Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
brancaleone

Regolamento di condominio contrattuale - ) come mi dovrei comportare?

Salve, leggendo i vari post, figura spesso il regolamento di condominio contrattuale, e in specifico si dice " se approvato all'atto dell'acquisto".

Quando ho avuto occasione di acquistare sia casa che il box, il regolamento ci è stato dato solo all'atto del rogito dal notaio.

Se a quel punto qualche clausolo non mi andasse bene ( leggo in altro post del costruttore che si esime dalle spese condominiali sin quando non ha venduti le u.i.) come mi dovrei comportare? poptrei rinunciare all'acquisto senza perdere l'anticipo pagato al compromesso? oppure potrei chiedere la modifica del regolamento, o potrei pretendere che alcune deroghe fossero riportate a quanto stabilito dal C.C.

E' una domada che mi sono posto spesso, ma non mi so rispondere.

Grazie

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

... Quando ho avuto occasione di acquistare sia casa che il box, il regolamento ci è stato dato solo all'atto del rogito dal notaio.

Se a quel punto qualche clausolo non mi andasse bene ( leggo in altro post del costruttore che si esime dalle spese condominiali sin quando non ha venduti le u.i.) come mi dovrei comportare? poptrei rinunciare all'acquisto senza perdere l'anticipo pagato al compromesso? oppure potrei chiedere la modifica del regolamento, o potrei pretendere che alcune deroghe fossero riportate a quanto stabilito dal C.C.

E' una domada che mi sono posto spesso, ma non mi so rispondere.

Grazie

Prima di fare il compromesso si fa verificare tutto al Notaio, tra cui se esiste un regolamento, se chi vende è l'effettivo titolare, se ci sono ipoteche....

L'esistenza di un regolamento contrattuale non può essere considerato un vizio occulto perchè è registrato in Conservatoria e quindi è un atto pubblico accessibile a tutti.

 

Se non ti piacciono le clausole contrattuali e vuoi rinunciare all'acquisto, a mio avviso non puoi fare altro che perdere la caparra perchè avresti dovuto controllare prima di firmare il preliminare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Prima di fare il compromesso si fa verificare tutto al Notaio, tra cui se esiste un regolamento, se chi vende è l'effettivo titolare, se ci sono ipoteche....

L'esistenza di un regolamento contrattuale non può essere considerato un vizio occulto perchè è registrato in Conservatoria e quindi è un atto pubblico accessibile a tutti.

 

Se non ti piacciono le clausole contrattuali e vuoi rinunciare all'acquisto, a mio avviso non puoi fare altro che perdere la caparra perchè avresti dovuto controllare prima di firmare il preliminare.

Sono d'accordo con te Leonardo, se il RdC è già scritto e depositato ai PRI, però mi sorge spontanea una domanda, fino al rogito il proprietario è ancora il venditore, e se nel frattempo tra il preliminare (con pagamento di una caparra), ed il rogito viene registrato un RdC Contrattuale che non c'era? Ed al momento del rogito viene presentata una clausola che non sta bene all'acquirente, può richiedere la restituzione della caparra?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Sono d'accordo con te Leonardo, se il RdC è già scritto e depositato ai PRI, però mi sorge spontanea una domanda, fino al rogito il proprietario è ancora il venditore, e se nel frattempo tra il preliminare (con pagamento di una caparra), ed il rogito viene registrato un RdC Contrattuale che non c'era? Ed al momento del rogito viene presentata una clausola che non sta bene all'acquirente, può richiedere la restituzione della caparra?

Secondo me dipende da come si fa il preliminare; per questo è preferibile farlo compilare ad un notaio.

Nel preliminare il venditore dovrebbe dichiarare che non esiste alcun accordo contrattuale oltre quelli già registrati alla data della firma e che il venditore si impegna a non stipulare nessun accordo contrattuale fino alla data del rogito.

In tal caso se il venditore firmasse un contratto e lo facesse registrare sarebbe lui l'inadempiente e l'acquirente, a mio avviso, avrebbe diritto anche alla restituzione della DOPPIA caparra.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Secondo me dipende da come si fa il preliminare; per questo è preferibile farlo compilare ad un notaio.
Ok, questa potrebbe essere la soluzione :thumbup:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La nostra (MIA) ignoranza è infinita.

Vi assicuro che le cose non vanno così. In tutti e due i casi che mi riguardano, ma anche di altre persone in quanto queste domande ce le siamo fatte in tanti, i compromessi vengono effettuati presso le agenzie e vi assicuro che non viengono fornite informazioni, e qui entra in gioco l'ignoranza in materia.

Addirittura nel rogito fatto dal notaio è specificato che come allegato viene data la piantina di pertinenza ma non c'è.

Quando ho fatto il rogito del box ( ripeto a tutti la stessa sorte ) solo in quel momento sono venuto a sapere che prendevo in concessione per 99 anni e no che acquistavo.

E' vero che il notaio a quel punto visto che tutti cascavano dal cielo ci informava che potevamo rinunciare, ma non ci sono stati dati chiarimeti in merito. L'acquisto (la concessione) essendo economicamente molto vantaggiosa non ha rinunciato nessuno però.........

 

Sarebbe interessante sapere se questo è un mal costume della mia zona oppure anche in altre regioni il comportamento è lo stesso

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
La nostra (MIA) ignoranza è infinita.

Vi assicuro che le cose non vanno così. In tutti e due i casi che mi riguardano, ma anche di altre persone in quanto queste domande ce le siamo fatte in tanti, i compromessi vengono effettuati presso le agenzie e vi assicuro che non viengono fornite informazioni, e qui entra in gioco l'ignoranza in materia.

Addirittura nel rogito fatto dal notaio è specificato che come allegato viene data la piantina di pertinenza ma non c'è.

Quando ho fatto il rogito del box ( ripeto a tutti la stessa sorte ) solo in quel momento sono venuto a sapere che prendevo in concessione per 99 anni e no che acquistavo.

E' vero che il notaio a quel punto visto che tutti cascavano dal cielo ci informava che potevamo rinunciare, ma non ci sono stati dati chiarimeti in merito. L'acquisto (la concessione) essendo economicamente molto vantaggiosa non ha rinunciato nessuno però.........

 

Sarebbe interessante sapere se questo è un mal costume della mia zona oppure anche in altre regioni il comportamento è lo stesso

Ricordo che molti anni fa, quando cercavo un appartamento da acquistare e giravo per agenzie, c'erano in costruzione degli stabili e chiedendo informazioni mi era stato detto che la concessione durava 99 anni, per cui almeno dalle mie parti in quell'occasione mi era stato detto quel particolare, altro non posso dirti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Io ho comprato casa cosciente di un regolamento contrattuale che ho accettato.

Poi dopo due anni ho scoperto un regolamento assembleare non registrato....che il venditore si e guardato bene dal riferirmi prima di rogitare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Io ho comprato casa cosciente di un regolamento contrattuale che ho accettato.

Poi dopo due anni ho scoperto un regolamento assembleare non registrato....che il venditore si e guardato bene dal riferirmi prima di rogitare.

Un regolamento assembleare non può contenere clausole contrattuali che incidono sui diritti individuali ma solo clausole regolamentari sulle parti comuni.

Quelle clausole possono essere inserite/eliminate in qualsiasi momento con la maggioranza del 2° comma dell'art. 1136 c.c. (maggioranza intervenuti ed almeno 500 millesimi).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Io ho comprato casa cosciente di un regolamento contrattuale che ho accettato.

Poi dopo due anni ho scoperto un regolamento assembleare non registrato....che il venditore si e guardato bene dal riferirmi prima di rogitare.

Se non ci sono clausole che incidono sui diritti individuali, il regolamento è regolare, comunque il venditore poteva quanto meno avvisare che esiste il Regolamento assembleare, ma non credo sia un obbligo allegarlo al rogito, in quanto questo tipo di regolamento può essere modificato dall'assemblea a maggioranza qualificata (2°c. art. 1136 cc) in qualunque tempo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ma se la cosa resta di grande interesse come mi sembra di capire, successivamente si potrà fare anche l'acquisto del diritto di superficie e trasformarlo previo pagamento in diritto di proprietà (debbono trascorrere almeno 10 anni ?) il tutto con atto notarile - (e con il comune con il segretario generale)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
×