Vai al contenuto
gradu69

Recupero credito

buongiorno sono nuovo del forum e avevo bisogno di alcune informazioni ringrazio anticipatamente

abito in un condominio dove l'amministratore precedente e stato sollevato per aver incassato e non pagava le spese verso i creditori.

io oltre ad abitare qui eseguivo anche lavori edili e altro, ora dopo la nomina del nuovo amm. io feci presente il credito dando disponibilita di attendere visto la situazione in cui gravavamo, specificando che gli accordi col vecchio amm. erano di defalcare le mie spese come condomino passate e future sino al saldo.

ora il nuovo amministratore a distanza di tempo mi cita come moroso in quanto non ho le ricevute delle spese condominiali poiche il precedente doveva defalcarle dal mio credito, dicendomi che sono cose separate quindi chiede il mio saldo come condomino, e dice che i lavori non li paga in quanto io dovrei fare rivalsa sul vecchio amm.

i debiti verso giardinieri, acqua, gas, e altro sono stati ripagati da tutti in quanto il vecchi amm. non ha un centesimo, ma io chiedo come impresa il beneficiario dei lavori non resta il condominio e pertanto devono pagarmi e poi il condominio stesso dovra fare rivasla.

io posseggo contratti e delibere di assemblea che autorizzavano i lavori.

allo stato di fatto mi trovo moroso come condomino e insoluto come impresa.

chiedo a chi fosse in grado di aiutarmi se poso indire una causa presso il comdominio o e persa in partenza.

1)se vuoi la compensazione credito/debito,comunque devi fatturare.

2)Tu paghi il tuo debito condominiale,e poi,delibera che ti autorizzava al lavoro,o meglio,che ti appaltava il lavoro,contratto e fattura alla mano,vai dal tuo avvocato e fai causa al condominio.E cerca di farti anche rimborsare le spese legali.

grazie mille molto gentile,

comunque il debitore resta il condominio non il vecchio amministratore?

Ma certo che resta il condominio.il vecchio amministratore,come il nuovo,non è che un mandatario dell'assemblea e quindi del condominio,un delegato per capirsi,ma il soggetto che sarà convenuto in giudizio perché ha il dovere di pagare,è il condominio.Stanne certo e in bocca al lupo.

ciao

 

penso che il comportamento del nuovo amministratore, che ha pagato tutti gli altri prestatori d'opera, ma che dice al prestatore condomino che deve rivolgersi al vecchio amministratore, oltre ad essere censurabile, abbia scelto di non conteggiare le prestazioni di quest'ultimo e quindi anche di non chiedere ai condomini la creazione della copertura anche per questi. Certo non dimostra quel buon senso che dovrebbe permettere di superare certe situazioni, ma espone il condominio a rischio di maggiori spese.

lui il nuovo amm. credeva che a distanza di 2 anni e con gli accordi che avevo col vecchio il quale ogni volta defalcava dalle spese condominiale i mie importi io non avevo più i contratti "firmati" dei lavori e le rispettive lettere di sollecito da me inviate quindi lui disse ai condomini che io in qualche modo non avanzavo tutti quei soldi (€7.000,00) quindi ha iniziato a chiedermi il pagamento delle spese condominiali dicendomi che poi ci saremmo accordati appena il condominio era a bilancio pari, poi in assemblea dove io non ero presente per problemi personali ha deliberato che i condomini che non possedevano le ricevute dei pagamenti con la vecchia amministrazione dovevano ripagare le spese ( le spese anche altri condomini le pagavano di persona al vecchio amm. e a distanza di anni alcuni non le avevano piu) ma era poca roba 1 0 2 mentre io risulto moroso per 16 mesi

adesso in settimana ho appuntamento da un legale ma ho scritto giusto per saper pareri da esperti poichè mi e arrivato anche l'atto ingiuntivo

e i dubbi e pensieri mi stanno mordendo il cervello

comunque siete tutti molto gentili e disponibili grazie

lui il nuovo amm. credeva che a distanza di 2 anni e con gli accordi che avevo col vecchio il quale ogni volta defalcava dalle spese condominiale i mie importi io non avevo più i contratti "firmati" dei lavori e le rispettive lettere di sollecito da me inviate quindi lui disse ai condomini che io in qualche modo non avanzavo tutti quei soldi (€7.000,00) quindi ha iniziato a chiedermi il pagamento delle spese condominiali dicendomi che poi ci saremmo accordati appena il condominio era a bilancio pari, poi in assemblea dove io non ero presente per problemi personali ha deliberato che i condomini che non possedevano le ricevute dei pagamenti con la vecchia amministrazione dovevano ripagare le spese ( le spese anche altri condomini le pagavano di persona al vecchio amm. e a distanza di anni alcuni non le avevano piu) ma era poca roba 1 0 2 mentre io risulto moroso per 16 mesi

adesso in settimana ho appuntamento da un legale ma ho scritto giusto per saper pareri da esperti poichè mi e arrivato anche l'atto ingiuntivo

e i dubbi e pensieri mi stanno mordendo il cervello

comunque siete tutti molto gentili e disponibili grazie

Ciao

 

purtroppo, se ti ha fatto il decreto ingiuntivo, dovrai pagarlo ed opporti.

 

Ti ha notificato il verbale della delibera ? Penso di si, ma avresti potuto impugnare già quello se nei termini.

 

I lavori che hai fatto, sono stati deliberati ? Hai un ordine o qualche testimone ? I condomini hanno dimenticato tutti i tuoi interventi? Le spese sono state messe a bilancio ?

 

Come vedi, si dovrebbe avere qualche notizia in più, ma fai bene a sentire il tuo legale, ma ... penso che anche l'amministratore dovrebbe essere più disponibile.

il verbale della delibera intende delibera condominiale? no poiche dice che come amministratore ha il diritto di farlo in riferimento alle nuove leggi senza bisogno che il condominio lo autorizzi ma basta che uno e moroso piu di 3 mesi.

per quanto riguarda i lavori che ho fatto ho il contratto in originale firmato dal vecchio amministratore, ho il documento di fine lavori dove confermava l' avvenuta opera e dove chiedevo la defalcazione delle mie spese, e il saldo restante e che avrei emesso

fattura a saldo di tutto, anche esso tutto timbrato e firmato.

le spese erano state messe a bilancio.

io tenterei l'opposizione al decreto ingiuntivo,perché il tuo amministratore attuale nel chiedere il decreto di certo non ha fatto presente al giudice i motivi che tu esponi,ha cercato solo di fare cassa,e prima di dire che ha il dovere entro 3 mesi,etc etc,avrebbe dovuto fare l'assemblea di consuntivo e discuterne insieme,comunque tu in sede di opposizione puoi chiedere al giudice di compensare coattivamente debito e credito,e se provi che hai sollecitato anche l'amministratore attuale a farlo(tipo con lettera raccomandata o lettera di un legale,o facendolo verbalizzare in assemblea),cerca anche di ottenere coattivamente il rimborso delle spese processuali,se non anche di quelle legali(queste seconde sono molto difficili da recuperare).

Ma parlane con un avvocato di tua fiducia.

il verbale della delibera intende delibera condominiale? no poiche dice che come amministratore ha il diritto di farlo in riferimento alle nuove leggi senza bisogno che il condominio lo autorizzi ma basta che uno e moroso piu di 3 mesi.

per quanto riguarda i lavori che ho fatto ho il contratto in originale firmato dal vecchio amministratore, ho il documento di fine lavori dove confermava l' avvenuta opera e dove chiedevo la defalcazione delle mie spese, e il saldo restante e che avrei emesso

fattura a saldo di tutto, anche esso tutto timbrato e firmato.

le spese erano state messe a bilancio.

ciao

 

No. Intendevo il verbale che ti incaricava dei lavori, ma vedo che hai molto di più, e mi sembra strano che il nuovo amministratore si incaponisca per farti un decreto ingiuntivo che potrebbe costargli caro. E' vero che non aveva bisogno della delibera e nemmeno ddei tre mesi, ma il buon senso e la lettura dei documenti avuti dal passaggio consegne, avrebbe dovuto consigliarlo diversamente. Ripeto è molto strano, anomalo e poco avveduto, stando così le cose, il comportamento del tuo amministratore.

 

- - - Aggiornato - - -

 

io tenterei l'opposizione al decreto ingiuntivo,perché il tuo amministratore attuale nel chiedere il decreto di certo non ha fatto presente al giudice i motivi che tu esponi,ha cercato solo di fare cassa,e prima di dire che ha il dovere entro 3 mesi,etc etc,avrebbe dovuto fare l'assemblea di consuntivo e discuterne insieme,comunque tu in sede di opposizione puoi chiedere al giudice di compensare coattivamente debito e credito,e se provi che hai sollecitato anche l'amministratore attuale a farlo(tipo con lettera raccomandata o lettera di un legale,o facendolo verbalizzare in assemblea),cerca anche di ottenere coattivamente il rimborso delle spese processuali,se non anche di quelle legali(queste seconde sono molto difficili da recuperare).

Ma parlane con un avvocato di tua fiducia.

ciao

 

non solo deve tentare, ma deve proprio opporsi, solo che nel frattempo se l'amministratore procede, deve comunque pagare, e poi chiederà anche i danni.

No Camillo,scusami:lo sai cos'è l'opposizione a decreto ingiuntivo?E'un procedimento ordinario di cognizione in cui un giudice esamina in contraddittorio con la parte opponente i motivi dell'opposizione appunto.Il debitore è ancora presunto,e anche il quantum può essere prima della sentenza anche soggetto ad accordo transattivo tra le parti,cosa che dopo il verdetto ovviamente il vincitore non ha interesse a fare.

Il nostro interlocutore NON deve pagare adesso,se fa opposizione,aspetterà invece la sentenza.

No Camillo,scusami:lo sai cos'è l'opposizione a decreto ingiuntivo?E'un procedimento ordinario di cognizione in cui un giudice esamina in contraddittorio con la parte opponente i motivi dell'opposizione appunto.Il debitore è ancora presunto,e anche il quantum può essere prima della sentenza anche soggetto ad accordo transattivo tra le parti,cosa che dopo il verdetto ovviamente il vincitore non ha interesse a fare.

Il nostro interlocutore NON deve pagare adesso,se fa opposizione,aspetterà invece la sentenza.

Ciao

 

quanto scritto vale per la ingiunzione di pagamento, ma il condominio, per fortuna, ha il D.I., che è immediatamente esecutivo non ostante opposizione. Infatti con tale titolo, non senti più il giudice ma vai dall'Ufficiale Giudiziario per la esecuzione.

Vi ringrazio delle vostre osservazioni ma oggi appena gli abbiamo notificato il nostro interesse a procedere legalmente l'amm. Mi ha inviato una email dove mi diceva che vuole indire un'assemblea straordinaria dicendomi di incontrarci prima nel suo studio per raggiungere il miglior accordo possibile e poi fintare una conciliazione in assemblea, ho avvisato il mio avvocato e domani decideremo il da farsi in questo momento penso che potro' uscirne senza danni ma l'avvocato e intenzionato a far valere tutti i diritti precedentemente negati e chiedere anche le spese e le scuse davanti a tutti i condomini per mal gestione della faccenda

×