Vai al contenuto
ciz

Rappresentante in Supercondominio - secondo voi potevano farlo ?

Su richiesta del portiere trasmessa attraverso l'Amministratore i nostri Rappresentanti al Supercondominio hanno cambiato l'orario di servizio cioè egli incomincia un' ora prima e quindi termina un'ora prima. Tutto ciò senza aver sentito il parere dei condòmini dei singoli plessi che l'orario lo avevano deciso in assemblea plenaria ancor prima che nascesse il ruolo di Rappresentante. Secondo voi potevano farlo ? rientrava nelle loro prerogative ?

La regolamentazione dell'orario del servizio di portierato appartiene senz'altro alla categoria delle decisioni "ordinarie" e quindi fa parte delle attribuzioni in capo ai rappresentanti (ex art. 67 dacc). Questi però avrebbero dovuto essere convocati in assemblea per deliberare in merito e avrebbero dovuto, preventivamente, raccogliere le indicazioni di voto presso ciascuno dei loro condomini.

La regolamentazione dell'orario del servizio di portierato appartiene senz'altro alla categoria delle decisioni "ordinarie" e quindi fa parte delle attribuzioni in capo ai rappresentanti (ex art. 67 dacc). Questi però avrebbero dovuto essere convocati in assemblea per deliberare in merito e avrebbero dovuto, preventivamente, raccogliere le indicazioni di voto presso ciascuno dei loro condomini.
Perfettamente d'accordo, i rappresentanti devono seguire le direttive del loro condominio che essi rappresentano in sede di assemblea del supercondominio e non decidere a capocchiam.

Vi ringrazio, così dovrebbe essere, ma loro si sentono ormai i gestori del comprensorio vuoi perchè dicono che non hanno il tempo di sentire i condòmini ( non hanno voglia !!! sono in cinque ) vuoi perchè lo ritengono di loro iniziativa noi ci troviamo con l'orario cambiato senza neppure averne discusso. Mi si obietterà cambiate il Rappresentante !! fosse così semplice con il quorum necessario per una nuova nomina. L'iniziativa non era una scelta di servizio che andava incontro a migliori sviluppi condominiali ma semplicemente una comodità per il portiere di uscire un'ora prima. Possiamo opporci a questa decisione che ne dite ?

E' un fatto che il cambiamento dell'orario del servizio di portierato sia stato deciso illecitamente al di fuori di un'assemblea. Andrebbe segnalato all'amministratore di condominio chiedendo di provvedere quanto prima ad ufficializzare la cosa in assemblea.

 

Sul "potere" dei rappresentanti vale la pena leggere attentamente quanto dispone l'art.67 dacc nel merito:

 

Il rappresentante risponde con le regole del mandato e comunica tempestivamente all’amministratore di ciascun condominio l’ordine del giorno e le decisioni assunte dall’assemblea dei rappresentanti dei condominii.

 

Il rappresentante quindi opera in virtù di un mandato. Il mandante (l'assemblea di condominio) istruisce quindi il mandatario (il rappresentante) in merito a ciò che deve riportare e VOTARE all'assemblea di supercondominio, e il rappresentante informa l'assemblea mediante l'amministratore, sia sui punti all'odg che sulle decisioni prese.

 

E' pertanto l'assemblea che istruisce il rappresentante il quale, come tale, DEVE RAPPRESENTARE il desiderio assembleare.

 

Prima che l'amministratore di supecondominio convochi l'assemblea (se accetterà di ufficializzare la cosa) fate in modo che i vari condominii convochino la loro assemblea, nella quale impartire le istruzioni ai propri rappresentanti in modo da determinare il loro voto nell'assemblea di supercondominio. Nel caso in cui non si comportino come pattuito credo che non avrete problemi a sostituirli.

×