Vai al contenuto
Nick94

Radici della pianta nell'orto del vicino

Buon giorno.

Abbiamo una pianta di notevoli dimensioni (ha 30 anni) collocata a distanza regolamentare dal confine e due anni fa abbiamo provveduto ad un robusto taglio delle radici che "invadevano" l'orto del vicino. Ora lo stesso ci ha inviato raccomandata, minacciando il ricorso alle vie legali, lamentando il rinnovarsi dell'inconveniente. Secondo il nostro giardiniere, l'unica soluzione è l'abbattimento della pianta (si tratta di specie non protetta) e sostituzione con altra, ma alcuni condomini hanno manifestato opposizione a questo, senza però suggerire soluzioni alternative. Esiste giurisprudenza in merito? Aggiungo anche che il vicino si è sempre lamentato delle foglie che cadono sulla sua proprietà (ma in una stagione dove le coltivazioni sono sospese). Grazie.

Legalmente il vicino ha ragione avendo dalla sua il disposto dell'art 896 c.c.

Quanto dicono i condomini lascia il tempo che trova... loro non subiscono alcun provvedimento legale qualora il vicino procedesse tramite avvocato.

.

Grazie, come temevo. Devo, però, concludere che sto' signore è un autentico strarompi..... Problemi per le foglie (che sono guidate soprattutto dal vento) e per le radici che abbiamo tagliato due anni fa. Lo abbiamo autorizzato a tagliarle lui (non si parla di una invasione, ma di due o tre l'anno con l'apice di dimensioni modestissime) e lui ci chiede l'indennizzo per "l'impegno". Addirittura ci ha "consigliato" di erigere un muretto di circa sette metri, come se le radici non fossero in grado di trovare passaggi alternativi. Anche per questo da parte di alcuni condomini è quasi giustificata la tentazione di mandarlo a quel posto........

Buona giornata.

×