Vai al contenuto
modwii

Primi adempimenti costituzione nuovo condominio

Ciao a tutti, ho approfondito un po' i temi legati alla costituzione del condominio e i primi adempimenti obbligatori ma vorrei che qualcuno mi confermasse queste affermazioni:

 

- è nulla la costituzione di un'assemblea di condomini che non abbiano ancora rogitato dal momento che non si configura il condominio (le proprietà sono ancora in capo al venditore)

- è nulla la nomina dell'amministratore nominato dall'assemblea di cui sopra

- è nulla la nomina dell'amministratore da parte dell'impresa cedente (ancorché scritto nel rogito di compravendita)

 

Qual è la prassi corretta per la costituzione del condominio nel caso in cui si voglia creare il codice fiscale intestato al condominio (non è possibile avere il CF prima della nomina dell'amministratore)?

 

Credo che i primi adempimenti siano quelli più delicati poiché alle volte si fanno delle forzature in sede di costituzione che possono risultare poi oggetto di problemi futuri (ve lo immaginate nominare un amministratore con provvedimento nullo?). Non mi pare si parta bene...

 

Grazie

Scritto da modwii il 23 Giu 2012 - 09:03:30: Ciao a tutti, ho approfondito un po' i temi legati alla costituzione del condominio e i primi adempimenti obbligatori ma vorrei che qualcuno mi confermasse queste affermazioni:

 

- è nulla la costituzione di un'assemblea di condomini che non abbiano ancora rogitato dal momento che non si configura il condominio (le proprietà sono ancora in capo al venditore)

- è nulla la nomina dell'amministratore nominato dall'assemblea di cui sopra

- è nulla la nomina dell'amministratore da parte dell'impresa cedente (ancorché scritto nel rogito di comprav [...]

Il condominio nasce spontaneo quando i proprietari di uno stabile e/o proprietà sono più di uno, per cui dal memento in cui il costruttore rogita il 1° appartamento nasce il condominio, da questo momento in poi si potrebbe chiedere la nomina dell'amministratore (non ancora necessaria sino a che i proprietari non siano superiori a 4) ma non vietata, e l'attribuzione del CF condominiale a cura del rappresentante legale del condominio e/o dall'amministratore recandosi all'AdE con il verbale di nomina (alle volte neppure richiesto) compilndo il mod aa 5/6

In seguito si potrà redigere un regolamento, se i condomini saranno più di dieci .... ecc ecc, la storia è appena cominciata ....

 

Modificato Da - tuxx il 23 Giu 2012 10:23:09

Grazie, quindi non appena rogita il primo condomino l'impresa costruttrice avendo la maggioranza del valore dello stabile potrebbe teoricamente nominare un amministratore con assemblea senza attendere che abbiano rogitato tutti gli altri?

In teoria si, però dovrebbe avere anche la maggioranza delle teste oltre a quella dei millesimi, ossia il 1° acquirente deve essere d'accordo alla nomina di quell'amministratore, poichè tutte te delibere necessitano di doppia maggioranza (teste e millesimi)

no,l'amministratore viene nominato dall'assemblea .

il costruttore eventualmente propone un amministratore ,ma non nomina votera' e se ci sono le dovute maggioranze (teste e quote di proprieta')il suo candidato verra' nominato .

 

ricorda occorrono sempre due maggioranze .

 

Prendete in mano la vostra vita e fatene un capolavoro.

(Papa Giovanni Paolo II )

×