Vai al contenuto
Alesiddi

Quando e obbligatorietà conto corrente condominiale e pratiche di contabilità

Salve a tutti, dove abito ci troviamo a turnarci come rappresentanti del nostro condominio di 5 unità e ci segnaliamo regolarmente all'agenzia delle entrate. Vorremmo aprire un conto in quanto sappiamo che dovendo fare dei lavori le somme devono da li transitare. Vorrei chiedere se questo è obbligatorio anche per noi che non abbiamo amministratore. Inoltre, c'è qualche contabilità da seguire, oppure dichiarazione da fare a fine anno? Non avendo mai da fatto lavori non abbiamo mai fatto nulla di ciò. Potreste spiegarmelo con passo per passo? 

l'apertura del conto corrente è un obbligo che spetta all'amministratore, se non non avete amministratore e vi gestite a turno come facenti funzioni analoghe a quelle dell'amministratore, non avete nessun obbligo di apertura.

 

art. 1129 c.c.

L'amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per il tramite dell'amministratore, può chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica.

JOSEFAT dice:

l'apertura del conto corrente è un obbligo che spetta all'amministratore, se non non avete amministratore e vi gestite a turno come facenti funzioni analoghe a quelle dell'amministratore, non avete nessun obbligo di apertura.

 

art. 1129 c.c.

L'amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per il tramite dell'amministratore, può chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica.

Grazie, e se si deve pagare degli artigiani per il condominio in quanto il condominio è esistente? Nemmeno così c'è obbligatorietà del passaggio delle somme? Per la contabilità che chiedevo nel post di apertura?? 

Alesiddi dice:

Grazie, e se si deve pagare degli artigiani per il condominio in quanto il condominio è esistente? Nemmeno così c'è obbligatorietà del passaggio delle somme? Per la contabilità che chiedevo nel post di apertura?? 

se vi gestite da soli senza nomina di nessun amministratore, sia esterno che scelto tra voi condomini,  non siete obbligati.

Perdona ma non capisco. Noi a turno andiamo all'agenzia delle entrate e registriamo il nostro nominativo al codice fiscale del condominio, quindi si che turniamo. E poi come si dovrebbe fare in questa ipotesi a pagare deu lavori in nome del condominio se non con un conto a suo nome? La contabilità? 

Alesiddi dice:

Perdona ma non capisco. Noi a turno andiamo all'agenzia delle entrate e registriamo il nostro nominativo al codice fiscale del condominio, quindi si che turniamo. E poi come si dovrebbe fare in questa ipotesi a pagare deu lavori in nome del condominio se non con un conto a suo nome? La contabilità? 

se vi gestite a turno come amministratori, perché regolarmente nominati dall'assemblea siete obbligati ad aprire anche il c/c se al contrario vi gestite senza essere stati nominati amministratore, non avete alcun obbligo, anche se in ogni caso è oportuno che venga aperto un conto corrente, ma la legge obbliga solo l'ammnistratore.  

JOSEFAT dice:

se vi gestite a turno come amministratori, perché regolarmente nominati dall'assemblea siete obbligati ad aprire anche il c/c se al contrario vi gestite senza essere stati nominati amministratore, non avete alcun obbligo, anche se in ogni caso è oportuno che venga aperto un conto corrente, ma la legge obbliga solo l'ammnistratore.  

Bene... Il mio dubbio sorge perché il condomino nominato regolarmente in assemblea e all'agenzia, non viene eletto Amministratore ma Rappresentante, in quanto non lo fa per mestiere e lo può essere solo chi lo fa per mestiere, infatti non ha gli obblighi e le mansioni di un Amministratore professionista. Chiedevo in questo caso. Dove comunque i soldi devono transitare e il condominio esiste ed è registrato. A ciò aggiungo e chiedo pure per la contabilità 

Alesiddi dice:

Bene... Il mio dubbio sorge perché il condomino nominato regolarmente in assemblea e all'agenzia, non viene eletto Amministratore ma Rappresentante, in quanto non lo fa per mestiere e lo può essere solo chi lo fa per mestiere, infatti non ha gli obblighi e le mansioni di un Amministratore professionista. Chiedevo in questo caso. Dove comunque i soldi devono transitare e il condominio esiste ed è registrato. A ciò aggiungo e chiedo pure per la contabilità 

In questo caso non sarebbe obbligatorio aprire un conto corrente, ma, a parte quello che prevede il codice, sarebbe in ogni caso opportuno avere un conto corrente condominiale, se non altro per una corretta e trasparente gestione amministrativa.

×