Vai al contenuto
cimar46

Recesso locazione

buona sera, un contratto di locazione commerciale 6x6 con scadenza 30/6/1014, la ditta conduttrice in data 10/4/2013 mi invia una raccomandata con richiesta di recesso, chiedendomi il consenso a rilasciare il locale il 30/6/2013 anziché il 31/10/2013 ( i sei mesi ). rispondo che da parte mia non ci sono problemi purche' mi riparino dei danni al pavimento "dopodiche' il consenso al recesso alla data del 30/6/2013 e non al 31/10/2013 e' volentieri accordato". a tutt'oggi non ho ricevuto i canoni di locazione né la riparazione del danno. trascorse le ferie , e alla ripresa dei lavori spero di risolvere la cosa . la domanda e': la risoluzione anticipata con il mod f23 e i 67 euro va fatta dalla ditta che ha sede a bologna, mentre il locale trovandosi in penisola sorrentina l'ade competente e' a c/stabia. perdurando la morosita' dal giugno scorso e non avendo ancora avuto riparato il danno, volendo occuparmi io della presentazione della risoluzione all'ade anticipando i 67 euro, temo che questi signori facciano orecchi da mercante. pensate che, non fidandomi, loro possano presentare la risoluzione all'ade di bologna? inoltre, nel caso volessero negarmi la riparazione del danno, potrei rifiutarmi di ricevere la consegna delle chiavi?

La risoluzione va fatta indicando nel f23 il codice dell'ufficio dell'AdE in cui è registrato il contratto. Ricevuta del f23 e mod.69 vanno poi presentati sempre all'ufficio di registrazione originale.

Il fatto di presentare il mod.69 e il pagamento del f23 non significa che necessariamente il contratto è stato concluso. Altrimenti io registro un contratto, do copia all'inquilino e il mese dopo vado a dare disdetta. E' solo una pratica amministrativa.

Serve anche un documento firmato da entrambi in cui si dichiara il termine anticipato della locazione, basta anche il verbale di riconsegna immobile. In caso di contestazione è quello a far fede.

si jerry, ma io avevo posto un paio di quesiti o consigli su come muovermi nel caso che questi signori,trascorsi i canonici sei mesi, non mi avessero corrisposto ne' i restanti pigioni ne' la riparazione dei danni. e se, una volta rotti i rapporti, costringere loro a scendere giu' a c/stabia a presentare la risoluzione all'AdE.

Se trascorsi i sei mesi non ti hanno ne pagato ne risarcito dei danni non ti rimane che intentare causa per riavere i soldi che ti devono. Non puoi costringerli a venire a c/stabbia, la risoluzione la possono benissimo inviare per posta (raccomandata AR con f23 e mod.69) o addirittura inviarla via posta certificata (la famigerata PEC).

Se ti rifiuti di prendere le chiavi ottieni solo che restano in possesso dell'immobile senza continuare a pagarti. Almeno ne riprendi possesso subito e puoi iniziare i lavori di sistemazione per riaffittarlo al più presto. La causa per riavere quanto da loro dovuto puoi sempre farla anche se ti hanno già riconsegnato le chiavi.

per quanto tu possa essere minuzioso nel redigere i contratti di locazione, ti rimangono sempre strascichi. pensa tu se mi conviene fare causa per un mancato pagamento di 4 pigioni corrispondenti a 1000 euro totali! devo solo sperare che alla ripresa dei lavori, per il momento sospesi, riesca a risolvere il tutto. ciao

×