Vai al contenuto
Loigi

Recesso anticipato (aiuto)

Buongiorno,
i miei genitori sono in affitto con regolare contratto 4+4 con prima scadenza dei 4 anni il 28 febbraio 2023. Pagamenti regolari sia di affitto che di condominio.

Il locatore ha inviato raccomandata a marzo 2022 con richiesta di lasciare l'immobile il 30 ottobre 2022 per esigenze abitative del figlio.

Nel frattempo ha inviato agenzia con clienti ed ha venduto la casa. Da quel momento (fine giugno) ha inviato diversi messaggi "deve liberare l'appartamento". I miei hanno chiesto se possibile posticipare di almeno due mesi e pagare giustamente l'affitto al nuovo locatore.

Non c'è stato verso.

Sostiene di essere in regola e di aver registrato la conclusione del contratto all'agenzia dell'entrate (senza nessuna firma da parte nostra) e che l'appartamento dovrà essere liberato per il 30 ottobre perché serve al nuovo proprietario.

In più ha chiesto di fotografare i mobili da vendere perché deve liberare l'appartamento per il nuovo proprietario. Lasciando quasi intendere (ma non ho certezza) che passerà prima del 30 ottobre e i vestiti in una scatola. Tutto questo con un pressing mentale di messaggi e visite stressanti in cui ripete che occorre lasciare appartamento (aspetto che mi fa più incavolare).

Da quel che ricordo delle leggi in merito, mi sembra una follia. Però sono pronto ad imparare e chiedo un vostro parere. E nel caso quale potrebbe essere l'azione migliore da compiere per difendersi.

 

Modificato da Loigi

La disdetta del contratto del proprietario non è valida ed è priva di alcun fondamento legale, se risponde al vero che ha ha chiesto la riconsegna dell'immobile perchè lo ha venduto a terzo.
La vendita dell'immobile è possibile, ma il contratto di locazione dei tuoi genitori proseguirà immutato almeno fino alla prima scadenza naturale (febbraio 2023); per i tuoi genitori cambierà solo il proprietario a cui saldare l'affitto mensile.

Troppo complicato e rischioso gestire ed agire autonomamente.
Rivolgiti immediatamente ad un legale presentandoti con il contratto di locazione e la disdetta ricevuta dai tuoi genitori e conferisci a lui l'incarico di rappresentare i tuoi genitori e la risoluzione del problema.

  • Mi piace 1
albano59 dice:

La disdetta del contratto del proprietario non è valida ed è priva di alcun fondamento legale, se risponde al vero che ha ha chiesto la riconsegna dell'immobile perchè lo ha venduto a terzo.
La vendita dell'immobile è possibile, ma il contratto di locazione dei tuoi genitori proseguirà immutato almeno fino alla prima scadenza naturale (febbraio 2023); per i tuoi genitori cambierà solo il proprietario a cui saldare l'affitto mensile.

Troppo complicato e rischioso gestire ed agire autonomamente.
Rivolgiti immediatamente ad un legale presentandoti con il contratto di locazione e la disdetta ricevuta dai tuoi genitori e conferisci a lui l'incarico di rappresentare i tuoi genitori e la risoluzione del problema.

Grazie

Il vecchio proprietario ha venduto e quindi non ha nessun diritto di dire ai tuoi genitori quello che devono o non devono fare. I tuoi si devono rapportare unicamente col nuovo proprietario che ha acquistato un immobile gravato da un contratto di affitto. Se i tuoi decidono di essere accondiscendenti verso il nuovo proprietario e lasciare l’immobile prima della scadenza, possono accordarsi su una “buonuscita” che compensi il disagio di un trasloco non previsto, il costo dell’avvocato a cui rivolgersi subito (come suggerito da albano59), il costo della cucina, che difficilmente si potrà riadattare, il costo degli ansiolitici, …

Se è vero che il costo di mercato di un immobile occupato è circa il 20% in meno rispetto all’immobile libero, una buonuscita di alcune migliaia di euro potrebbe essere ragionevole. Una mia conoscente è riuscita a spuntarne 15.000 e se all’inizio della faccenda era angosciata, alla fine era felice per la bella somma che era riuscita a lucrare, con la quale ha estinto anticipatamente il mutuo dell’auto.

madly dice:

Il vecchio proprietario ha venduto e quindi non ha nessun diritto di dire ai tuoi genitori quello che devono o non devono fare. I tuoi si devono rapportare unicamente col nuovo proprietario che ha acquistato un immobile gravato da un contratto di affitto. Se i tuoi decidono di essere accondiscendenti verso il nuovo proprietario e lasciare l’immobile prima della scadenza, possono accordarsi su una “buonuscita” che compensi il disagio di un trasloco non previsto, il costo dell’avvocato a cui rivolgersi subito (come suggerito da albano59), il costo della cucina, che difficilmente si potrà riadattare, il costo degli ansiolitici, …

Se è vero che il costo di mercato di un immobile occupato è circa il 20% in meno rispetto all’immobile libero, una buonuscita di alcune migliaia di euro potrebbe essere ragionevole. Una mia conoscente è riuscita a spuntarne 15.000 e se all’inizio della faccenda era angosciata, alla fine era felice per la bella somma che era riuscita a lucrare, con la quale ha estinto anticipatamente il mutuo dell’auto.

Grazie.
Tra l'altro i mobili sono i suoi ed è questa la cosa più assurda (venderli mentre ci sono i miei genitori). 

e avendo locato la casa con mobilio che succede al mobilio?

nel senso quello è del vecchio proprietario ma ora si deve rapportare col nuovo proprietario

 

 

 

Il mobilio farebbe parte dell'appartamento locato a @Loigi
Fin che resta Loigi dovrebbe rimanere anche il mobilio...

albano59 dice:

Il mobilio farebbe parte dell'appartamento locato a @Loigi
Fin che resta Loigi dovrebbe rimanere anche il mobilio...

Si dovrebbe... salvo altre "minacce" infondate

A maggior ragione rivolgiti ad un legale: il proprietario ha bisogno di esser raddrizzato da qualcuno che per lui rappresenti uno spauracchio.

  • Mi piace 1

 

albano59 dice:

A maggior ragione rivolgiti ad un legale: il proprietario ha bisogno di esser raddrizzato da qualcuno che per lui rappresenti uno spauracchio.

Si, senza dubbio.

×