Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
danielm1678

Quesito su ripartizione spese morosi

Salve, mi chiamo daniele e scrivo per la prima volta sul forum, con la speranza che qualcuno possa fare chiarezza su un punto per me poco convincente.

Abito in un condominio con poche famiglie, circa otto, all'ultimo piano, assimilabile ad un'attico.

Negli ultimi anni si sono manifestate, soprattutto negli appartamenti adiacenti al mio, delle infiltrazioni di acqua dovute alla inefficace impermeabilizzazione del tetto e, a detta di chi ha effettuato il sopralluogo, di molte tegole da sostituire.

L'attuale amministratore ha quindi attenzionato alcune ditte, e si è arrivati ad un'offerta.

Il problema risiede nel fatto che due condomini, proprietari di tre appartamenti, e la loro società, intestataria dei magazzini commerciali posti sotto, non pagano neanche le quote condominiali ordinarie.

L'amministratore, per farla breve, non potendo attaccare nessun bene dei succitati, ci dice che la legge prevede che la spesa non coperta vada in capo ad uno dei condomini previo sorteggio. Il condomino poi si potrà rifare sul condominio.

E' cosi?

 

Grazie in anticipo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

?!?!

fatti dire (e poi facci sapere) quale articolo del codice civile prevede questa "riffa" in cui chi vice paga per tutti ...

oppure digli che anticipasse lui e poi si rifarà sul condominio ...

forse l'ha letta su topolino ?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

L'amministratore, per farla breve, non potendo attaccare nessun bene dei succitati, ci dice che la legge prevede che la spesa non coperta vada in capo ad uno dei condomini previo sorteggio. Il condomino poi si potrà rifare sul condominio.

E' cosi?

Ne ho sentite di tutti i colori ma una baggianata simile non mi era ancora mai successo di sentirla.

Visto che lo dice "la Legge", fatti citare dall'amministratore l'articolo di Legge che lo dice.

 

Al massimo, in caso di pregiudizio all'edificio, può essere costituito un fondo straordinario per sopperire provvisoriamente alle quote dei morosi.

Il fondo dovrà essere deliberato con la maggioranza di almeno 500 millesimi e dovrà essere costituito per millesimi di proprietà tra tutti i condòmini "virtuosi".

Ai condòmini che non vorranno costituire il fondo deliberato può essere fatt decreto ingiuntivo per la propria quota.

 

NON ESISTE IL SORTEGGIO CHE OBBLIGA UNO A PAGARE PER TUTTI, SALVO RIVALSA.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

stabilita la cifra e la scadenza del pagamento, ai morosi si farà il decreto ingiuntivo ed eventualmente l'impresa creditrice citerà i condomini morosi e da ultimo il condominio ...

se i virtuosi vogliono pagare al posto dei morosi serve l'unanimità (1000/1000).

oppure si costituisce un fondo morosi apposito dove i virtuosi verseranno al posto dei morosi per poi vedersi restiyuire dette cifre all'atto della riscossione delle quote versate dai morosi (anche forzosamente)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
L'amministratore, per farla breve, non potendo attaccare nessun bene dei succitati, ci dice che la legge prevede che la spesa non coperta vada in capo ad uno dei condomini previo sorteggio. Il condomino poi si potrà rifare sul condominio.

E' cosi?

L'amministratore per farla breve faccia quello che deve fare, cioè se non pagano con le buone, deve agire contro i morosi, e beni da attaccare ci sono eccome, anche le stesse proprietà dei condomini morosi, ossia se non pagano con il Decreto Ingiuntivo (1° passo), si va alla seconda fase cioè il pignoramento dei beni appartamenti compresi.

Mi permetto un consiglio, sostituite quanto prima questo amministratore che non conosce il suo lavoro, il sorteggio lo vada a fare a casa sua giocando con i nipotini ....

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
... se non pagano con le buone, deve agire contro i morosi, e beni da attaccare ci sono eccome ....

Io ho preso per buone le parole dette da danielm1678 che riporto testualmente:

"L'amministratore, per farla breve, non potendo attaccare nessun bene dei succitati..."

 

quindi presumo che sia già tutto pignorato da creditori privilegiati ma c'è comunque urgenza di riparare il tetto e difficilmente un'impresa eseguirà il lavoro senza farsi pagare anticipatamente, sapendo che ci sono morosi che non potranno essere escussi.

 

Sicuramente un amministratore che si inventa il sorteggio è da revocare immediatamente ma se non è possibile recuperare le quote dei morosi ne con decreto ingiuntivo ne con vendita all'asta degli immobili (dai 3 ai 5 anni e non meno di 5mila euro di spese legali da anticipare) non si può certo lasciare il tetto con infiltrazioni e continuare a procurare danni ai condòmini sotto il tetto.

 

A mio avviso due le cose urgenti:

1) revocare l'ammministratore

2) creare un fondo e riparare il tetto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

si, il fatto della mancanza di beni da poter "attaccare" esiste, per gli immobili, per la società bisogna mettersi in coda a banche, dipendenti, fornitori.....

L'impresa, anche conoscendo la situazione (la città è piccola), giustamente vuole essere pagata in anticipo.

Capisco la difficoltà della situazione ma, quando ha parlato di sorteggio, veramente non ho creduto alle mie orecchie.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ciao

 

parli di società. Quindi c'è il fallimento richiesto da banche, operai ecc.... e quindi c'è un curatore fallimentare.

 

Se è così, lui ha l'obbligo della conservazione del bene, e quindi se i lavori sono necessari, deve costituire il fondo a tale scopo facendosi autorizzare.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

la società è titolare solo dei magazzini commerciali

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Io ho preso per buone le parole dette da danielm1678 che riporto testualmente:

"L'amministratore, per farla breve, non potendo attaccare nessun bene dei succitati..."

 

quindi presumo che sia già tutto pignorato da creditori privilegiati

Lo sai bene, io non mi baso sulle ipotesi, ha avuto la sicurezza che era già tutto pignorato solamente dopo che danielm1678 ha postato questo;
si, il fatto della mancanza di beni da poter "attaccare" esiste, per gli immobili, per la società bisogna mettersi in coda a banche, dipendenti, fornitori.....
Mi spiace Leonardo, ma non possiedo la sfera di vetro per conoscere quello che non è stato scritto.
Capisco la difficoltà della situazione ma, quando ha parlato di sorteggio, veramente non ho creduto alle mie orecchie.
Di all'amministratore che il sorteggio lo potrà fare a casa con i nipotini ...., nelle normative di Legge per il condominio non esiste nulla del genere e se la ditta farà FLOP non rimanendo nulla per il condominio, purtroppo tutti i condomini dovranno quota parte contribuire a quanto la ditta ha lasciato di scoperto sul dovuto al condominio, eventualmente si può anticipare con un fondo (già detto da altri forumisti), per evitare D.I. a carico del condominio dai fornitori.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Io farei partecipare tutti i condòmini al gioco tv "Caduta Libera" e farei pagare solo quelli che cadono prima, salvaguardando ovviamente gli ultimi che rimarranno, però farei partecipare anche l'amministratore 😉

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×