Vai al contenuto
Orselli

Presidente Assemblea - posso io impugnare detto verbale anche se da me sottotetto nella qualità di presidente

Avendo presieduto all'ultima assemblea condominiale nella confusione generale e nella fretta per la tarda ora ho chiesto all'amministratore di inviarmi copia di quanto scritto. Mi trovo ora ad aver approvato cose che io non volevo, come ripartizione acqua con millesimi, argomenti all'ordine del giorno non trascritto sul verbale ma discussi. posso io impugnare detto verbale anche se da me sottoscritto nella qualità di presidente e se si quanto tempo ho?

Quello che è scritto sul verbale, vale.

Comunque secondo me hai sbagliato tu, il verbale è bene leggerlo ai presenti e poi firmarlo, mai lasciare ad un altro la possibilità di modificare o scriverlo a proprio piacimento e poi consegnarlo al presidente con calma il giorno dopo o più per la firma.

Bisogna mettersi in testa che il verbale va firmato seduta stante e ottenere copia, se non fosse possibile si scrive il verbale con la vecchia e cara carta carbone, una copia al presidente ed una all'amministratore, così nessuno potrà cambiare nulla.

Si certo, pero' nel verbale è citata la sentenza n°17557 del 2014 per la ripartizione dell'acqua in millesima nonostante vi siano tutti i sottolettori in funzione. La lettura non è stata mai presa benche' fosse stata deliberata in vecchie assemblee, inoltre posso chiedere le dimissioni dell'amministratore e quanti condomini possono chiederlo insieme a me?

Se ci sono i sottocontatori del consumo dell'acqua si usano quelli (D.P.C.M. 4 marzo 1996)

Le dimissioni non si chiedono, le dimissioni si rassegnano, ovvero tu e altri condomini potete chiederle ma è l'amministratore a lasciare se vuole

Voi condomini potete revocare l'amministratore e nel contempo nominare un successore, questo si fa, non si richiedono le dimissioni.

Scusami mi sono espresso male intendevo revocare l'amministratore no le sue dimissioni

Per revocare l'amministratore e nominare il successore voi condomini potreste avvalervi dell'art. 66 Dacc (almeno 2 condomini rappresentanti almeno 1/6 del valore del condominio pari o superiore a 166.66p mlm) richiedendo all'amministratore in carica un'assemblea straordinaria (meglio con lettera RR) con all'OdG “nomina amm.re” e quant'altro desiderate deliberare, se lui non stabilisce una data per questa assemblea entro 10 gg (dalla ricezione) gli stessi richiedenti potranno convocarla con lo stesso OdG richiesto, inviando una lettera RR, o fax, o Pec, oppure lettera consegnata a mano a tutti i proprietari invitandoli all’assemblea che si terrà in data “gg.mm.aa.” comunicando anche la 2° convocazione che si terrà almeno un giorno dopo e non oltre 10 gg dalla prima, specificando anche luoghi e ore e OdG (lo stesso richiesto), la comunicazione deve giungere almeno 5 gg prima della 1° riunione. Cercate per tempo un bravo amministratore e assicuratevi di ottenere in assemblea la maggioranza del 2°c. Art. 1136. cc 1° e 2° convocazione - maggioranza delle teste dei partecipanti all'assemblea rappresentanti almeno la metà del valore dell'edificio (500 mlm)

Salve mi inserisco con un domanda: in sede di assemblea pur essendo stato nominato il segreteria  l ' amm.re si è reso disponibile a scrivere al computer il verbale.

Dopo le discussioni all' ordine del giorno l' amministratore ha riletto il verbale ad alta voce e ha fatto firmare al segretario e al presidente lo stesso.

Due giorni dopo agli assenti arriva un verbale e rileggendolo perché uno degli assenti mi ha chiesto spiegazioni ho constatato che al verbale è stata aggiunta una terza pagina intermedia contenente cose che non sono MAI state neanche sfiorate in assemblea. In quarta pagina le  firme del presidente e del Segretario. E' chiarissimo che la terza pagina è stata aggiunta successivamente.

Ovviamente in questo caso possiamo fare poco per contestare il verbale in quanto non c' è una copia

scritta a mano e al momento non abbiamo chiesto una fotocopia.

Ma questo ha messo in seria difficoltà il segretario e il Presidente, che ignari, si sono visti attaccati dagli altri condomini.

Si può chiedere di riportare il verbale all' originale visto e firmato in assemblea?

Mi attengo al quesito specifico del postante. Premesso che la regolarità dell'assemblea di condominio prescinde dalla nomina in essa d'un presidente, come di un segretario, se nel relativo verbale (redatto quindi da qualsiasi condomino partecipe di persona o per delega) sono riportati fatti o delibere non rispondenti al vero (trattandosi di una scrittura privata si tratterebbe di 'falso ideologico) l'unico mezzo di contestazione è solo quello dell'impugnativa entro i fatidici trenta giorni di legge. Questo è quanto, senza svolazzi.     

Ospite
Questa discussione è chiusa.
×