Vai al contenuto
Alterego1983

"Varie ed eventuali" in assemblea: come funzionano?

Salve a tutti,

 

in passato avevo letto su questo forum che tutte le cose discusse nel punto dell'ordine del giorno "Varie ed eventuali" in assemblea non possono essere votate immediatamente.

 

1) È vero?

 

Supponiamo che nell'assemblea ordinaria di inizio anno (gennaio) un inquilino abbia sollevato il problema, nel punto varie ed eventuali, di un muro scrostato lungo le scale. Supponiamo che sia stato deciso di valutare alcuni preventivi per l'imbiancatura. Ora, a distanza di tot mesi ci sono stati forniti tutti i preventivi.

 

Poi come funziona?

 

Bisogna fare un'altra assemblea (straordinaria) per decidere quale preventivo scegliere? Si aspetta fino alla prossima assemblea ordinaria? Oppure basta che ognuno comunichi all'amministratore la propria scelta e poi vedrà lui qual è quella scelta dalla maggioranza e farà partire i lavori?

 

Com'è la prassi?

Grazie per la risposta velocissima!

 

Quindi o si aspetta la prossima assemblea ordinaria, o se ne convoca una apposta.

Esatto.

Nulla la delibera per varie ed eventuali. Tribunale di Napoli, 11luglio 2002, n. 11201

E' nulla la delibera relativa ad argomenti assunti sotto la voce «varie ed eventuali» dell'ordine del giorno indicato nell'avviso di convocazione.

Tale formula, infatti, stante la sua genericità ed insignifìcanza, non è idonea a conseguire l'obbiettivo della preventiva informazione dei condomini richiesta ex art. 1105 c.c. per la validità delle deliberazioni assunte dalla maggioranza.

La formula « varie ed eventuali » che nella prassi si usa inserire come ultimo argomento dell' ordine del giorno, inoltre,è di regola riservato a mere «comunicazioni» che in assemblea intende fare l'amministratore o qualche condomino su argomenti di ordinaria amministrazione e non prelude ad alcuna deliberazione la quale, al massimo, può essere rinviata ad seduta, previa idonea informazione del suo oggetto.

Nulla la delibera per varie ed eventuali. Tribunale di Napoli, 11luglio 2002, n. 11201
Ora la Giurisprudenza ha cambiato indirizzo, ed una delibera approvata nelle "varie ed eventuali" è annullabile nei termini dell'art. 1137 cc. e non più nulla (Cassazione civile a Sezioni Unite, con sentenza 4806 del 7 marzo 2005), mio parere personale era meglio come era prima, cioè nulla.

Perdonatemi l'ignoranza in materia... annullabile significa che rimane valida ed effettiva finché qualcuno non fa qualcosa per annullarla? Tipo impugnare quel punto dell'assemblea?

Mi risulta a proposito del varie ed eventuali inerito all'O.G.. che la Corte di Cassazione in sede civile con sentenza n°23903 ha precisato che se l'argomento non è precisato su richiesta di un Condomino al massimo si può discutere in modo informale,preparatorio,programmatico e interlocutorio e per il controllo dei Condomini. Sarebbe un modo per evadere la richiesta avanzata da un Condomino di inserimento un suo argomento all'O-G. respinta senza giustificazione valida da parte dell'amm/re. Rimango in attesa di vostre cortesi risposte 

armando1933 dice:

Mi risulta a proposito del varie ed eventuali inerito all'O.G.. che la Corte di Cassazione in sede civile con sentenza n°23903 ha precisato che se l'argomento non è precisato su richiesta di un Condomino al massimo si può discutere in modo informale,preparatorio,programmatico e interlocutorio e per il controllo dei Condomini. Sarebbe un modo per evadere la richiesta avanzata da un Condomino di inserimento un suo argomento all'O-G. respinta senza giustificazione valida da parte dell'amm/re. Rimango in attesa di vostre cortesi risposte 

Grazie per il tuo contributo ma sarebbe opportuno aprire una nuova discussione.

Questa è del 2015.

Grazie

 

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×