Vai al contenuto
AAGG

Problematiche riscaldamento

Buongiorno

sono un condomino che possiede una proprietà in montagna.

 

Da circa 1 anno è presente nel condominio una problematica relativa alla presenza di aria nell'impianto.

Tale malfunzionamento si presenta maggiormente nella mia abitazione (rispetto ad altri appartamenti) e dopo circa 3 ore di funzionamento. Ho effettuato tutte le azioni necessarie quali lo svuotamento impianto del mio appartamento per eliminare aria ma il problema rimane. 

L'aria si presenta in tutti i termosifoni dell'abitazione e lascia oltre il 35% dei termosifoni freddi e questo malfunzionamento impedisce  il riscaldamento del mio appartamento. 

Tale problema si presenta sempre con maggiore impatto quando nel condominio ci sono pochi appartamenti abitati oppure quando il riscaldamento non entra in funzione per molto tempo.

Questo malfunzionamento, vista la presenza di apparecchiature che controllano le "ore di funzionamento", mi provoca un aumento delle ore di consumo con relativo addebito economico.

Ho avvisato l 'amministratore di questo problema e la soluzione del problema(presentata dalla società che ha costruito l impianto)  è l'immissione all'interno dell'impianto di un liquido che impedisce la formazione dell'aria.

ad oggi dopo 4 solleciti non c'e stata nessuna risposta ne azione da parte dell'amministratore.

Sono arrivato alla conclusione che:

- Faro scrivere  una diffida all'amministratore per tale comportamento da parte del mio legale.

- Non paghero le ore di riscaldamento aggiuntive causate dal problema tecnico

 

Esiste un metodo per obbligare amministratore a eseguire questa operazione nell'impianto?

Grazie

 

 

 

 

AAGG dice:

Esiste un metodo per obbligare amministratore a eseguire questa operazione nell'impianto?

L'unico modo è quello che hai detto, diffidare l'amministratore affinché si attivi per risolvere il problema, in mancanza d'esito, dovrai attivare le opportune azioni legali nei confronti del condominio.

AAGG dice:

Non paghero le ore di riscaldamento aggiuntive causate dal problema tecnico

questo non te lo consiglio perché potrebbe costarti la notifica del decreto ingiuntivo per mancato pagamento delle quote e passeresti dalla ragione al torto.

Non pagherò una quota del riscaldamento non tutta la quota del consumo/anno.

Visto che quando il riscaldamento funziona correttamente l'incremento della temperatura è di circa 1,4 gradi/ora e mentre,  quando è presente il problema dell'aria, il riscaldamento sale di circa 0,5 gradi/ora ( 9 ore di funzionamento del riscaldamento e salita riscaldamento 5 gradi) il calcolo è presto fatto.

Per il diffido è gia stato spedito...il legale seguira!

 

 

AAGG dice:

Buongiorno

sono un condomino che possiede una proprietà in montagna.

 

Da circa 1 anno è presente nel condominio una problematica relativa alla presenza di aria nell'impianto.

Tale malfunzionamento si presenta maggiormente nella mia abitazione (rispetto ad altri appartamenti) e dopo circa 3 ore di funzionamento. Ho effettuato tutte le azioni necessarie quali lo svuotamento impianto del mio appartamento per eliminare aria ma il problema rimane. 

L'aria si presenta in tutti i termosifoni dell'abitazione e lascia oltre il 35% dei termosifoni freddi e questo malfunzionamento impedisce  il riscaldamento del mio appartamento. 

Tale problema si presenta sempre con maggiore impatto quando nel condominio ci sono pochi appartamenti abitati oppure quando il riscaldamento non entra in funzione per molto tempo.

Questo malfunzionamento, vista la presenza di apparecchiature che controllano le "ore di funzionamento", mi provoca un aumento delle ore di consumo con relativo addebito economico.

Ho avvisato l 'amministratore di questo problema e la soluzione del problema(presentata dalla società che ha costruito l impianto)  è l'immissione all'interno dell'impianto di un liquido che impedisce la formazione dell'aria.

ad oggi dopo 4 solleciti non c'e stata nessuna risposta ne azione da parte dell'amministratore.

Sono arrivato alla conclusione che:

- Faro scrivere  una diffida all'amministratore per tale comportamento da parte del mio legale.

- Non paghero le ore di riscaldamento aggiuntive causate dal problema tecnico

 

Esiste un metodo per obbligare amministratore a eseguire questa operazione nell'impianto?

Grazie

 

 

 

 

Buonasera,

Con buona probabilità vi è la presenza di un terzo responsabile conduzione e manutenzione impianto, figura a cui comunicare le deficienze di funzionamento da lei lamentate.

il nominativo e l'indirizzo di questa figura sono nella cartellonistica in prossimità dell'ingresso della centrale termica.

Invii le sue comunicazioni PEC o raccomandata anche a questa azienda, avranno sicuramente un peso maggiore e una risposta più rapida.

AAGG dice:

l'immissione all'interno dell'impianto di un liquido che impedisce la formazione dell'aria.

La soluzione è strana, riesce a contattare l'azienda propositrice e identificare il nome di questo miracoloso prodotto?

Potrebbe essere la soluzione fantascientifica di migliaia di problematiche in essere......

 

 

×