Vai al contenuto
adelmino

Registro Anagrafe

Avrei un problema in riguardo al registro anagrafe nel condominio che amministro. Un condomino proprietario ( con residenza ) ospita un conoscente (senza residenza , con solo il domicilio). Sui campanelli il proprietario ha messo 2 nomi il suo e quello del conoscente.

Come amministratore quali obblighi ho per il registro anagrafe condominiale?

il proprietario invece abita con amici in un altro appartamento nello stesso comune.

so che per la legge italiana qualsiasi persona deve essere identificata in ogni appartamento se supera i due giorni di sosta.

 

grazie

nessun obbligo, visto che ti è stata fornita la scheda anagrafica con gli estremi del condomino proprietario

Avrei un problema in riguardo al registro anagrafe nel condominio che amministro. Un condomino proprietario ( con residenza ) ospita un conoscente (senza residenza , con solo il domicilio). Sui campanelli il proprietario ha messo 2 nomi il suo e quello del conoscente.

Come amministratore quali obblighi ho per il registro anagrafe condominiale?

il proprietario invece abita con amici in un altro appartamento nello stesso comune.

so che per la legge italiana qualsiasi persona deve essere identificata in ogni appartamento se supera i due giorni di sosta.

 

grazie

Confermo, quanto detto da Josefat, l'ospite non ha titolo per rientrare nell'anagrafe Condominiale

ho omesso di dire che il proprietario si fa pagare mi ha detto che è come ospite ma non sono convinto

 

tra l'altro, ripeto ,il proprietario ha la residenza ma non abita con l'ospite. qualcosa mi sfugge.

ho omesso di dire che il proprietario si fa pagare mi ha detto che è come ospite ma non sono convinto

 

tra l'altro, ripeto ,il proprietario ha la residenza ma non abita con l'ospite. qualcosa mi sfugge.

tu sei l'amministratore e come tale hai l'bbligo di farti rilasciare dai condomini la scheda anagrafica compilata in tutte le sua parti, per altre problematiche ci sono le forze dell'ordine.

Avrei un problema in riguardo al registro anagrafe nel condominio che amministro. Un condomino proprietario ( con residenza ) ospita un conoscente (senza residenza , con solo il domicilio). Sui campanelli il proprietario ha messo 2 nomi il suo e quello del conoscente.

Come amministratore quali obblighi ho per il registro anagrafe condominiale?

il proprietario invece abita con amici in un altro appartamento nello stesso comune.

so che per la legge italiana qualsiasi persona deve essere identificata in ogni appartamento se supera i due giorni di sosta.

 

grazie

Non qualsiasi persona ma i cittadini extra( e comunque non di competenza dell'amministratore) .ovviamente resta salva identificazione giornaliera di soggetti che alloggiano in strutture ricettive .(alberghi motel pensione etc ) Comunque e' una questione non di competenza dell'amministratore che non e' un addetto alla pubblica sicurezza.

Il problema è proprio nella scheda dove il proprietario vuole omettere " l'ospite". Se il legislatore ha messo obbligatorio il registro un motivo ci deve pur essere.allora terrò buona la scheda dei dati del solo proprietario.

 

grazie

Il problema è proprio nella scheda dove il proprietario vuole omettere " l'ospite". Se il legislatore ha messo obbligatorio il registro un motivo ci deve pur essere.allora terrò buona la scheda dei dati del solo proprietario.

 

grazie

il condomino proprietario non è obbligato ad indicare nella scheda anagrafica i propri ospiti

Il problema è proprio nella scheda dove il proprietario vuole omettere " l'ospite". Se il legislatore ha messo obbligatorio il registro un motivo ci deve pur essere.allora terrò buona la scheda dei dati del solo proprietario.

 

grazie

Dove hai letto che nel registro di anagrafica va inserito anche l'ospite, che in quanto tale non ha nessun diritto sull'immobile?

 

Art. 1130 c.c.

L'amministratore, oltre a quanto previsto dall'articolo 1129 e dalle vigenti disposizioni di legge, deve:

...

6) curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unità immobiliare, nonché ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza delle parti comuni dell'edificio...

Il problema è proprio nella scheda dove il proprietario vuole omettere " l'ospite". Se il legislatore ha messo obbligatorio il registro un motivo ci deve pur essere.allora terrò buona la scheda dei dati del solo proprietario.

 

grazie

Nessuna legge prevede che si debbano fornire i dati di propri ospiti o conviventi .nella scheda anagrafica si indicano solo i titolari di diritto di proprieta' e altri diritti reali .

A mio parere ti stai facendo troppi problemi.

Tu, come amministratore, HAI L'OBBLIGO di consegnare e farti compilare la scheda anagrafica (ed hai anche l'obbligo di conservarla negli atti del condominio).

Il proprietario HA L'OBBLIGO di compilarti la scheda, HA L'OBBLIGO di riconsegnarti la scheda debitamente compilata e firmata. Ma, la responsabilità dei dati scritti (e firmati) ricade, esclusivamente sul proprietario dell'immobile. Per cui, SUL CONTENUTO DELLA SCHEDA ANAGRAFICA tu non hai responsabilità.

allora mi spiego meglio. il proprietario, con il quale sono in buoni rapporti, non ha affittato l'appartamento

perché essendo un po' geloso non vuole impegni a lungo termine.a me ha detto , per evitare burocrazie,che l'ha ospitato; dandomi anche la lettura del contatore acqua dalla quale in poi paga l'inquilino ospite.a me come amministratore se devo fare dei conteggi separati non ho più davanti solo un ospite. comunque grazie per i vostri pareri che aumentano la mia esperienza.

 

per Leonardo il punto 6 parla anche di domicilio proprio quello che il proprietario mi ha detto a proposito.

Anagrafe condominiale, la cosa più inutile di questo mondo. Non interessa a nessuno figuriamoci ai condomini.

Inoltre se uno affitta senza dire nulla come lo vieni a sapere. L'anagrafica quasi tutti i condomini la sbagliano, mettendo anche numeri di telefono inesistenti per scopo o per errore. I documenti di auto certificazione (c. identità, patente...) sono spesso in scadenza, la residenza effettiva può cambiare in ogni momento rispetto alla proprietà condominiale e non ti dicono nulla. Per seguire stabili di molti condomini non basta un esercito.

La solita lagna italiana. Lo studio una volta per sapere il proprietario effettivo di una UI finì in tribunale per avere accesso ai documenti anche riservati per ottenere i dati. Il risultato fu: "inserite condomino sconosciuto" perchè la privacy viene prima di tutto...

Lo scopo dell' anagrafe condominiale non e' ai fini di pubblica sicurezza ma semplicemente per conoscere i nominativi e il loro domicilio o residenza dei titolari di diritto reali o di godimento .

Invero risulta invece che fu costituito per scovare gli affitti in nero...e si è visto quanti ne hanno trovati.

Non credo che fu istituito per cercare affitti in nero .visto che non mi sembra che detta anagrafe poi viene trasmessa alla gdf o ade per controlli .

credo che l'unico scopo sia quello di identificare esattamente gli effettivi condomini proprietari

credo che l'unico scopo sia quello di identificare esattamente gli effettivi condomini proprietari
Sono d'accordo, ed aggiungerei gli aventi diritto di voto, tipo usufruttuari e locatari

premesso che spesso me ne dimentico, i miei verbali da qualche mese, iniziano così: >. Per "documentate documentazione" si intende che non potrà essere ritenuta idonea una semplice dichiarazione autocertificata dai locatori: solo una comunicazione avente in allegato una copia del contratto di locazione, infatti, sembra poter soddisfare la previsione normativa.

Cogliamo l'occazione per ricordare a tutti gli altri che per art. 63 d.a.c.c. - omissis ... Chi cede diritti su unità immobiliari resta obbligato solidalmente con l'avente causa per i contributi maturati fino al momento in cui è trasmessa all'amministratore copia autentica del titolo che determina il trasferimento del diritto>>

 

fatta questa premessa, mi pare che un ospite che ha il domicilio lì, si configuri come un comodato gratuito, specie se paga le spese condominiali

quando ho ospiti, non pagano nulla; quando sono stata ospite, non ho pagato nulla

quando sei ospite, non cambi domicilio

Nulla vieta di avere un domicilio ove si e' ospiti .anche perché non esiste un unico domicilio .

un mio ospite vive con me , ma se gli lascio l'appartamento ed io abito da un'altra parte,e devo a fine anno dividere le spese ( chiedendolo all'amministratore) anche se sono affari privati a mio modesto parere sul registro qualcosa dovrei segnalare

ecco perché ho chiesto un parere al forum , senza crearmi nessun problema.

un mio ospite vive con me , ma se gli lascio l'appartamento ed io abito da un'altra parte,e devo a fine anno dividere le spese ( chiedendolo all'amministratore) anche se sono affari privati a mio modesto parere sul registro qualcosa dovrei segnalare

ecco perché ho chiesto un parere al forum , senza crearmi nessun problema.

Secondo me non ti devi creare problemi e non devi segnare nulla.

 

L’art. 1, comma 59, della Legge 208/2015 riguarda solo i contratti di locazione.

Un ospite resta un ospite e non rientra nelle attribuzioni dell'amministratore di condominio neanche ripartire le spese tra locatore e conduttore, figuriamoci tra proprietario ed ospite.

Che tu voglia ripartire le spese tra proprietario ed il suo ospite piuttosto che il suo panettiere esula dall'ambito condominiale e resta una tua liberalità.

 

Quando mi recavo a lavoro con la mia auto a 15 km da casa, ospitavo un mio collega nella mia auto e questi mi rimborsava la metà della benzina.

Non per questo il mio collega aveva alcun diritto di godimento della mia auto e/o dovevo dichiarare a qualcuno che ogni giorno avevo un ospite a bordo.

Anche nel caso che io mi fossi preso 6 mesi di aspettativa ed avessi lasciato usaro la mia auto al mio collega, questo non gli avrebbe procurato alcun DIRITTO di godimento ma soltanto CORTESIA.

×