Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
Nicolas Fiasconaro

Referendum Costituzionale 2016

Salve,

ho aperto questa discussione per cercare di capire cosa andremo a votare tra qualche mese. Premetto che non ho approfondito la questione e quindi mi piacerebbe capire con chi è interessato sia le ragioni del NO che le ragioni del SI.

 

Non mi interessa capire se è pro Renzi o contro di lui. Mi interessa capire quali possono essere le conseguenze di questa riforma.

 

Se porta chiarezza o confusione. Abbiamo visto con la riforma del condominio come alcune parti siano contraddittorie o diano luogo a disparate interpretazioni.

 

Lo scopo sarà quindi quello di informarci e chiarire gli aspetti negativi o positivi della riforma. E dunque alla fine capire se conviene modificare la Costituzione oppure no.

 

Cordiali saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Personalmente voterò NO .secondo me invece di migliorare peggiorano .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Vecchio Art. 55:

 

Il Parlamento si compone della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica.

 

Il Parlamento si riunisce in seduta comune [cfr. artt. 63 c. 2, 64 cc. 2, 3] dei membri delle due Camere nei soli casi stabiliti dalla Costituzione [cfr. artt. 83, 90 c. 2, 91, 104 c. 4, 135 cc. 1, 7].

Nuovo Art.55:

 

«Art. 55. -- Il Parlamento si compone della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica. Le leggi che stabiliscono le modalità di elezione delle Camere promuovono l'equilibrio tra donne e uomini nella rappresentanza. Ciascun membro della Camera dei deputati rappresenta la Nazione. La Camera dei deputati è titolare del rapporto di fiducia con il Governo ed esercita la funzione di indirizzo politico, la funzione legislativa e quella di controllo dell'operato del Governo. Il Senato della Repubblica rappresenta le istituzioni territoriali ed esercita funzioni di raccordo tra lo Stato e gli altri enti costitutivi della Repubblica. Concorre all'esercizio della funzione legislativa nei casi e secondo le modalità stabiliti dalla Costituzione, nonché all'esercizio delle funzioni di raccordo tra lo Stato, gli altri enti costitutivi della Repubblica e l'Unione europea. Partecipa alle decisioni dirette alla formazione e all'attuazione degli atti normativi e delle politiche dell'Unione europea. Valuta le politiche pubbliche e l'attività delle pubbliche amministrazioni e verifica l'impatto delle politiche dell'Unione europea sui territori. Concorre ad esprimere pareri sulle nomine di competenza del Governo nei casi previsti dalla legge e a verificare l'attuazione delle leggi dello Stato. Il Parlamento si riunisce in seduta comune dei membri delle due Camere nei soli casi stabiliti dalla Costituzione»

 

ELEZIONE SENATO:

Vecchio art. 57

 

Il Senato della Repubblica è eletto a base regionale, salvi i seggi assegnati alla circoscrizione Estero.

 

Il numero dei senatori elettivi è di trecentoquindici, sei dei quali eletti nella circoscrizione Estero.

 

Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a sette; il Molise ne ha due, la Valle d'Aosta uno.

 

La ripartizione dei seggi tra le Regioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, previa applicazione delle disposizioni del precedente comma, si effettua in proporzione alla popolazione delle Regioni, quale risulta dall'ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti [cfr. IV] .

 

Nuovo Art.57:

 

«Art. 57. -- Il Senato della Repubblica è composto da novantacinque senatori rappresentativi delle istituzioni territoriali e da cinque senatori che possono essere nominati dal Presidente della Repubblica. I Consigli regionali e i Consigli delle Province autonome di Trento e di Bolzano eleggono, con metodo proporzionale, i senatori tra i propri componenti e, nella misura di uno per ciascuno, tra i sindaci dei Comuni dei rispettivi territori. Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a due; ciascuna delle Province autonome di Trento e di Bolzano ne ha due. La ripartizione dei seggi tra le Regioni si effettua, previa applicazione delle disposizioni del precedente comma, in proporzione alla loro popolazione, quale risulta dall'ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti. La durata del mandato dei senatori coincide con quella degli organi delle istituzioni territoriali dai quali sono stati eletti, in conformità alle scelte espresse dagli elettori per i candidati consiglieri in occasione del rinnovo dei medesimi organi, secondo le modalità stabilite dalla legge di cui al sesto comma. Con legge approvata da entrambe le Camere sono regolate le modalità di attribuzione dei seggi e di elezione dei membri del Senato della Repubblica tra i consiglieri e i sindaci, nonché quelle per la loro sostituzione, in caso di cessazione dalla carica elettiva regionale o locale. I seggi sono attribuiti in ragione dei voti espressi e della composizione di ciascun Consiglio»

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

sono d'accordo con Peppe voterò NO

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Personalmente voterò NO .secondo me invece di migliorare peggiorano .

Anch'io sono per il NO...

 

Non basta cambiare le cose: se si cambia, si deve cambiare in meglio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non solo voterò NO, ma mi batterò perchè tutti lo facciano.

 

Le riforme costituzionali andrebbero condivise dal parlamento ma soprattutto preparate da apposita Assemblea Costituente, tipo quella del '46, anche se la statura degli attuali parlamentari non vale nemmeno il sudore di quella dei Padri Costituenti.

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non solo voterò NO, ma mi batterò perchè tutti lo facciano.

 

Le riforme costituzionali andrebbero condivise dal parlamento ma soprattutto preparate da apposita Assemblea Costituente, tipo quella del '46, anche se la statura degli attuali parlamentari non vale nemmeno il sudore di quella dei Padri Costituenti.

concordo pienamente con te

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non solo voterò NO, ma mi batterò perchè tutti lo facciano.

 

Le riforme costituzionali andrebbero condivise dal parlamento ma soprattutto preparate da apposita Assemblea Costituente, tipo quella del '46, anche se la statura degli attuali parlamentari non vale nemmeno il sudore di quella dei Padri Costituenti.

Non c'è alcun dubbio... altra statura politica e morale. .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Giovanni, la sola idea di avere il nostro mitico Crocetta anche senatore, mi atterrisce..:sig:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sotto l'aspetto tecnico bisognerebbe votare NO, ma in politica è meglio un piccolo passo in avanti piuttosto che rimanere fermi. Ricordiamoci che già nel 2006 una riforma costituzionale è stata cancellata dal referendum.

Mi turerò il naso e voterò SI.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Sotto l'aspetto tecnico bisognerebbe votare NO, ma in politica è meglio un piccolo passo in avanti piuttosto che rimanere fermi. Ricordiamoci che già nel 2006 una riforma costituzionale è stata cancellata dal referendum.

Mi turerò il naso e voterò SI.

Sempre che sia un passo avanti avere qualcuno (di dx o di sx) che arrivi al potere senza maggioranza e possa fare quello che vuole senza alcun controllo...

🤔

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Non solo voterò NO, ma mi batterò perchè tutti lo facciano.

 

Le riforme costituzionali andrebbero condivise dal parlamento ma soprattutto preparate da apposita Assemblea Costituente, tipo quella del '46, anche se la statura degli attuali parlamentari non vale nemmeno il sudore di quella dei Padri Costituenti.

Salve,

vero ma nell'ipotesi in cui sia la maggioranza a votarla è il popolo a doverla confermare. Quindi conviene votarla nel merito e non in base all'antipatia.

A me non è piaciuto com'è stata portata avanti a colpi di maggioranza, ma visto che c'è il tempo vorrei capire se realmente è utile o meno.

 

Ed una volta capito se è utile, capire anche a CHI sia utile 🙂

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Personalmente vorrei sottolineare che, pur condividendo le linee generali della nostra costituzione,le varie fazioni politiche che si sono alternate frequentemente negli ultimi 50 anni alla guida del paese,ne hanno solo approfittato senza valorizzarla e attuarla...........forse è arrivato il momento di cambiare qualcosa anche perchè gli italiani di oggi non sono più gli italiani di 50 anni fa.Rimango nel dubbio, ma lo Status Quo attuale mi lascia perplesso.Cercherò di approfondire la materia .Saluti a tutti

  • Mi piace 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Nella sostanza il Senato non scompare ma viene sostituito da una camera di senatori nominati in seno ai consigli regionali. Quindi avremo pur sempre due camere di cui una non rappresentativa dell'elettorato ma delle forze politiche locali. Il risparmio sembra si aggiri su 1/5 rispetto alle spese attuali.

Personalmente sono contrario ad ogni forma di libertà di "nomina" da parte dei politici (è il cancro dell'Italia.....) e quindi non mi piace estendere tale pratica anche al Senato visto che negli enti pubblici dà pessimi risultati favorendo clientelismo e nepotismo.

Per quanto invece riguarda l'approvazione delle leggi non ho compreso dove sia il "risparmio" di tempo se restano due camere. Io sarei per soluzioni più drastiche: una sola camera con metà degli attuali deputati tutti eletti con il proporzionale, e leggi approvate per maggioranza semplice. Chi ottiene più voti "vince" e quindi addio ai premi di maggioranza dando piena rappresentatività all'elettorato.

 

Ciao

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E' da un pezzo che quando voto, voto turandomi tutto l'immaginabile.

Quel che ci propongono è appena appena il minimo sindacale per altro frutto di una estenuate e tipica trattativa romana, ma piuttosto che niente è meglio piuttosto.

Perché voterò SI ? Trovo positivo ed al passo coi tempi l'abolizione del bicameralismo perfetto; una sola aula legifererà, e questo non è poco.

Quante leggi si sono perse nei meandri delle camere o quando approvate spesso sono risultate snaturate per colpa del rimpiattino infinito fra Camera e Senato.

Attualmente l'esempio più eclatante è la riforma del processo penale e della prescrizione, ferma al Senato da oltre 400 giorni quasi 500, legge approvata dalla Camere dei Deputati nell'agosto 2014, ma che legge dello Stato non è, perché al Senato i Sigg.ri Onorevoli a 20.000 €./mese cadauno sembra che preferiscano contar le margherite che non ci sono...

Votare NO per me significa benedire quest'andazzo che non è più adatto ai tempi correnti: servono reattività e tempi veloci. Il bicameralismo era perfetto e funzionale al periodo post bellico e post Mussolini... ma da quei tempi ci separano 70 anni ed un altro mondo.

Nel nostro piccolo è ora di voltar pagina: peggio degli ultimi 30-40 anni di ingovernabilità non potrà essere.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Perché voterò SI ? Trovo positivo ed al passo coi tempi l'abolizione del bicameralismo perfetto; una sola aula legifererà, e questo non è poco.

Quante leggi si sono perse nei meandri delle camere o quando approvate spesso sono risultate snaturate per colpa del rimpiattino infinito fra Camera e Senato.

Attualmente l'esempio più eclatante è la riforma del processo penale e della prescrizione, ferma al Senato da oltre 400 giorni quasi 500, legge approvata dalla Camere dei Deputati nell'agosto 2014, ma che legge dello Stato non è, perché al Senato i Sigg.ri Onorevoli a 20.000 €./mese cadauno sembra che preferiscano contar le margherite che non ci sono...

Salve,

in realtà non credo che il problema sia tanto nelle due camere. Renzi afferma che con al riforma le leggi saranno più spedite, ma ad per stessa voce del PD sono state approvate tante leggi, "Il governo che ha approvato più leggi...".

 

Quindi se già ora questo governo con il bicameralismo riesce ad approvare così tante leggi e a fare così tante riforme, sbandierate sia in Italia che in Europa, mi chiedo quando ci sarà una sola camera le leggi saranno approvate giornalmente?

 

Inoltre in Italia, ci sono tantissime e troppe leggi, ed il problema non è tanto ciò che stabiliscono ma il fatto che non vengano applicate o che vi siano sconti di pena, riti abbreviati ecc...

 

Per me quindi il problema non è tanto la forma di governo, quanto chi sta al governo. Questo governo è andato avanti a colpi di fiducia, ma perchè la maggioranza votata non esiste più e sono entrati a sostegno del PD, Alfano, i Verdiniani ecc.. ? Semplicemente per opportunismo, per vantaggi politici ed economici e per le pensioni...

 

Qual'è dunque lo scopo di questa riforma? Creare un partito con una super maggioranza. E se vi sono scissioni interne? Cosa succederà?

E sarà sempre possibile che altre aree politiche sostengano l'eventuale governo in difficoltà?

 

Se si, cosa cambia da ora?

 

Se no, si avrà un partito totalitario dove non è ammesso il dissenso?

Votare NO per me significa benedire quest'andazzo che non è più adatto ai tempi correnti: servono reattività e tempi veloci. Il bicameralismo era perfetto e funzionale al periodo post bellico e post Mussolini... ma da quei tempi ci separano 70 anni ed un altro mondo.

Nel nostro piccolo è ora di voltar pagina: peggio degli ultimi 30-40 anni di ingovernabilità non potrà essere.

 

Salve,

la reattività serve alle imprese, non al governo. Il governo deve promuove riforme stabili e durature, studiarne l'impatto per almeno 10 anni e poi eventualmente cambiarle. Non come negli anni passati dove ad ogni governo c'era la riforma delle pensioni, della scuola ecc...

 

30-40 anni di ingovernabilità o di pluralismo? Si dice che con questa riforma gli inciuci non ci saranno più.

 

Ma ne siamo proprio sicuri?

 

Cosa si intende per inciuci?

 

Perchè l'attuale governo Renzi è sorretto dai voti di Alfano, Verdiniani ed altri che prima non erano nella maggioranza.

 

Questo è inciucio? E se non lo è, cosa lo è?

Cordiali saluti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Vorrei far notare ai partecipanti di questa discussione che il più delle volte che ognuno di noi si è recato al voto, difficilmente ha espresso una preferenza sul nominativo di cui ci si era attentamente documentati.Tutti i voti senza una preferenza venivano accreditati ad esponenti stabiliti a priori dalle segreterie dei vari partiti,senza il consenso del singolo elettore.Ora il referendum in questione non si discosta granch'è(nella pratica) dall'attuale situazione,ma reputo maggiormente importante per il nostro amato paese decidere per un'effettiva governabilità e autorevolezza....... oppure optare per una continuità con il sistema attuale che tutti noi siamo quotidianamente critichiamo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quando voglio anche in presenza di un bicameralismo perfetto riescono a legiferare in poco tempo .quindi il problema non e' il tipo di parlamento ma il problema e' la politica .(non tanto la politica ma i politici )

La Costituzione potrebbe anche andar bene quella attuale basta mettere le persone capaci al posto giusto .

 

Inutile cambiare se poi restano gli incapaci .

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
E' da un pezzo che quando voto, voto turandomi tutto l'immaginabile.

Quel che ci propongono è appena appena il minimo sindacale per altro frutto di una estenuate e tipica trattativa romana, ma piuttosto che niente è meglio piuttosto.

Perché voterò SI ? Trovo positivo ed al passo coi tempi l'abolizione del bicameralismo perfetto; una sola aula legifererà, e questo non è poco.

Quante leggi si sono perse nei meandri delle camere o quando approvate spesso sono risultate snaturate per colpa del rimpiattino infinito fra Camera e Senato.

Attualmente l'esempio più eclatante è la riforma del processo penale e della prescrizione, ferma al Senato da oltre 400 giorni quasi 500, legge approvata dalla Camere dei Deputati nell'agosto 2014, ma che legge dello Stato non è, perché al Senato i Sigg.ri Onorevoli a 20.000 €./mese cadauno sembra che preferiscano contar le margherite che non ci sono...

Votare NO per me significa benedire quest'andazzo che non è più adatto ai tempi correnti: servono reattività e tempi veloci. Il bicameralismo era perfetto e funzionale al periodo post bellico e post Mussolini... ma da quei tempi ci separano 70 anni ed un altro mondo.

Nel nostro piccolo è ora di voltar pagina: peggio degli ultimi 30-40 anni di ingovernabilità non potrà essere.

Scusate, ma questa cosa di votare, turandosi il naso, non si può più sentire.

 

Il nuovo Senato non fa risparmiare nulla e verrà formato solo da raccomandati.

 

La cifra di 1/5, riportata da Meri è ridicola... se volessero davvero risparmiare, perché non cominciano a tagliare i vitalizi per gente che è stata anche un solo giorno in parlamento?

 

In più, si potrà andare al potere senza una maggioranza decente e fare tutto ciò che si vuole.

 

Peggio di così, secondo me, non si poteva fare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

@ Nicolas Fiasconaro

Il problema non sono le due camere, ma l'uso che se ne fa. Una sola camera garantisce più fluidità, sia per legiferare, sia per delegiferare, sempre che si sia la volontà politica di fare....

I parlamentari anche in Italia sono molto spesso portatori di interessi particolari, prevalentemente di imprese e lobby; non è un caso che il 30% dei parlamentari siano avvocati, così come non è un caso che i lavori parlamentari siano concentrati dal martedì al giovedì, perché gli altri giorni servono agli eletti per un po' di riposo extra e per andar "a prendere gli ordini"... altro che dedicare tempo ai propri elettori !

Per come è strutturata la attuale legge elettorale, l'elettore non può scegliersi un bel nulla... appena appena il partito.

Gli inciuci sono ammessi dal nostro ordinamento. Nell'attuale parlamento ci sono diversi gruppi, oltre a quello misto, che rappresentano la morte che cammina: mai eletti nel gruppo attualmente rappresentato e tutti voltagabbana (a gratis o a pagamento) e mangiasoldi a tradimento.

Nel panorama politico degli ultimi decenni ho visto venditori di caramelle in ogni dove ed un solo statista, molto odiato e vituperato ma lui è stato l'unico riferimento italiano attendibile per l'intero mondo, ed ha salvato noi ed il nostro stato dall'imminente baratro con probabili ripercussioni nefaste anche sulla tenuta della UE.

Mi sto riferendo al presidente emerito Napolitano. Credevo che nessuno sarebbe potuto esser più grande di Pertini, ma mi sbagliavo. Renzi è solo il venditore di caramelle di turno, ma mi risulta funzionale al cambiamento.

 

@ Peppe

Il bicameralismo perfetto ora è un problema, per effetto di una legge elettorale che non produce maggioranza al Senato. Per quanto la classe politica possa esser ottima, e a me sembra che questo non sia il caso che ci riguarda, senza la maggioranza in una camera tutte le leggi saranno automaticamente al ribasso ed all'insegna dell'inciucio.

Se non hai maggioranza devi scender a patti con gli avversari, altrimenti prevale l'immobilismo (vedi processo penale e prescrizione che attende ed attenderà ancora).

Ma anche per quell'aborto di legge elettorale ci han messo due anni per farla.... E poi scusa, ma ti par possibile che si voti in modo diverso a seconda che si voti per politiche regionali comunali od europee ??? Von meccanismi così mal congegnati, hai voglias di aspirare a politici capaci.

 

@ Mosquiton

I risparmi sono le caramelle più prelibate di Renzi (Renzi perché ora il timone ce l'ha lui).

Brasile >>> 513 deputati e 81 senatori

Germania >>> 600 deputati circa (variabili) e 69 delegati dei governi locali

I numeri di altri stati rendono l'idea di come sia difficile qui da noi tagliare veramente.

D'altra parte non s'è mai visto un re farsi fuori da solo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il problema non e' riformare la COSTITUZIONE ,ma riformare bene .

 

Se la riforma fosse stata fatta bene avrei tranquillamente votato per il SÌ .

 

Non e' che devo votare il SÌ solo perche' viene riformata la Costituzione , per avere il mio SÌ la riforma deve piacermi (purtroppo non mi piace )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

@ Mosquiton

I risparmi sono le caramelle più prelibate di Renzi (Renzi perché ora il timone ce l'ha lui).

Brasile >>> 513 deputati e 81 senatori

Germania >>> 600 deputati circa (variabili) e 69 delegati dei governi locali

I numeri di altri stati rendono l'idea di come sia difficile qui da noi tagliare veramente.

D'altra parte non s'è mai visto un re farsi fuori da solo...

Il problema è che, in questo caso, ci sono 2 aggravanti:

1) La riforma è stata fatta a colpi di maggioranza;

2) La maggioranza è di un re che non è mai stato eletto da nessuno.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Lo so... ma gli eletti cosa hanno fatto prima di questo qua ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Il problema è che, in questo caso, ci sono 2 aggravanti:

1) La riforma è stata fatta a colpi di maggioranza;

2) La maggioranza è di un re che non è mai stato eletto da nessuno.

Tutto vero e condivido ma in politica bisogna accettare compromessi: non ti basta che la riforma cancelli ogni riferimento alle province?

Diminuisce i senatori da 315 a 100: dirai ma sono nominati dai partiti. Già, invece prima tutti erano potenzialmente eleggibili in senato; ma sul serio credevi di poter diventare senatore senza passare dalle segreterie dei partiti ed essere messo in lista.

Abolisce il CNEL ecchisenefrega però lo abolisce.

Sono tutti passi in avanti, magari piccoli e difficoltosi a volte barcolanti ma sempre in avanti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Tutto vero e condivido ma in politica bisogna accettare compromessi: non ti basta che la riforma cancelli ogni riferimento alle province?

Diminuisce i senatori da 315 a 100: dirai ma sono nominati dai partiti. Già, invece prima tutti erano potenzialmente eleggibili in senato; ma sul serio credevi di poter diventare senatore senza passare dalle segreterie dei partiti ed essere messo in lista.

Abolisce il CNEL ecchisenefrega però lo abolisce.

Sono tutti passi in avanti, magari piccoli e difficoltosi a volte barcolanti ma sempre in avanti.

I risparmi sono tutto fumo negli occhi... della cancellazione delle province se ne parla da decenni... non ci vuole questa riforma costituzionale per cancellare le province o ridurre il numero di parlamentari!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ospite
Questa discussione è chiusa.
×