Vai al contenuto
MikeP

Problemi in assemblea per il riparto della spesa da deliberare

Gestisco ( da alcuni mesi) un condominio che ha una causa legale con il costruttore per vizi gravi dell’immobile. Purtroppo la società è in liquidazione e credo che pur vincendo la causa il condominio non riuscirà ad incassare un euro.

Il condominio, composto da 17 unità, presenta i box nel piano interrato e degli appartamenti dotati di proprio giardino nel piano terra. Dai giardini quando piove passa umidità, infiltrazioni di acqua nei garage oltre che per risalita umidità, muffa negli appartamenti dei proprietari dei giardini stessi.

Il CTU nominato dal giudice ha riferito nella propria relazione la mancata impermeabilizzazione avvertendo che tali lavori diventeranno nel corso degli anni sempre più urgenti visto che l'acqua va anche sulle parti strutturali ( pilastri) del condominio.

Alcuni condomini vorrebbero ripartire la spesa, applicando per analogia art. 1125, ovvero 50% garage e 50% proprietari dei giardini altri secondo i millesimi di proprietà.

Come deve comportarsi l’amministratore? Quale criterio è corretto per il riparto della spesa?

 

Vi ringrazio anticipatamente

art. 1123, solo per millesimi di proprietà in fatti citando l'articolo si trova scritto: ''le spese necessarie per la conservazione ed il godimento delle parti comuni dell’edificio, per la prestazione dei servizi nell’interesse comune e per le innovazioni deliberate dalla maggioranza sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno, salvo diversa convenzione''.

Come si vede, il principio sopra riportato costituisce il criterio primario di suddivisione degli oneri condominiali ed è improntato alla ripartizione delle spese sulla base del valore delle proprietà dei singoli partecipanti alla comunione, e, pertanto, in base ai millesimi di proprietà di ciascuno di essi.

Io ho pensato di ripartire la spesa sulla base dell'art. 1125 ovvero 50% i proprietari dei giardini e 50% i proprietari dei garage. Così recitano alcune sentenze in merito

×