Vai al contenuto
Spapparo82

Problema cedolare secca e imposta di registro

Gentilissmi , buongiorno a tutti,

volevo chiedervi una soluzione indolore al problema che è il seguente:

mio padre nel 1994 ha stipulato e registrato contratti di fitto 4+4, e pagato le relative tasse per i primi 4 anni (registro irpef ectect), passati i 4 anni (dato che nessuno gli ha detto o almeno io non ero presente perchè avevo 12 anni) non ha dato comunicazione all'ade che il contratto proseguiva per gli altri 4 anni perchè come scritto anche nel contratto si intendeva tacitamente rinnovato, nonostante questo ha pagato le varie tasse, tranne l'imposta di bollo/registro.(E che fino ad adesso nessuno ci ha richiesto)

Dato che adesso vorremmo passare alla cedolare secca, volevo capire cosa era più conveniente fare se mandare all'inquilino raccomandata per avvistarlo del passaggio o fare un contratto ex novo dal 1 gennaio 2015, magari intestandolo all'altro coniuge o ad uno dei figli per evitare di pagare il bollo per gli eventuali ultimi 5 anni....

A cosa vado incontro nella seconda opzione, rischio il penale, dato che anche all'ade non risulta il cotratto che per loro è finito nel '98, visto che in buona fede mio padre ha considerato quanto c'era scritto nel contratto che si ritiene tacitamente rinnovato?

Diciamo inoltre che il 1/9/2014 il contratto ha fatto venti anni quindi, nell'eventualità ci fosse stato rinnovo come prevede la legge, posso fare qualcosa per ricollegarlo al vecchio? Inoltre quanto dovrebbe essere l'importo della spesa per il bollo/registro sapendo che il canone è di 285 euro mensili?

Infine quale legge devo applicare sulla mora, quella che devo pagare il registro + mora o solo la sanzione se non ho capito male? (fonte questo articolo http://sosonline.aduc.it/scheda/ravvedimento+operoso+nei+contratti+affitto_970.php )

Spero di essere stato più chiaro possibile nell'eventualità chiedete

A prestissimo spero

Se anche l'inquilino è daccordo, la soluzione migliore è fare un contratto nuovo e registrarlo optando per il regime di cedolare secca. Il vecchio contratto è ormai morto e sepolto ...meglio non disturbarlo.

Se anche l'inquilino è daccordo, la soluzione migliore è fare un contratto nuovo e registrarlo optando per il regime di cedolare secca. Il vecchio contratto è ormai morto e sepolto ...meglio non disturbarlo.

Ciao grazie della risposta però ho avuto altre info e aggiunta di altre variabili dal conduttore;

Le info che l'ade mi ha consigliato di pagare gli ultimi 5 anni come ravvedimento altrimenti rischio che "accorgendosene loro" potrebbero farmi pagare tutti gli anni mancanti più more e sanzioni...., perchè se poi farei il contratto ex novo cmq potrebbero dirmi che cmq avrei redditi non giustificabili irpef avendo dichiarato proventi senza un teorico contratto....

Le variabili dell'inquilino invece sono queste che lui e il padre sono residenti in un alloggio popolare, che però hanno dovuto lasciare per motivi familiari e quindi vorrei capire se eventualmente uno di loro potrebbero subentrare nel contratto o firmarne uno nuovo, senza perderne la possibilità di avere la residenza li per poter riscattare l'appartamento appena esca il bando per farlo.

Eventualmente potrebbero loro firmare per il nuovo contratto e farlo figurare come seconda casa?/ domicilio uso abitativo?

Credo sia tutto a presto e grazie sempre in anticipo

×