Vai al contenuto
raff89

Recesso del conduttore, Soliderietà del conduttore recedente

Salve a tutti,

Sono uno studente fuori sede (studio in abruzzo ma sono pugliese), gli scorsi anni ho stipulato vari contratti di locazione trovandomi sempre fortunatamente bene, quest'anno purtroppo, io assieme agli altri due inquilini, stiamo vivendo una situazione surreale che coinvolge il quarto inquilino ed il locatario;

Il "quarto" infatti si laureerà a dicembre, noi altri tre come pure il locatario eravamo allo scuro di ciò, ha dato avviso di recesso ed a gennaio se ne andrà.

Quindi da una parte c'è lui che sostiene che essendo un motivo "grave" il fatto di non avere più interesse nello stare qui, non continuerà a pagare dopo gennaio, il locatario che dice "o paga lui o pagate voi la sua parte" e noi che non vogliamo pagare ovviamente.

Quello che vi chiedo è come funziona la solidarietà del conduttore recedente che è citata nel nostro contratto ?

Chi dovrà ocuparsi di trovare un'altro inquilino per il subentro, noi, il recedente o il locatario?

E sopratutto, se non troviamo nessuno chi paga?

Ringrazio in anticipo chiunque risponda !

Scritto da raff89 il 26 Nov 2012 - 15:35:55: Salve a tutti,

Sono uno studente fuori sede (studio in abruzzo ma sono pugliese), gli scorsi anni ho stipulato vari contratti di locazione trovandomi sempre fortunatamente bene, quest'anno purtroppo, io assieme agli altri due inquilini, stiamo vivendo una situazione surreale che coinvolge il quarto inquilino ed il locatario;

Il "quarto" infatti si laureerà a dicembre, noi altri tre come pure il locatario eravamo allo scuro di ciò, ha dato avviso di recesso ed a gennaio se ne andrà.

Quindi da una parte c'è lui che sostiene che essend [...]

Se il contratto è unico ed intestato a tutti 4,avete l'obbligo di pagare anche per quello che va via.Se invece avete un contratto singolo per ognuno di voi, Non avete problemi. Nel caso del contratto collettivo,o trovate Voi un sostituto, oppure andate via tutti.Logicamente, se quello che va via non rispetta gli accordi, potete fargli causa per cercare di recuperare ciò che dovrete pagare per suo conto.

...Beh come immaginavamo siamo nei guai.

Intanto grazie per aver risposto, poi se mi consenti vorrei chiederti; ciò che ci ha fatto pensare, me e gli altri inquilini, è una riga del contratto che dice:

La facoltà(di recesso) è consentita ad uno o più conduttori e, in tal caso da mese dell'intervenuto recesso, la locazione prosegue nei confronti degli altri, FERMA RESTANDO LA SOLIDARIETA' DEL CONDUTTORE RECEDENTE PER I PREGRESSI PERIODI DI CONDUZIONE, ecco è questo che non capisco, solidarietà in cosa se a questo punto ci rimettiamo solo noi!!

Se posso ancora abusare dei tuoi consigli, parlandone col proprietario, anche lui nuovo a questo genere di situazione, ci ha detto che si informerà sulla possibilità o meno che il recedente possa recedere appunto il contratto per la motivazione data,dato che a suo parere non è "grave" in quanto lui già sapeva di doversi laureare, allora, visto che noi di spartirci il suo affitto non se ne parla, sarebbe troppo oneroso, dato che comunque anche le spese sarebbero divise in tre, cosa ci consiglieresti, su che strada puntiamo??

Quando una motivazione può essere definita grave, a tuo parere questa lo è??

Grazie ancora non vorrei sembrare troppo insistente ma è una situazione che ci spaventa un pò!!

Dalla clausola che citi pare che il contratto sia un contrattto transitorio studenti (art 5 com 2).

In che città studi?

Controlla (se disponibili online ) gli accordi territoriali del comune universitario in cui risiedi , alcuni accordi prevedono condizioni differente (migliorative ) in caso di recesso.

Studio all'Aquila.. e si il contratto è di natura transitoria per studenti universitari, infatti è quello standard fornito dai sindacati studenteschi, domani ci rivolgeremo anche a loro per saperne di più, sapresti indicarmi dove trovare gli accordi che dici?

Riguardo alla gravità o meno della causa per cui il ragazzo vuole recedere che puoi dirmi? Possiamo giocare su questo??

Ok ho capito... tanto vale rimboccarci le maniche e cercare di trovare qualcun'altro, comunque per ciò che riguarda la gravità delle motivazioni è stato il locatario stesso ad avanzare l'ipotesi parlandone con noi, evidentemente già al corrente del fatto che il 50% del canone dovesse essere a sue spese (tra l'altro la riga che hai citato è omessa nel nostro contratto, eppure l'intestazione è quella del sindacato studentesco!!), a questo punto però vorrei togliermi l'ultimo dubbio, il fatto che un conduttore receda il contratto e che noi altri ci troveremmo a dover pagare una quota parte in più potrebbe essere considerato motivo di recesso da parte dei restanti per poter recedere anche noi il contratto stesso?? visto che mi è stato consigliato in precedenza di andarcene tutti??

Scritto da raff89 il 26 Nov 2012 - 19:50:43: a questo punto però vorrei togliermi l'ultimo dubbio, il fatto che un conduttore receda il contratto e che noi altri ci troveremmo a dover pagare una quota parte in più potrebbe essere considerato motivo di recesso da parte dei restanti per poter recedere anche noi il contratto stesso?? visto che mi è stato consigliato in precedenza di andarcene tutti??

certamente si.

il recesso di un co-conduttore è per voi grave motivo per recedere e rientra pienamente nella definizione di greve motivo che ti ho esposto sopra. Ovviamente dovete rispettare il preavviso di 3 mesi che parte dal momento in cui il locatore riceve la vosta raccomandata con la data di recesso.

Ok, Vi ringrazio enormemente, siete stati molto esaustivi, ho trovato questo forum davvero uno strumento utile e facilmente utilizzabile, il servizio che offrite è molto importante, anche se spero di non dover più scrivervi ed implicitamente di non aver più problemi di questo tipo!!

Ancora una volta grazie dei consigli!!

×