Vai al contenuto
Vippi

Registro di contabilità e estratti conti bancari

Se le quote ordinarie vengono versate sul conto corrente condominiale e tutte le spese vengono effettuate con prelievo da suddetto conto, i relativi estratti conti bancari possono essere considerati registro di contabilità?

Ossia, quanto sopra rientra nell'articolo 1130 bis c.c.?

 

Grazie mille per il supporto.

 

proprio no e poi no.

ll registro di contabilità riflette i bilanci.

i conti correnti non li riflettono per niente.

Modificato da enrico dimitri
enrico dimitri dice:

proprio no e poi no.

ll registro di contabilità riflette i bilanci.

i conti correnti non li riflettono per niente.

Grazie Enrico per la cortese risposta,

è una qualcosa  che sto provando a spiegare anche agli altri condomini ma non so come farlo capire poichè l'amministratore insiste a non mostrare i registri di contabilità ma solamente gli estratti conto. Mi puoi indicare dove posso trovare una sentenza o articoli che confirmi quanto mi hai gentilmente spiegato? Grazie mille

 

Tutto vero, però l'unico obbligo per l'amministratore alla fine è quello di annotare le entrate e le uscite.....ah...entro 30 giorni

Modificato da edd62
edd62 dice:

Tutto vero, però l'unico obbligo per l'amministratore alla fine è quello di annotare le entrate e le uscite.....

Certo, l'estratto del conto corrente potrebbe coincidere con il registro di contabilità ma soltanto se ogni entrata ed ogni uscita è annotata SINGOLARMENTE sul conto corrente.

Ad esempio, se un amministratore incassa due quote in contanti e poi va a fare un unico versamento in banca, l'estratto conto non è più analitico:

 

Art. 1130 c.c.

...Nel registro di contabilità sono annotati in ordine cronologico, entro trenta giorni da quello dell’effettuazione, i singoli movimenti in entrata ed in uscita.

 

  • Mi piace 1
Leonardo53 dice:

Certo, l'estratto del conto corrente potrebbe coincidere con il registro di contabilità ma soltanto se ogni entrata ed ogni uscita è annotata SINGOLARMENTE sul conto corrente.

Ad esempio, se un amministratore incassa due quote in contanti e poi va a fare un unico versamento in banca, l'estratto conto non è più analitico:

 

Art. 1130 c.c.

...Nel registro di contabilità sono annotati in ordine cronologico, entro trenta giorni da quello dell’effettuazione, i singoli movimenti in entrata ed in uscita.

 

Osservazione pertinente....meglio sempre evitare, comunque,  di prendere soldi in contanti 

Vippi dice:

.. poichè l'amministratore insiste a non mostrare i registri di contabilità ma solamente gli estratti conto. 

 

Non sottovalutare il fatto che ti dia, comunque, uno strumento di controllo abbastanza potente.... io preferisco avere quello in visione piuttosto che vedere strani conteggi che riportano entrate ed uscite che a volte non corrispondono all'estratto conto....certo quello da solo non basta..

Aggiungo all’esempio esposto da Leonardo53 che l’amministratore, oltre ad incassare quote in contanti, potrebbe utilizzare parte della suddetta somma per piccole spese per le quali non sussista l’obbligo della tracciabilità.

In questi casi è sufficiente registrare in apposito conto cassa contanti tutte le movimentazioni in entrata e uscita eseguite tramite denaro contante nonché le date in cui sono effettuati i versamenti dei saldi parziali sul conto corrente condominiale.

In tal modo l’insieme degli estratti del conto condominiale e del conto cassa contanti possono sostituire il registro di contabilità con la precisazione che sul registro sono annotate e reperibili  informazioni spesso parziali o mancanti negli estratti del conto bancario o postale.

Personalmente opero come nel modo sopra descritto e allego alla documentazione costituente il rendiconto anche l’estratto conto al termine della gestione come prova della disponibilità in denaro, che sommata a quella della cassa contanti (e assegni), deve coincidere col saldo del registro di contabilità.

Modificato da G.Ago
  • Mi piace 1

Buongiorno l'amministratore ha inserito nel sito condominiale i registri di contabilità del 2020 fino al mese di febbraio, gli ho chiesto di inserire anche i restanti mesi ma non ha ancora provveduto, c'è qualche riferimento normativo a cui potrei fare riferimento affinché li pubblichi nel sito.

Grazie

Ale97 dice:

Buongiorno l'amministratore ha inserito nel sito condominiale i registri di contabilità del 2020 fino al mese di febbraio, gli ho chiesto di inserire anche i restanti mesi ma non ha ancora provveduto, c'è qualche riferimento normativo a cui potrei fare riferimento affinché li pubblichi nel sito.

Grazie

Tu hai diritto a prendere visione gratuitamente  presso lo studio dell'amministartore, previo appuntamento, del registro di contabilità che deve essere aggiornato ai 30 giorni precedenti a quello della visione.

Per quanto riguarda la richiesta di inserimento nel sito condominiale, dipende da cosa ha deliberato l'assemblea.

Se l'assemblea si è accollata il costo del sito ed ha specificato quali documenti inserire e con che frequenza inserirli, l'amministratore deve attenersi alla delibera.

Se il sito che chiami condomininiale è il sito dell'amministratore che offre un servizio aggiuntivo, l'assemblea non può ordinare all'amministratore cosa mettere e cosa non mettere.

 

Art. 1129 c.c.

...Contestualmente all’accettazione della nomina e ad ogni rinnovo dell’incarico, l’amministratore comunica i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, o, se si tratta di società, anche la sede legale e la denominazione, il locale ove si trovano i registri di cui ai numeri 6) e 7) dell’articolo 1130, nonché i giorni e le ore in cui ogni interessato, previa richiesta all’amministratore, può prenderne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso della spesa, copia da lui firmata...

 

Articolo 71-ter

Su richiesta dell’assemblea, che delibera con la maggioranza di cui al secondo comma dell’articolo 1136 del codice, l’amministratore è tenuto ad attivare un sito internet del condominio che consenta agli aventi diritto di consultare ed estrarre copia in formato digitale dei documenti previsti dalla delibera assembleare. Le spese per l’attivazione e la gestione del sito internet sono poste a carico dei condomini.

  • Mi piace 1

Il sito è stato chiesto dall'assemblea senza precisare cosa inserire, avendo visto inseriti i registri fino a maggio 2020 ho pensato che potesse inserire anche gli altri. Eventualmente chiederò di prenderne visione presso il suo studio.

Grazie

Ale97 dice:

Il sito è stato chiesto dall'assemblea senza precisare cosa inserire, avendo visto inseriti i registri fino a maggio 2020 ho pensato che potesse inserire anche gli altri. Eventualmente chiederò di prenderne visione presso il suo studio.

Grazie

Di niente

×