Vai al contenuto
Condominio Web: Il condominio, gli Immobili e le locazioni
seany

Proprietario/diritto di abitazione

Buongiorno a tutti.

Un'informazione: appartamento abitato da persona con diritto di abitazione. Le spese ordinarie sono a suo carico. Se non paga, ne risponde in solido il proprietario?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Immagino sia un usufrutto, se l'usufruttuario non paga l'amministratore chiederà al nudo proprietario ed il proprietario si potrà rivalere sull'usufruttuario

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Perfetta la risposta di Tullio.

 

In questa pagina trovi precisi riferimenti circa le attribuzioni tra proprietario e usufruttuario:

 

http://www.condomini.altervista.org/Usufrutt.htm

Grazie! Da quello che leggo risulta che il proprietario non risponde se l'usufruttuario non paga.

L'unico dubbio che ho è legato al fatto che non è usufruttuario. Non è riportato questo ma un diritto di abitazione. Non so se sono la stessa cosa

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Grazie! Da quello che leggo risulta che il proprietario non risponde se l'usufruttuario non paga.

L'unico dubbio che ho è legato al fatto che non è usufruttuario. Non è riportato questo ma un diritto di abitazione. Non so se sono la stessa cosa

Dopo la riforma:

Art. 67

L'usufruttuario di un piano o porzione di piano dell'edificio esercita il diritto di voto negli affari che attengono all'ordinaria amministrazione e al semplice godimento delle cose e dei servizi comuni.

Nelle altre deliberazioni, il diritto di voto spetta ai proprietari, salvi i casi in cui l'usufruttuario intenda avvalersi del diritto di cui all'articolo 1006 del codice ovvero si tratti di lavori od opere ai sensi degli articoli 985 e 986 del codice. In tutti questi casi l'avviso di convocazione deve essere comunicato sia all'usufruttuario sia al nudo proprietario.

Il nudo proprietario e l’usufruttuario rispondono solidalmente per il pagamento dei contributi dovuti all'amministrazione condominiale.

L'usufrutto ed il diritto di abitazione sono simili, sebbene l'usufruttuario possra anche raccogliere i frutti (può fittare), mentre chi ha diritto di abitazione (come il coniuge superstite) può solo godere dell'appartamento (al pari di un inquilino) ma non può disporre del bene come meglio crede.

 

Se già usufruttuario e proprietario sono solidali, figuriamoci se non devono esserlo propietario e titolare di diritto di abitazione.

La Norma, in pratica, ha voluto tutelare il condominio.

Se tra i litiganti non c'è accordo, l'amministratore preferibilmente si rifarà sempre sul proprietario perchè è l'unico che sicuramente ha da perdere almeno l'appartamento che può essere pignorato e messo in vendita all'asta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Esatto, dopo la riforma qualcosa è cambiato.

 

Per quanto riguarda la differenza tra usufrutto e diritto di abitazione nel primo caso l'usufruttuario può disporre dell'immobile come ritiene più opportuno eventualmente anche affittandolo a terzi e riscuotendo l'affitto, nel secondo caso ha solo il diritto di abitazione ma non può disporne in altro modo come nel primo caso.

Per quanto riguarda le spese da sostenere invece usufrutto e diritto di abitazione hanno gli stessi diritti e doveri.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inserisci un quesito anche tu

Devi registrarti per inserire quesiti o rispondere al forum

Crea un account

Iscriviti adesso per accedere al forum. È facile!

Registrati gratis

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
×