Vai al contenuto
walt1

Recesso senza preavviso

Buongiorno a tutto il forum,

mi sono appena iscritto, quindi il mio problema probabilmente è già stato affrontato,

ma mi è sfuggito.

Ho affittato ad un'inquilino un'appartamento con contratto 4+4 in scadenza 30/11/2015.

l'inquilino ha smesso di pagare l'affitto a febbraio 2013, è stato sollecitato più volte verbalmente

a regolarizzare la situazione, ha fatto alcune richieste di modifica non previste e mentre stavamo

valutando se erano economicamente sostenibili, se n'è andato in questa settimana.

Non ha inviato nessun preavviso, nemmeno verbalmente e mi ha chiamato solo per la consegna delle chiavi,

senza pagare gli arretrati.

Nel contratto figura "Il conduttore ha facoltà di recedere per gravi motivi dal contratto previo avviso

da recapitarsi a mezzo lettera raccomandata almeno sei mesi prima".

Quali sono le azioni che posso intraprendere per essere risarcito dalla morosità e dal danno economico

per cercare un nuovo inquilino?

grazie

Intanto devi provvedere al versamento di F23 da 67 €. per il recesso anticipato.

 

Per il recupero degli arretrati, del mancato preavviso, di eventuali oneri accessori pendenti o ancora da definire, serve una attenta valutazione costi-benefici.

Il tuo ex-inquillino ha sostanze intaccabili ? Ha una occupazione stabile ? E' lavoratore dipendente ?

Se tutte le risposte sono SI puoi sondare un legale per comprendere quanto l'operazione di tentato recupero ti costerà così da valutare se sia o meno conveniente attivarsi.

Il legale può procedere per decreto ingiuntivo o chiedendo di intaccare il quinto del suo stipendio (se ancora libero da altre obbligazioni).

Saluti 🙂

grazie albano59,

l'inquilino è un extracomunitario con regolare permesso di soggiorno, con famiglia.

Ha un lavoro come muratore, non so quanto stabile e non credo che possegga beni in Italia oltre all'auto.

Nel momento che mi consegnerà le chiavi devo farmi firmare qualche documento che comprova il fatto

di non utilizzare più l'appartamento? Il contratto era con cedolare secca, devo comunque pagare per il recesso anticipato?

per quanto riguarda il Comune, devo comunicare che non è più affittato e cosa accade se l'inquilino non fa subito il cambio

di residenza?

grazie e ciao

Nel momento che mi consegnerà le chiavi devo farmi firmare qualche documento che comprova il fatto

di non utilizzare più l'appartamento? Il contratto era con cedolare secca, devo comunque pagare per il recesso anticipato?

per quanto riguarda il Comune, devo comunicare che non è più affittato e cosa accade se l'inquilino non fa subito il cambio

di residenza?

Al momento della riconsegna delle chiavi gli fai firmare un documento (il classico verbale di riconsegna immobile) in cui, appunto dichiara che a partire dalla data x rrestituisce le chiavi dell'immobile, segue descrizione dello stato in cui riconsegna i locali etc etc. In rete trovi molti esempi.

Se per il contratto hai optato per il regime di cedolare secca devi solo consegnare il mod.69 correttamente compilato con barrata la casella Ris (Risoluzione) all'uffioc dell'AdE dove è stato registrato originariamente il contratto (oppure puoi sperdirlo via raccomandata A/R o tramite posta elettronica certificata). Nessuna tassa è dovuta.

Al comune non devi comunicare niente, è responsabilità dell'inquilino fare la variazione di residenza nel nuovo appartamento che andrà ad occupare. Al limite devi recarti all'ufficio ecologia (o comunque a quello preposto) per chiedere l'esenzione sulla tassa di rimozione dei rifiuti se il tuo comune prevede questa possibilità, ma con le nuove norme non si capisce più niente su come comportarsi a proposito di questa tassa.

×