Vai al contenuto
OrazioP

Quesiti su 50% casa singola e 110% su palazzina condominio

OrazioP dice:

Per quanto riguarda L’IVA per il fotovoltaico è al 10%?

Si.

Grazie @Danielabi

 

Ma la via crucis continua...

Settimana scorsa pensavo di aver tutto pronto quando il tecnico a sorpresa mi mette al corrente di un piccolo grande dettaglio: dice che essendo un tipo di impianto che vorremmo fare nell'appartamento condominiale un sistema a isola (off-grid) con accumulo che non prevede lo scambio con GSE esso non può essere asseverabile perché contrario CEI-201. Dice dove ci sono contatori Enel bisogna necessariamente predisporre lo scambio con GSE. Voi ne sapete qualcosa?

Grazie mille sempre per il supporto.

🙄 quando si installa un impianto fotovoltaico è sempre necessario coinvolgere il GSE, pero', mi risulta che sia possibile scegliere fra scambio sul posto e ritiro dedicato (se si tratta di detrazione al 50%), ma non ho esperienza in fatto di fotovoltico, penso che @condo77 possa darti piu' informazioni.

Danielabi dice:

🙄 quando si installa un impianto fotovoltaico è sempre necessario coinvolgere il GSE, pero', mi risulta che sia possibile scegliere fra scambio sul posto e ritiro dedicato (se si tratta di detrazione al 50%), ma non ho esperienza in fatto di fotovoltico, penso che @condo77 possa darti piu' informazioni.

Confermo quanto detto dal tecnico e da Daniela: per essere agevolato l'impianto FV deve essere connesso alla rete elettrica e censito sul portale GSE.

Lo scambio sul posto non è accessibile a chi usufruisce del 110%: solo ritiro dedicato.

Invece chi usufruisce del 50% può fare lo scambio sul posto, che è più conveniente rispetto al ritiro dedicato.

  • Grazie 1

Grazie del chiarimento @condo77, ricordo che oltre ai costi fissi del contatore Enel ci fossero altri costi per la cessione dell'energia, questi ultimi sono verso Enel o il GSE?

Giusto per curiosità ma allora gli impianti off-grid dove sono previsti/agevolati ammesso che lo siano?

 

Potresti indicarmi la normativa di riferimento così già che ci sono do un occhiata anche a questa e poi posso aprire anch'io un negozio di impianti FV 😀 

OrazioP dice:

Grazie del chiarimento @condo77, ricordo che oltre ai costi fissi del contatore Enel ci fossero altri costi per la cessione dell'energia, questi ultimi sono verso Enel o il GSE?

Giusto per curiosità ma allora gli impianti off-grid dove sono previsti/agevolati ammesso che lo siano?

 

Potresti indicarmi la normativa di riferimento così già che ci sono do un occhiata anche a questa e poi posso aprire anch'io un negozio di impianti FV 😀 

Sai che dopo aver scritto quanto sopra mi sono venuti dei dubbi?

L'impianto off-grid non può accedere al 110%, questo è certo, visto che la norma prevede la cessione obbligatoria dell'energia non autoconsumata al GSE.

Però per il 50% non trovo prescrizioni esplicte e diversi siti riportano invece che anche gli off-grid possono essere agevolati.

Insomma, per me questione aperta, si torna al via.

OrazioP dice:

Che fare dunque, procedo con l'off-grid? Che confusione!!

Ma perché off-grid? L'edificio non è servito dalla rete elettrica?

Si certo. E' per evitare i costi aggiuntivi per la cessione dell'energia e francamente avere l'energia prodotta pagata a 0.1 al kW quando Lorsignori la fanno pagare a 0.45, onestamente..

OrazioP dice:

Si certo. E' per evitare i costi aggiuntivi per la cessione dell'energia e francamente avere l'energia prodotta pagata a 0.1 al kW quando Lorsignori la fanno pagare a 0.45, onestamente..

Quali costi aggiuntivi?

Se l'impianto non è minuscolo, conviene cedere.

Attualmente in regime di ritiro dedicato pagano 0,44 €/kWh.

In regime di scambio sul posto non so, ma dovrebbe essere più conveniente, non meno.

condo77 dice:

Quali costi aggiuntivi?

Sapevo di costi di gestione o di accesso alla cessione, ma potrei sbagliarmi.

 

condo77 dice:

Attualmente in regime di ritiro dedicato pagano 0,44 €/kWh.

Mi sembra un ottimo prezzo. Online leggo di costo medio 0.15 €/kWh. Ma allora perchè tutti si lamentano e sconsigliano la cessione?

Buongiorno a tutti,

 

stamattina il tecnico alla mia richiesta di portare la potenza dell'impianto a 8 kW in modo da poter avere un buon rendimento anche nel periodo invernale mi mette al corrente di quest'altra chicca: "la potenza del fotovoltaico dev’essere la medesima del contratto di fornitura e viceversa."

 

Quindi se metto 8 kW devo stipulare un contratto con la società di fornitura di 8 kW? Veramente? @condo77 tu ne sai qualcosa?

 

Grazie mille per il supporto!!

OrazioP dice:

Buongiorno a tutti,

 

stamattina il tecnico alla mia richiesta di portare la potenza dell'impianto a 8 kW in modo da poter avere un buon rendimento anche nel periodo invernale mi mette al corrente di quest'altra chicca: "la potenza del fotovoltaico dev’essere la medesima del contratto di fornitura e viceversa."

 

Quindi se metto 8 kW devo stipulare un contratto con la società di fornitura di 8 kW? Veramente? @condo77 tu ne sai qualcosa?

 

Grazie mille per il supporto!!

Solo se vuoi fare l'iter semplificato di registrazione con fornitore/Terna/GSE.

Se fai l'iter ordinario, non c'è questo vincolo.

Inoltre la potenza non è quella dei pannelli ma quella dell'inverter; io p.e. sto mettendo 8,25 kW di pannelli ma inverter da 6 kW, quindi se voglio fare l'iter semplificato (voglio) allora devo portare la potenza del contatore a 6 kW (appena richiesto).

In futuro chiederò di abbassare nuovamente la potenza, perché più di 3-4 kW non mi servono.

La materia continua ad infittirsi, approfondisco e chiederò anche lumi al tecnico su tutto ciò. Grazie mille @condo77

 

condo77 dice:

Se l'impianto non è minuscolo, conviene cedere.

Comunque si, facendo due conti alla fine ho pensato che anche se per brevi periodi meglio cedere che sprecarla l'energia prodotta.

 

condo77 dice:

Attualmente in regime di ritiro dedicato pagano 0,44 €/kWh.

Ma veramente pagano tanto? Dove sta il trucco?

OrazioP dice:

Ma veramente pagano tanto? Dove sta il trucco?

Nessun trucco, prezzo di mercato. Ora siamo a 0,35 €/kWh.

condo77 dice:

Nessun trucco, prezzo di mercato. Ora siamo a 0,35 €/kWh.

Sia SSP che RID? E' possibile vedere le quotazioni da qualche parte?

 

Altro dettaglio che mi ha fatto cadere dal pero: oggi ho parlato con il tecnico, mi ha detto che prima di procedere col bonifico parlante bisogna aprire una CILA in quanto sulla fattura deve esserci specificato il numero ad essa corrispondente. 😅

OrazioP dice:

Sia SSP che RID? E' possibile vedere le quotazioni da qualche parte?

 

Altro dettaglio che mi ha fatto cadere dal pero: oggi ho parlato con il tecnico, mi ha detto che prima di procedere col bonifico parlante bisogna aprire una CILA in quanto sulla fattura deve esserci specificato il numero ad essa corrispondente. 😅

Che sulla fattura debba essere indicato il numero della Cila non sta scritto da nessuna parte. E' chiaro che è un elemento in piu' che identifica l'intervento, ma non è elemento essenziale. Ma ormai è diventata leggenda...

Danielabi dice:

Ma ormai è diventata leggenda...

Non mi sorprende. Ma mi guardo bene dal fare ostruzionismo, quei pochi tecnici che si occupano di cessioni al momento sono saturi di lavoro.

 

Ma la CILA è un passo obbligato o no? Dovrà essere fatta ad un certo punto? Curiosità..

 

OrazioP dice:

Ma la CILA è un passo obbligato o no?

Sì, CILAS specifica per il superbonus.

condo77 dice:

Sì, CILAS specifica per il superbonus. 

Io tenterò il 50% ma penso la sostanza sia quella.

 

Riguardo il discorso dell'iter ordinario e semplificato per il GSE il tecnico mi dice che chi a sua volta si occupa per lui di portare avanti le pratiche per il censimento al GSE insiste nel dire che la pratica venga respinta dal GSE a meno che non si modifichi il contratto di fornitura equiparandolo alla potenza dell'inverter. Possibilmente vorrà evitare di avventurarsi in nuove e inesplorate avventure burocratiche. Che fare?

Modificato da OrazioP
OrazioP dice:

Io tenterò il 50% ma penso la sostanza sia quella.

 

Riguardo il discorso dell'iter ordinario e semplificato per il GSE il tecnico mi dice che chi a sua volta si occupa per lui di portare avanti le pratiche per il censimento al GSE insiste nel dire che la pratica venga respinta dal GSE a meno che non si modifichi il contratto di fornitura equiparandolo alla potenza dell'inverter. Possibilmente vorrà evitare di avventurarsi in nuove e inesplorate avventure burocratiche. Che fare?

Io ho adeguato la potenza per poter fare l'iter semplificato.

 

condo77 dice:

Io ho adeguato la potenza per poter fare l'iter semplificato.

Questa è sicuramente una opzione specie se il tecnico sa fare solo questa.

E' possibile in futuro ridurre nuovamente la potenza o si è vincolati a mantenere il contratto in quel modo? O per assurdo addirittura chiudere per qualunque ragione il contratto con GSE o col gestore della fornitura?

 

Tra l'altro mi dovrei informare col gestore se l'aumento di potenza comporta costi di gestione e tariffe fisse più alte.

OrazioP dice:

E' possibile in futuro ridurre nuovamente la potenza o si è vincolati a mantenere il contratto in quel modo?

E' possibile a quanto ho capito ed io lo farò. Serve solo per poter fare l'iter semplificato.

OrazioP dice:

O per assurdo addirittura chiudere per qualunque ragione il contratto con GSE o col gestore della fornitura?

Nel caso l'impianto sia fatto con il superbonus devi cedere la corrente al GSE, poi non so se in futuro potrai  trasformarlo in un impianto off-grid (a che pro?).

OrazioP dice:

Tra l'altro mi dovrei informare col gestore se l'aumento di potenza comporta costi di gestione e tariffe fisse più alte.

Sì, paghi un tot a kW (23-24 €/anno ca.).

Modificato da condo77
×