolamento è giusto che si faccia in questo caso assembleare, per farlo contrattuale, visto che si parla di un costruttore e non è stato portato in visione e firmato da nessuno alla vendita, ci vogliono le firme dei 4/5 dei condomini proprietari( ex 1000), cioè tutti lo vogliono e seguire la prassi, notaio e depositarlo.

Invece se fosse assembleare, dovrebbe essere messo all'ordine del giorno per poterne discutere, così come è stato messo, può stare tranquillamente nelle varie eventuali dove non c'è votazione e in un altra assemblea, all'ordine del giorno votarlo.Informati quale regolamento vuol fare. per quanto consigliarti il comportamento non lo posso fare, ancora io chiedo lumi.

Per quel che so sugli animali in condominio, solo se tu hai comperato e nel regolamento contrattuale, dove dice che non puoi tenere animali e tu lo hai sottoscritto, non puoi tenere animali,per tenerli dovresti cambiare quella parte di regolamento o far finta di niente, altrimento se non fosse così gli animali, alcuni,con altri termini li puoi tenere.

Questo e il mio pensiero e ragionamento, adesso se nel forum qualcuno mi leggerà e trova giusto quello che ho scritto, potrà darti un ulterriore conferma, natalino.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Buon giorno,ora tu sei già proprietario hai già firmato il rogito? non c'era nessun regolamento prima? se si, credo che non essendoci un regolamento è giusto che si faccia in questo caso assembleare, per farlo contrattuale, visto che si parla di un costruttore e non è stato portato in visione e firmato da nessuno alla vendita, ci vogliono le firme dei 4/5 dei condomini proprietari( ex 1000), cioè tutti lo vogliono e seguire la prassi, notaio e depositarlo.

Invece se fosse assembleare, dovrebbe essere messo all'ordine del giorno per poterne discutere, così come è stato messo, può stare tranquillamente nelle varie eventuali dove non c'è votazione e in un altra assemblea, all'ordine del giorno votarlo.Informati quale regolamento vuol fare. per quanto consigliarti il comportamento non lo posso fare, ancora io chiedo lumi.

Per quel che so sugli animali in condominio, solo se tu hai comperato e nel regolamento contrattuale, dove dice che non puoi tenere animali e tu lo hai sottoscritto, non puoi tenere animali,per tenerli dovresti cambiare quella parte di regolamento o far finta di niente, altrimento se non fosse così gli animali, alcuni,con altri termini li puoi tenere.

Questo e il mio pensiero e ragionamento, adesso se nel forum qualcuno mi leggerà e trova giusto quello che ho scritto, potrà darti un ulterriore conferma, natalino.

nel rogito è scritto:

.... nonchè la proporzionale quota condominiale sulle parti comuni, così come previsto dall'articolo 1117 cc e dal regolamento di condominio di cui si dirà in seguito

 

Poi è scritto:

La parte acquirente(io) conferisce alla società venditrice in persona del suo legale rappresentante protempore, mandato rappresentativo affinché provveda alla redazione del regolamento con annesse tabelle millesimali.

La stessa società si impegna a consegnare alla parte acquirente copia del relativo documento non appena sarà predisposto ed approvato.

 

 

DI TUTTO QUESTO IL COSTRUTTORE NON HA FATTO NULLA E DATO NULLA. Le tabelle millesimali le abbiamo fatte fare noi e pagate noi.

 

Io volevo chiedere è se è normale la prassi che vuole fare l'amministratore (addirittura vuole farci retrodatare l'approvazione) o se l'approvazione va approvata e ratificata in assemblea?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E' una mia opinione,se avete già firmato qualche cosa e dipende cosa, non credo che il venditore possa avere pretese di fare un regolamento se non approvato da voi tutti compratori, il ...nonchè la proporzionale quota condominiale sulle parti comuni, cosi come scrivi non si sa a cosa si riferisce, se leggi l' articolo 1117 vedrai che due parole possono NASCONDERNE altre se non dette, tanto più che avete già fatto voi alcune spese (tabelle millesimali) che potrebbero anche cambiare dopo la stesura del regolamento.

Mi dispiace non poterti aiutare di più.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

in detta bozza è indicato che:

1) l'amministratore dura in carica 1 anno e non 2 due come previsto dalla riforma

2) non viene indicato che l'amministratore non può avere deleghe

3) Dice che è vietato tenere in aree comuni o private, cani e gatti, od animali; ogni decisione in merito spetta comunque all’Assemblea.

Volevo sapere se questa operazione è regolare o posso contestarla?

grazie

1) Il mandato dell'amministratore è ANNUALE, non biennale

2) Non è necessario che sia indicato nel regolamento, visto che è l'art. 67 Disp. Att. C.C. che lo vieta esplicitamente

3) Per le aree comuni è valido anche se approvato a maggioranza; per le parti private occorre tassativamente la sottoscrizione di tutti i condomini (anche fuori dall'assemblea); se qualcuno non è d'accordo NON deve firmare!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
1) Il mandato dell'amministratore è ANNUALE, non biennale

2) Non è necessario che sia indicato nel regolamento, visto che è l'art. 67 Disp. Att. C.C. che lo vieta esplicitamente

3) Per le aree comuni è valido anche se approvato a maggioranza; per le parti private occorre tassativamente la sottoscrizione di tutti i condomini (anche fuori dall'assemblea); se qualcuno non è d'accordo NON deve firmare!

 

1) io ho sentito che dopo la riforma dura due anni

2) io lo metterei (non si sa mai). è possibile mettere che si vieta di dare la delega ai soci (in caso cdi studio con più amministratori e soci), ai dipendenti e collaboratori?

3) ho capito che ora nei regolamenti non si può più vietare di tenere animali

 

 

 

I MIEI DUBBI SONO ALTRI E PIU' PRECISAMENTE:

a) si può sottoscrivere il regolamento mai discusso in assemblea al di fuori della sede assembleare? non andrebbe approvato li?

b) si può retrodatare?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

1) Hai sentito male

2) Il testo del regolamento lo decide l'assemblea. Per la questione deleghe a dipendenti e/o soci non ne vedo il motivo...

3) Hai capito male (salvo Giurisprudenza contraria che ancora NON esiste).

 

a) Il regolamento si può sottoscrivere anche fuori dall'assemblea, che poi sia meglio discuterne il contenuto il più possibile è altra questione

b) Se vuoi sapere se può avere valore retroattivo la risposta è NO, magari se spieghi a cosa servirebbe la "retrodatazione" è meglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

il costruttore ha alcuni appartamenti invenduti e di solito da la delega al dipendente dell'amministratore.

per retro datarlo intendevo dire mettere una data di mesi fa

 

nella bozza amministratore è messo:

 

Diritto di voto

Ogni Condomino ha diritto a farsi rappresentare all’Assemblea da altra persona anche estranea al

Condominio, con delega scritta in calce all’avviso di convocazione. Il Condomino che sia

Amministratore o l’Amministratore deve astenersi dalle deliberazioni che riguardano la sua nomina

o attribuzioni di compenso. Non possono altresì prendere parte alle votazioni i condomini che

rispetto al contenuto delle delibere da assumere siano portatori di un particolare interesse. Sono

ammesse deleghe per ciascun condomino per un massimo di 3.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×