Vai al contenuto
paolo gol

Presidente e segretario rifiutano di verbalizzare

Come fare se un condomino vuole fare un intervento per la discussione di un ordine del giorno è presidente e segretario si rifiutano di verbalizzare(si deve andare o chiamare avvocato o far intervenire forze dell'ordine)?

Salve,

in assemblea c'è diritto di parola ed il Presidente e Segretario hanno l'obbligo di verbalizzare tutto ciò che viene richiesto dall'assemblea e quindi dai singoli condomini. Se si rifiutano, sarà necessario nominare un nuovo presidente o segretario. Il loro ruolo è quello di super partes che coordinano gli interventi assembleari per evitare che diventi troppo confusionaria.

 

Cordiali saluti.

Il presidente deve quindi verificare (basandosi comunque sulla "anagrafe condominiale", che rientra

tra i compiti istituzionali dell'amministratore) se i partecipanti hanno diritto di voto, allontanando

gli eventuali terzi estranei, e deve poi dirigere in modo ordinato la riunione, in modo che tutti quelli

che lo desiderano abbiano la possibilità di esprimersi, ma che comunque si proceda, anche dettando

i tempi della discussione; non ha invece l'obbligo di far verbalizzare qualsiasi stupidaggine detta dai

condomini, ma non può del tutto eludere le richieste in tal senso, magari sintetizzando le relative

dichiarazioni. Ha infine l'importante compito di verificare e far verbalizzare esattamente il risultato

delle votazioni sui vari punti e poi di controllare e controfirmare il verbale.

Avv. Davide Civallero - Socio I.R.C.A.T

Come fare se un condomino vuole fare un intervento per la discussione di un ordine del giorno è presidente e segretario si rifiutano di verbalizzare(si deve andare o chiamare avvocato o far intervenire forze dell'ordine)?
Dipende cosa il condomino vuol far verbalizzare, se è inerente all'argomento è giusto sia trascritto, magari in modo conciso, se invece non c'entra assolutamente nulla con il condominio, il Presidente può rifiutare la scrittura sul verbale;

 

Ilprocesso verbale che ex art. 1136, u.c., c.c., deve essere redatto etrascritto nel registro tenuto dall'amministratore, ha la funzione didocumentare la valida costituzione dell'organo, la formazione e ilcontenuto della volontà condominiale espressa attraverso le assuntedelibere, sì che non sussiste alcun obbligo ex lege e,specularmente, alcun diritto dei condomini a veder riprodotti nelverbale ogni loro osservazione, richiesta o dichiarazione che esulidai suddetti contenuti.

×